Nadal “fa tutto il possibile” per essere in forma per il torneo

Il numero uno al mondo, Novak Djokovic, ha detto di non avere “molto rispetto” per la schietta superstar australiana Nick Kyrgios lontano dal campo da tennis.

Kyrios ha criticato Djokovic in una disputa in corso con il 17 volte campione del Grande Slam, che ha descritto il primo come uno “strumento” dopo un elenco di domande presentate a Tennis Australia (TA) e al governo vittoriano per i tennisti bloccati in quarantena in hotel la pandemia di coronavirus.

Precedentemente classificato al 13 ° posto, Kergius ha criticato la decisione di Djokovic di organizzare il tour di Adria in Europa lo scorso agosto – nel mezzo della crisi del Coronavirus – dopo aver definito “annoiato” l’ex star serba.

Djokovic ha ripristinato la sua rivalità con Kyrios dopo che gli è stato chiesto del 25enne alla vigilia degli Australian Open.

“L’ho già detto”, ha detto domenica ai giornalisti Djokovic. “Penso che sia bravo per lo sport. È chiaramente una persona diversa. Gioca a tennis, fa le sue cose fuori dal campo a modo suo”.

“Lo rispetto. Rispetto davvero tutti gli altri perché tutti hanno il diritto e la libertà di scegliere come vogliono esprimersi e cosa vogliono fare. Il mio rispetto per lui è per il tennis che gioca. Penso che sia un uomo di grande talento, ha un grande gioco, e ha dimostrato. “Ha meritato di battere qualsiasi giocatore al mondo in passato.

“Fuori dal campo, non ho molto rispetto per lui, a dire il vero. Qui è dove chiuderò. Non ho altri commenti per lui, i suoi commenti privati ​​per me o qualsiasi altra cosa che stia provando. fare.”

READ  L'Italia esplode di gioia dopo aver vinto gli Europei di calcio | sport di bufalo

Djokovic ha vinto due volte la finale degli Australian Open in passato mentre cercava di raggiungere il nono titolo da record a Melbourne Park.

Il 33enne, che lunedì ha aperto la difesa del titolo contro Jeremy Shardy, ha vinto l’Australian Open ogni volta che è arrivato in semifinale.

Djokovic ha raggiunto almeno sette semifinali in sette degli ultimi nove tornei principali e ne ha vinti cinque.

Nessuna menzione ha vinto titoli di singolare maschile agli Australian Open più di Djokovic, che ha detto: “È una storia d’amore. Forse qualcosa di simile forse non come Rafa”. [Nadal] All’Open di Francia, ma ero più a mio agio in campo ogni anno tornavo.

“Più vinci, più sicurezza hai chiaramente e più felicità provi sul campo. È bello. Se sei nel giusto stato d’animo, indipendentemente dalla superficie, hai maggiori possibilità di giocare al tuo migliore.”

“Quando sono entrato in campo per la prima volta quest’anno per la sessione di allenatori, avevo dei ricordi dell’anno scorso, così come degli altri anni in cui ho vinto il campionato qui.

“Mi dà una sensazione fantastica, una sensazione fantastica e molta fiducia. Mi sento bene. Mi sento come il posto in cui devo essere e dove sono sempre stato in grado di dare il massimo nel tennis. Spero che sia un altro anno di successi. “

Alla domanda se si sente ancora nervoso, Djokovic – che sta cercando di colmare il divario tra Rafael Nadal e Roger Federer (entrambi 20) per vincere il maggior numero di titoli, ha aggiunto: “Ogni partita, ogni partita. Ogni partita. Io no. Voglio parlare a nome degli atleti Altri, ma mi sento quasi impossibile liberarmi del tipo di stress, anticipazione e nervosismo che vengono in ogni partita per un atleta, almeno nel mio caso.

READ  The Giants need more than better than Daniel Jones to beat the Cowboys

“Negli anni sono riuscito solo ad allenarmi, e penso che attraverso l’esperienza e anche la dedizione che ero fuori dal campo per la preparazione mentale, mi abbia aiutato a rispondere meglio a questo tipo di emozione. A volte non riesco a superare lo stress, la tensione e il nervosismo. Lo faccio, dipende molto. Anche se sono fortunato ad avere molto successo, soprattutto qui in Australia, ma anche nella mia carriera. Sento ancora quei fallimenti, se vuoi chiamarli così Quindi, anche se non credo nel fallimento, credo solo nelle opportunità di miglioramento, in una sorta di lezioni da imparare, ma in quei giochi si perde, i grandi giochi, dove si impara di più.

“È qui che incontri mentalmente questo tipo di muro. Sei sconvolto. Hai un sacco di cose diverse in corso e ti senti come se stessi deludendo te stesso. Questa è la tua più grande opportunità per affrontarlo davvero e diventare più forte e più capace . Ti conosci un po ‘a livelli più profondi. “Questo sta ancora accadendo a me.

“ Ad ogni torneo, indipendentemente dal mio successo passato, ovviamente sento di avere più fiducia, più esperienza e forse più allenamento per capire come gestire queste situazioni specifiche quando sono sul grande campo, e mi aspetto vincere il 99 percento delle partite che gioco.

“Ma è ancora lì. È ancora lì. Non credo che andrà mai via. Soprattutto quando l’occasione è grande, quando giochi per i premi più grandi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *