I disertori dicono alla corte che gli è stato promesso il “Paradiso sulla Terra” in Corea del Nord | Corea del nord

Cinque persone hanno detto di essere state adescate Corea del nord Decenni fa, come parte di un programma di reinsediamento, hanno detto a un tribunale in Giappone che era stato promesso loro un “paradiso in terra” ma che invece gli erano stati negati i diritti umani fondamentali.

I querelanti – quattro coreani di etnia residente in Giappone e una donna giapponese che si è recata al Nord con il marito e la figlia coreani – chiedono al regime 100 milioni di yen (644.000 sterline) di danni. Kim Jong Un.

Sebbene nessuno creda che Kim pagherà i risarcimenti se lo ordina, il caso dovrebbe evidenziare la difficile situazione delle decine di migliaia di persone – principalmente coreani e i loro coniugi giapponesi – che sono andati a vivere nel nord come parte di un programma gestito dalle società della Croce Rossa del Paese e finanziate da Pyongyang.

“Non aspettarti Corea del nord “Ma speriamo che il governo giapponese sarà in grado di negoziare con la Corea del Nord” se il tribunale deciderà a loro favore, ha detto in un recente briefing Kenji Fukuda, l’avvocato dei querelanti. .

Complessivamente, più di 90.000 cittadini coreani sono di origine coreana GiapponeLa maggior parte di loro con legami familiari al Sud, si è trasferita in Corea del Nord tra il 1959 e il 1984.

I cinque querelanti, che hanno lanciato il loro invito nel 2018, sono tra le poche persone nel programma che sono fuggite dal nord e sono tornate in Giappone.

La maggior parte dei coloni erano tra le centinaia di migliaia di coreani che lo hanno fatto ho lavorato in miniera Ci sono molte fabbriche in Giappone contro il loro volere, durante il dominio coloniale giapponese della penisola coreana dal 1910 al 1945, e 1.830 donne giapponesi sposarono uomini coreani.

READ  Gli agenti di polizia del Campidoglio fanno causa a Donald Trump e ai suoi alleati per i disordini

I coreani che rimasero in Giappone dopo la guerra furono privati ​​della cittadinanza giapponese e subirono discriminazioni nell’istruzione, nell’alloggio e nel lavoro.

Il regime di Pyongyang, con la benedizione del governo giapponese, aveva promesso all’etnia coreana una nuova vita in un paradiso socialista, con istruzione e assistenza sanitaria gratuite, lavoro e alloggio garantiti.

Invece, sono stati costretti a svolgere lavori manuali ea sopportare condizioni di vita precarie, secondo il riassunto della richiesta di risarcimento. Li avevamo Gli è stato vietato di viaggiare in Giappone Per visitare i loro genitori e fratelli.

Nella loro richiesta dinanzi al tribunale distrettuale di Tokyo, i pubblici ministeri hanno accusato Pyongyang di “ingannare i querelanti pubblicizzando falsamente un trasferimento in Corea del Nord”, dove “il godimento dei diritti umani era generalmente impossibile”.

Hanno aggiunto che il governo nordcoreano aveva sempre avuto intenzione di usarlo per affrontare la carenza di manodopera dopo la guerra di Corea del 1950-53 e per dimostrare la superiorità politica del paese nel mondo, secondo Human Rights Watch.

Il governo giapponese e la Croce Rossa non fanno parte della questione.

La denuncia legale dei fuggitivi indica anche la loro separazione dai membri della famiglia che sono ancora intrappolati in Corea del Nord. Non so cosa sia successo alla mia famiglia. Potrebbero aver avuto il coronavirus e alcuni di loro potrebbero essere morti di fame, ha detto il mese scorso Eiko Kawasaki, la querelante di 79 anni.

“Nessuno di noi andrebbe se sapessimo la verità sulla Corea del Nord”, ha aggiunto Kawasaki, che ha vissuto lì per 43 anni fino a disertare nel 2003, lasciando i suoi figli adulti.

READ  Jacob Zuma: l'ex presidente sudafricano incarcerato per 15 mesi per oltraggio alla corte | notizie dal mondo

Kanai Doi, direttore di Japan Human Rights Watch, ha detto il nuovo primo ministro giapponese: Fumio KishidaKim Jong Un dovrebbe chiedere che a coloro che sono rimasti in Corea del Nord sia permesso di tornare in Giappone, centinaia di migliaia di vittime del Paradiso Terrestre e dei loro familiari che vivono in Corea del Nord stanno aspettando questa opportunità.

“La comunità internazionale deve riconoscere questi decenni di atrocità e sostenere questo sforzo”, ha scritto Doi del gruppo. sito web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *