Il piccolo computer lo fa nel campo legato al dorso delle lumache predatrici • Il ceppo

Gli scienziati dell’Università del Michigan hanno celebrato un esperimento in cui i microcomputer sono stati attaccati al dorso delle lumache, per risolvere il mistero a lungo senza risposta della loro estinzione.

Dagli anni ’70, le popolazioni di lumache delle isole della South Pacific Society hanno subito un enorme evento di estinzione in cui sono state spazzate via più di 50 specie, vittime di una strana lumaca con istinti predatori introdotta nell’ecosistema in quel decennio.

“La lumaca endemica dell’albero non aveva mai incontrato un predatore come l’esotica lumaca lupo rosa prima della sua introduzione deliberata”, ha spiegato il professor Diarmed Vogel, curatore di zoologia presso l’Università del Michigan. “Potrebbe arrampicarsi sugli alberi e portare rapidamente la maggior parte della popolazione della valle all’estinzione locale”.

La maggior parte della popolazione, ma non tutta. molecola ialina È sopravvissuto e fino ad ora nessuno è stato in grado di spiegare perché questa lumaca avrebbe dovuto evitare il destino delle sue controparti originali. Entra nel computer delle lumache: il Michigan Micro Mote, o M3, generalmente riconosciuto come il computer completo più piccolo del mondo alla sua inaugurazione nel 2014, montato sul dorso delle lumache oggetto di studio.

video Youtube

“Siamo stati in grado di ottenere dati che nessun altro è stato in grado di ottenere”, ha affermato David Blau, professore universitario di ingegneria elettrica e informatica di Kensall D Wise. “E questo perché avevamo un piccolo algoritmo abbastanza piccolo da attaccarsi a una lumaca”.

L’M3 misura solo 2x2x4 mm e può raccogliere energia dal suo ambiente e comunicare in modalità wireless utilizzando segnali ottici. Nonostante le sue dimensioni, utilizza un processore popolare: Arm’s Cortex-M0+, recentemente scelto per alimentare il microcontrollore RP2040 molto più grande al centro del dispositivo. Raspberry Pi Pico scheda di sviluppo.

READ  La NASA vede una "ragionevole opportunità" per lanciare l'SLS per la prima volta quest'anno

Durante il primo viaggio sul campo dell’M3, gli scienziati hanno attaccato versioni modificate di strumenti ai gusci delle lumache rosa lupo per misurare l’intensità della luce nel loro habitat, seguendo la teoria che il guscio bianco di P. ialina Potrebbe permettergli di sopravvivere in aree troppo luminose – e quindi troppo calde – per le specie di predatori dal guscio più scuro.

Una distintiva lumaca lupo rosa dotata di un sistema informatico Michigan Micro Mote presso il sito della valle di Fautaua-Iti a Tahiti

Una lumaca lupo rosa è dotata di un mini-guscio del Michigan (Foto: Inhee Lee)

Con P. ialina Tra le specie protette, il contatto diretto era fuori questione, quindi il team ha invece utilizzato dei magneti per attaccare gli M3 alla parte superiore e inferiore delle foglie dove dormono le lumache notturne durante il giorno.

I risultati sembrano supportare la teoria. domini dove P. ialina È cresciuto di 10 volte i livelli di luce solare trovati nei terreni di caccia alla lumaca lupo rosa – dati che sarebbero stati difficili da raccogliere senza l’aiuto di M3.

“M3 apre davvero una finestra su ciò che possiamo fare con l’ambiente comportamentale degli invertebrati”, ha affermato Foighil, “e siamo proprio ai piedi di queste possibilità”.

Il prossimo passo è un progetto pianificato dall’ottobre dello scorso anno in cui l’M3 verrà utilizzato per tracciare la migrazione delle farfalle monarca, completo di dettagli sulle condizioni ambientali che incontrano lungo il percorso – nel caso in cui sia facile incollare i computer sul lumache. ®

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *