Il Villaggio Perduto di Coron al Lago di Resia | Notizie intelligenti

Il lago di Resia, una pittoresca massa d’acqua circondata da montagne innevate, potrebbe sbalordire lo spettatore ordinario come uno spettacolo tipico del nord Italia. Ma c’è una struttura che smentisce la strana storia del lago: un campanile del XIV secolo che sporge stranamente dalle profondità delle acque blu e verdi.

Il campanile allude a ciò che si trova sotto la superficie: CoronÈ un villaggio italiano che è stato allagato dal governo nel 1950 per creare un lago artificiale. Rapporti la scorsa settimana notizie della BBCI resti della città sommersa sono stati nuovamente esposti agli elementi dopo che le squadre di costruzione hanno temporaneamente prosciugato una sezione del lago profondo 72 piedi, la prima volta che il villaggio perduto è apparso in quasi sette decenni.

Ad esempio Notizie Artnet Rapporti e utenti dei social media Circolato Immagini spaventose Dalle mura cittadine esposte, scale in pietra, cantine, archi erosi e altri elementi. Il periodo di siccità temporaneo è probabilmente il primo del suo genere Atlas Obscura Osserva che il lago è stato drenato marginalmente nel 2009 per riparare le crepe che si sono formate lungo i lati della torre.






Questa cartolina degli anni ’40 raffigura Coron, un villaggio dell’Italia nord-occidentale che fu allagato nel 1950 per creare un lago artificiale per una vicina centrale idroelettrica.

(Dominio pubblico tramite Wikimedia Commons)

Situato in Alto Adige, il pittoresco villaggio sommerso è una provincia montuosa alpina situata all’incrocio tra Italia, Austria e Svizzera. Secondo un rapporto separato prima notizie della BBCBethany Bell, l’Italia ha annesso l’Alto Adige all’Impero austro-ungarico nel 1919, alla fine della prima guerra mondiale. La maggior parte degli abitanti della regione sono di lingua tedesca.

READ  Tutto quello che sappiamo sulla seconda stagione

Dopo l’Anschluss, il governo italiano guidato da Benito Mussolini è andato avanti con un piano per inondare l’area tra due bacini adiacenti e creare il lago di Ricia, ha scritto Philip Whelan per il quotidiano londinese. Volte. Sebbene i lavori siano stati ritardati dallo scoppio della seconda guerra mondiale, i funzionari alla fine hanno escogitato un progetto che avrebbe fornito la forza al Vicino alla centrale idroelettrica.

Nonostante l’opposizione locale, il progetto è andato avanti. Quasi 150 famiglie – circa 1.000 persone – sono state sfollate a causa delle inondazioni, stima il funzionario Sito turistico Per ottenere un permesso vicino a Resia.

Ad esempio Volte Secondo i rapporti, gli abitanti dei villaggi prevalentemente di lingua tedesca hanno faticato a comprendere i piani della lingua italiana per sommergere il loro villaggio, rendendosi conto del suo impatto solo quando era troppo tardi. A tutti i residenti sono state offerte piccole somme per trasferirsi in una città vicina, Coron Ventosa, ma quasi la metà dei residenti della città è stata costretta a migrare a causa della perdita delle proprie case.

Lo spettrale villaggio sommerso ha ispirato il romanzo del 2018, rimani qui Dall’autore italiano Marco Balzano e dalla serie TV thriller Netflix 2020,Coron. ” per ogni Volte, Balzano riflette nel suo libro che la storia di Coron rappresenta “una memoria problematica che si diffonde da quel piccolo villaggio al resto d’Italia, riportandoci a tempi difficili”.

READ  How "driver's license" made Spotify history

Negli ultimi decenni il campanile che sporge dal lago ha attirato turisti da tutto il mondo. Osserva che quando l’acqua gela in inverno, i visitatori possono camminare e toccare lo storico campanile Atlas Obscura.

Un altro strano residuo della storia del XX secolo è disseminato in tutta la regione dell’Alto Adige. Durante la prima guerra mondiale ha menzionato Michael Gravino National Geographic Nel 2014, le forze italiane e austro-ungariche hanno combattuto pericolose battaglie ad alta quota all’interno e intorno ai numerosi famosi passi di montagna della regione e hanno persino scavato tunnel in caserme sui lati dei ghiacciai. Oggi, i turisti possono ancora spiare blocchi abbandonati di funivie, ponti e fondali rocciosi su tutte le Alpi ghiacciate.

Ti piace questo articolo?
Partecipazione Per la nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *