La Lega italiana completa la cessione dei diritti televisivi in ​​Italia con l’accordo Sky Sport

La Lega calcistica italiana ha affermato che la Serie A ha accettato l’offerta di pay-TV di Sky per ottenere i diritti di trasmettere tre partite in diretta su 10 ogni settimana per le prossime tre stagioni e per completare la vendita delle licenze di trasmissione locale fino al 2024.

I club di Serie A hanno accettato di vendere i diritti televisivi di tre partite su 10 al giorno a Sky, dopo che il campionato a marzo ha concesso a DAZN il servizio di trasmissione in diretta per tutte le partite del campionato italiano in un accordo del valore di 2,5 miliardi di euro.

I dettagli finanziari del contratto con Sky non sono stati resi noti. Fonti informate hanno detto in precedenza a Reuters che l’operatore di televisione a pagamento, di proprietà del gruppo statunitense Comcast, aveva offerto 263 milioni di euro per il pacchetto.

Come parte dell’accordo concluso venerdì, la Serie A ha dichiarato che Sky ritirerà le rivendicazioni legali sull’accordo sui diritti della lega con DAZN.

Sky aveva citato in giudizio per bloccare l’affare, affermando che la procedura di gara non era conforme alle leggi italiane volte a tutelare la concorrenza.

La Serie A ha guadagnato circa 2,8 miliardi di euro dalla vendita di licenze di trasmissione locale per la stagione 2021-22 e 2023-24.

Nell’attuale accordo triennale che termina a giugno, la Serie A ha raccolto circa 2,9 miliardi di euro da Sky e DAZN, con Sky che ottiene la parte del leone dei diritti.

READ  AT&T si è ramificata da DirecTV, AT&T TV Now e U-Verse in una nuova società

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *