Quanto sono migliori i nuovi giochi? • Eurogamer.net

La trilogia completa di Crysis Remastered è disponibile questa settimana! Basandosi sull’attuale lancio del remaster originale di Crysis, entrambi i sequel sono stati ora aggiunti al mix, colpendo PlayStation, Xbox, console Switch e, naturalmente, PC. Ma come hanno cambiato il gioco questi trasformatori? Come possono i vecchi giochi del 2011 e 2013 essere all’altezza dell’hardware di oggi? E hanno ancora il fattore grafico wow che li ha definiti in passato?

Parleremo prima delle versioni PC, con Crysis 2 e Crysis 3 che ricevono il massimo dell’amore. In tal caso, consiglio vivamente di guardare il video incorporato di seguito, in cui Alex Battaglia sperimenta la massima felicità di avere sia Crysis che Ray Tracing ancora una volta riuniti in un unico glorioso insieme. Ma in realtà ci sono più giochi che RT aggiunge solo, sicuramente nel caso di Crysis 2 Remastered.

Se ricordate, Crysis 2 è stato inizialmente lanciato come un gioco DirectX9, prima di ricevere un sostanziale aggiornamento DX11: questa versione successiva che funziona alle impostazioni massime è il principale punto di confronto per PC quando si valuta il remaster, e diciamo solo che i cambiamenti sono profondi. L’estetica è completamente diversa, grazie in parte alla nuova tonalità di colore: il filtro a trasformatore “teal and orange” è ormai un ricordo del passato. Questo è combinato con l’effettiva rielaborazione dell’opera d’arte sottostante, consentendo alle trame di stare meglio sui display ad alta risoluzione di oggi.

Ecco il tuo PC che analizza i miglioramenti apportati a Crysis 2 e Crysis 3 così come appaiono nelle nuove skin ridisegnate.

In termini di tecnologia, l’illuminazione è stata radicalmente migliorata. La combinazione del gioco DX11 di illuminazione diffusa e mappe di illuminazione speculare è stata sostituita da SVOGI, una tecnologia di illuminazione globale in tempo reale, che funziona in combinazione con il ray tracing accelerato dall’hardware per i riflessi. In termini di GI, SVOGI fa miracoli quando si guarda all’illuminazione più vecchia, guidata dall’artista e più semplice, con il video approfondito sulla grande differenza che questo fa.

READ  Coromon porta più azione in stile Pokémon su Nintendo Switch il prossimo anno

Instrumentation RT si comporta magnificamente su acqua, vetro e trasparenze, dove le mappe cubiche statiche vengono sostituite da riflessi dinamici in tempo reale, anche rispecchiando il lettore. La trasparenza non è l’unico punto in cui il ray tracing aiuta, poiché si applica a tutti gli oggetti dello scenario, migliorando notevolmente l’aspetto di metallo, plastica, legno e qualsiasi cosa in cui Crysis 2 RT utilizzi qualsiasi materiale con un certo grado di riflettività. Data la quantità di materiale moderno in Crysis 2, i riflessi del ray tracing fanno miracoli sull’illuminazione diffusa fornita tramite SVOGI, migliorando notevolmente la grafica dell’intero gioco in un modo molto più drammatico rispetto all’RT visto nel primo Crysis Remastered.

Il lavoro sugli effetti è stato migliorato e le animazioni delle armi a look singolo ora vengono eseguite a 30 fps a frame rate completo. Combinando nuova illuminazione, materiali raffinati, texture ad alta risoluzione e combinazioni di colori migliorate, Crysis 2 è un gioco rinnovato. Questa volta non solo le console possono sfruttare le funzionalità di RT, ma tutti gli altri aspetti del fattore lavoro rimasterizzato sono nell’equazione. PS4 Pro, PS5, Xbox One X e Xbox Series X funzionano in una scala di risoluzione dinamica da 1080p a 2160p, mentre la Serie S riduce il ridimensionamento a una finestra di 900p-1440p. 60fps è un blocco stretto su tutti i nuovi sistemi, vietando l’instabilità minore della serie S e la balbuzie del checkpoint su PlayStation, con Pro e One X che bloccano invece fino a 30fps. L’ultima generazione di piattaforme? È 1080p su PS4, 900p su Xbox One con ritocchi e flessioni su LOD e mosaici, ma ancora una volta è un buon 30fps costante.

READ  Casuale: la storia del posizionamento delle foto delle stagioni è il motivo per cui non possiamo avere cose carine

John Linneman e Alex Battaglia condividono la loro esperienza con Crysis 2 Remastered su piattaforme Xbox e PlayStation.

Crysis 3 è interessante in quanto la sua data di uscita del 2013 ha visto lo sviluppo di CryEngine e l’adozione di diverse tecnologie che alla fine avrebbero trovato la loro strada nei titoli della trilogia. La sua natura lungimirante, combinata con elementi specifici nella sua composizione artistica, significa sostanzialmente che gli aggiornamenti sono più limitati rispetto a Crysis 2. Infatti, a parte piccole modifiche, le build della console (tutte con le stesse caratteristiche e le stesse caratteristiche di Crysis 2 ) vengono tramite più porte del computer rispetto alle riconfigurazioni fisiche. Sembrerà fantastico, tuttavia, e le prestazioni sono altrettanto solide, ma ripeto, lo stutter del checkpoint e una maggiore propensione al crash rendono le build PS4/PS5 meno solide rispetto ai loro equivalenti Xbox.

Tuttavia, la versione PC di Crysis 3 Remastered riceve molto amore. Ciò che non otteniamo è praticamente un’arte ridisegnata, intendiamoci, mentre SVOGI è fuori discussione. Il miglioramento più evidente sono i riflessi del ray tracing, che migliorano ancora una volta il realismo dei materiali testurizzati e l’illuminazione generale. Crysis 3 è ricco di molte superfici e ambienti organici, tuttavia, il ray tracing aiuta a eliminare molto bagliore della mappa del cubo e perdite di luce.

Per quanto riguarda l’acqua, i riflessi di ray tracing passano in secondo piano nella versione PC di Crysis 3 Remastered, poiché Crytek ha scelto di implementare i riflessi planari completi per tutte le superfici piatte dell’acqua nel gioco. Questo è pesante per le prestazioni, ma rimuove le imprecisioni nelle mappe di cubettatura e i riflessi dello spazio sullo schermo. Qui, immaginiamo che Crytek abbia deciso di utilizzare i riflessi planari piuttosto che i riflessi RT esclusivamente sull’acqua, poiché i loro riflessi RT tendono ad essere più specifici in ciò che la geometria è completamente riflettente.

READ  Elenco dei dettagli degli sviluppatori di Soulstorm 'Major Fixes' dopo il lancio roccioso • Eurogamer.net

I due nuovi miglioramenti sono disponibili anche su Switch! Ecco la nostra copertura in anteprima di Crysis 3 Remastered su un dispositivo mobile Nintendo. Questo è il gettone chiave d’oro e il primo giorno dovrebbe mostrare qualche miglioramento.

Altri aggiornamenti puramente grafici, pochi e rari in Crysis 3 rimasterizzato, ad esempio Grass ora ha impianti più raffinati rispetto alle versioni successive di CryEngine, sono un aggiornamento piccolo ma apprezzato. Gli aggiornamenti più grandi generalmente arrivano con il gioco in azione, poiché il DLSS fa un lavoro di anti-aliasing molto migliore rispetto al vecchio gioco. La fisica dell’acqua non è più bloccata a 30 fps, il che le conferisce sempre un aspetto “framework”. Inoltre, l’animazione dell’erba ora funziona anche a frame rate completo. Questo è un altro effetto a 30 fps nel gioco originale che non era eccezionale. Sono stati apportati miglioramenti, tuttavia, e anche se il nuovo Crysis 3 è più impegnativo per la grafica rispetto al vecchio, il lato CPU dell’equazione sembra più leggero, sebbene l’erba a 30 fps fosse ad alta intensità di processore nella versione più vecchia del gioco.

Finalmente, al termine di una settimana di lavoro analitico che richiede tre membri del team di Digital Foundry, le notizie sono buone. Sebbene Crysis 2 non sia prestigioso quanto il gioco originale, ha spinto i confini nella tecnologia di gioco e, sebbene richiedesse una grafica di prim’ordine, Transformers ha assicurato che questi titoli avrebbero continuato ad espandersi con i PC in futuro. Per quanto riguarda le console, ciò che gli utenti ottengono sono giochi molto coinvolgenti con prestazioni solide che servono a dimostrare che, sebbene abbastanza diversi dal primo gioco, ci sono ancora alcune potenti azioni di campagna per giocatore singolo da godere qui.

In termini di futuro della trilogia, pensiamo che il “boom definitivo” che Crytek potrebbe prendere in considerazione sia il rilascio di un editor sandbox per tutti i reset del PC, proprio come ha fatto in passato con Crysis 1 e il suo sequel. Quello che abbiamo oggi è il benvenuto, ma rendere le mod più accessibili sarà la ciliegina sulla torta, aprendo le porte a nuovi contenuti di Crysis nei prossimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *