La Francia affronta la quarta ondata con la corsa dell’Europa alla vaccinazione contro l’aumento del delta

“La nostra sorveglianza epidemiologica mostra un quadro in rapido sviluppo che conferma che anche nel nostro Paese, come nel resto d’Europa, il virus di tipo delta è diventato dominante”, ha affermato Anna Teresa Palamara, Direttore della Divisione Malattie Infettive presso la Stazione Spaziale Internazionale. Istituto Superiore di Sanità.

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha dichiarato la scorsa settimana che si aspetta che la variante delta rappresenti il ​​90% di tutti i casi nell’Unione europea entro la fine di agosto.

La variante sta iniziando a guadagnare terreno anche in Spagna, ma i funzionari del ministero della salute minimizzano il suo impatto e non credono che sia dietro un picco di casi negli ultimi giorni.

Gli ultimi dati a livello nazionale hanno mostrato che la variante delta raggiunge il 15% in alcune aree della Spagna, ma questi risultati risalgono all’inizio di giugno e si ritiene che l’incidenza della variante sia già molto più alta.

Lunedì e martedì hanno visto un carico di lavoro cumulativo di 14 giorni in Spagna di oltre 100 per 100.000 abitanti, con un livello significativamente più alto di oltre 250 tra le persone di 20 anni alla fine degli anni scolastici e l’impatto dell’aumento dei viaggi e dei contatti sociali.

“La variante delta può occupare più spazio, ma questo aumento dei casi non è correlato ad essa, forse in casi locali, ma non a livello nazionale”, ha affermato Fernando Simon, direttore del Centro di emergenza sanitaria in Spagna.

Nei gruppi non vaccinati vediamo un vero aumento della trasmissione. Tutti i gruppi vaccinati mantengono la tendenza al ribasso”.

READ  Piloti salvati dal Boeing 737 dopo un atterraggio di emergenza alle Hawaii - World News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *