Romelu Lukaku insiste che può diventare una stella del Chelsea per la seconda volta

Se Romelu Lukaku è il giocatore che aiuterà il Chelsea a vincere la Premier League, dovrà mostrarsi un calciatore più efficace dell’ultima volta che è stato in Inghilterra con il Manchester United.

Nella mente di Lukaku, non c’era dubbio che l’avrebbe fatto. I suoi due anni in Italia con l’Inter non solo hanno riportato un po’ di fiducia, ma hanno anche contenuto una svolta tecnica che, secondo alcuni, ha impiegato troppo tempo per arrivare. Per coincidenza, l’allenatore a cui è accreditato è Antonio Conte, che ha portato al Chelsea l’ultimo scudetto nel 2017.

“Il gioco italiano è molto diverso perché è molto tattico e tecnico”, ha detto Lukaku mercoledì.

Lukaku è arrivato dall'Inter

Romelu Lukaku ha iniziato ad allenarsi con i suoi nuovi compagni di squadra del Chelsea dopo il suo trasferimento

Il belga è tornato allo Stamford Bridge dopo un trasferimento di 98 milioni di sterline dall'Inter

Il belga è tornato allo Stamford Bridge dopo un trasferimento di 98 milioni di sterline dall’Inter

“Abbiamo sempre avuto molto possesso di palla. Il più delle volte tornavo in porta e tutto passava attraverso di me. Ricordo di averne parlato con Conte.

Mi ha detto che se non fossi stato bravo, non avrei giocato. Per me è stata una rivelazione. Una volta padroneggiato questo aspetto, tutto è diventato più facile per me.

Il gioco rallenterà e posso controllarlo di più e fare più passaggi. Questo era davvero qualcosa che volevo fare e volevo provare in un altro paese, perché pensavo che sarebbe stato utile per il resto della mia carriera.

Ora Lukaku, che ha ancora 28 anni, ha la sua occasione e sarà interessante vedere cosa succede.

Il suo primo periodo al Chelsea, iniziato quando aveva 18 anni, è memorabile e istruttivo. Ma il suo tempo all’Everton si è rivelato simile.

A volte, Lukaku era quasi ingiocabile, ma soprattutto quando la palla veniva giocata di fronte a lui o in aria. Al Manchester United è stato efficace occasionalmente, ma raramente quando gli è stato chiesto di contribuire al tipo di gioco di collegamento che ora afferma di aver perfezionato e sviluppato in Serie A.

È logico, quindi, che la sfida ora sia riportare la squadra di Thomas Tuchel nella lega che Lukaku ammette continua a offrire le sue sfide uniche. “Guardando la Premier League negli ultimi anni, i giocatori sono migliorati, le squadre sono migliorate e io sono pronto per la sfida”, ha detto.

“La Premier League ha un po’ di tutto, ma le esperienze in Italia mi hanno reso più completo come giocatore”.

Lukaku ha giocato con l'Everton, dove ha raggiunto il successo

Ma ha lottato per raggiungere le stesse vette costanti al Manchester United

Lukaku ha già partecipato alla Premier League, in particolare con Everton (a sinistra) e Manchester United (a destra) con alterne fortune.

Lukaku ha segnato 64 gol in 98 partite con il Belgio e 47 gol in 72 partite di Serie A, mettendolo accanto a quasi tutti gli attaccanti del calcio mondiale. All’Everton, tra il 2013 e il 2017, ha segnato anche un gol in Premier League, con una media di quasi uno ogni due partite.

Qualsiasi cosa del genere andrebbe bene con il Chelsea in questa stagione. Ma il suo periodo allo United – prima sotto Jose Mourinho e poi Ole Gunnar Solskjaer – è ancora fresco nella memoria. A volte, il belga è sembrato perso e mercoledì ha ammesso che è stata questa percezione di lui che lo avrebbe seguito in Inghilterra, almeno in parte.

READ  La Federazione italiana indaga contro Ibrahimovic e Lukaku

“La visualizzazione è qualcosa che si arriva a un punto in cui non si può resistere”, ha detto.

“È davvero qualcosa che ho pensato tra me e me quando sono andato in Italia. Essere parte di questa regione in cui la gente mi vede come una specie di giocatore non lo è.

Sono molto di più di quello che la gente vuole vedere. Penso che andare in Italia abbia mostrato al mondo quello che potevo fare, oltre a giocare per il Belgio.

Il 28enne ringrazia l'ex allenatore dell'Inter Antonio Conte per averlo reso un giocatore migliore

Il 28enne ringrazia l’ex allenatore dell’Inter Antonio Conte per averlo reso un giocatore migliore

“Avere le spalle al muro è qualcosa che ho vissuto sin da quando ero giovane, quindi non è una novità per me. È quello che è, lo accetto.

Faccio il mio lavoro in allenamento, sul campo, e qualunque cosa la gente dica, lasciala parlare. Non mi conoscono.

Vuoi rispetto, ma non vuoi continuare a lottare per questo perché perderai energie inutili. Non ne sto proprio parlando.

Lukaku ha vinto il campionato italiano la scorsa stagione, la sua unica medaglia da quando ha vinto il campionato belga con l’Anderlecht 11 anni fa.

Era al Chelsea quando ha vinto la Champions League nel 2012, ma non ha avuto alcun ruolo. Sorrise: “Io c’ero ma non c’ero”.

Lukaku non è riuscito a lasciare il segno dopo essere passato al Chelsea per la prima volta dieci anni fa dall'Anderlecht

Lukaku non è riuscito a lasciare il segno dopo essere passato al Chelsea per la prima volta dieci anni fa dall’Anderlecht

Prima di questo trasferimento al club di West London per quasi £ 100 milioni, Lukaku ha parlato con artisti del calibro di Didier Drogba e Thierry Henry. Ma dice che la sua conversazione più illuminante è stata con il suo nuovo allenatore, Tuchel.

READ  Il ritorno di Federico Dimarco e le prestazioni precampionato convincono l'Inter a non ingaggiare l'esterno sinistro.

“Quello che mi piace è che c’è un piano di gioco diverso per ogni partita”, ha detto Lukaku. Questo è qualcosa che gli ho detto nella nostra prima conversazione. Dissi: “Guarda, ho cercato di capire cosa stai cercando di fare con la squadra, ma non l’ho mai capito davvero perché ogni partita era diversa”.

Questo è ciò che mi ha davvero incuriosito di venire a giocare con lui. Perché è un allenatore molto forte tatticamente.

Voleva qualcosa di diverso da aggiungere alla squadra rispetto a quello che aveva. Penso di essere diverso da tutti i giocatori che ha.

La maglia numero 9 che indosserà Lukaku – forse all’inizio di domenica all’Arsenal – ha pesato sui suoi ex occupanti. Lukaku ha probabilmente più cose da dimostrare della maggior parte di quelli che sono venuti prima, anche se non lo sa ancora.

L'allenatore del Chelsea Thomas Tuchel spera che il belga possa aumentare l'attacco della sua squadra in questa stagione

L’allenatore del Chelsea Thomas Tuchel spera che il belga possa aumentare l’attacco della sua squadra in questa stagione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *