Gli “ostacoli” ad Amsterdam commemorano le vittime gay dei nazisti | Olanda

Più di 75 anni dopo essere stati assassinati nelle camere a gas o uccisi, le vittime gay della persecuzione nazista sono state ricordate da “pietre balbuzienti” ad Amsterdam questa settimana.

I Paesi Bassi ne hanno circa 8.500 Ostacoli, (una pietra d’inciampo), le targhe commemorative in ottone poste in strada che invitano i passanti a ricordare le vittime del genocidio nazista e della repressione, un “inciampo” mentale che costringe i pedoni a fare i conti con il passato.

Quattro pietre piazzate questa settimana sono le prime in Olanda Per commemorare ebrei e combattenti della resistenza che erano noti per essere gay, secondo la storica olandese Judith Schuyff, che ha svolto un ruolo di primo piano nel progetto.

“C’è sempre stato un dibattito nei Paesi Bassi sul fatto che gay e lesbiche non siano stati perseguitati durante la guerra”, ha detto. Sapeva diversamente, avendo fatto conoscenza con diversi ebrei e resistenti, che erano stati identificati come gay o lesbiche negli archivi della polizia.

“Sono stati arrestati perché sono gay. Sono stati mandati nei campi perché erano ebrei. Sono morti prima e non hanno avuto l’opportunità di nascondersi da molti ebrei. È complicato ma sono abbastanza sicuro che siano stati arrestati perché erano gay. .”

Il genere è stato citato anche nel processo contro i lavoratori della resistenza non ebrei, tra cui Karel Pekelharing, che viene ricordato con centoliberstein questa settimana. Era un artista che si unì alla resistenza e lavorò per sabotare la persecuzione degli ebrei falsificando documenti di identità e aiutando gli ebrei a nascondersi. Nel marzo 1944, Pekelharing partecipò a un’audace incursione nella prigione di Weteringschans con l’obiettivo di liberare i combattenti della resistenza. L’attacco fallì. Una settimana dopo, è stato arrestato e torturato. Nel giugno 1944, lui e sei compagni di combattimento furono uccisi nelle dune di sabbia del Mare del Nord.

READ  The permafrost of Siberia produces well-preserved woolly rhinoceros from the Ice Age | Fossils

Un’altra pietra menziona Mina Slaughter, una sarta che fu arrestata nel luglio 1942, quando iniziò la deportazione degli ebrei olandesi. Il fascicolo della polizia afferma che è “detenuta con l’accusa di omosessualità… anche ebrea”. Fu uccisa ad Auschwitz due mesi dopo il suo arresto.

In tutto si ricordano nove vittime gay della persecuzione nazista. All’inizio di ottobre saranno disposte in strada altre cinque lastre di ottone realizzate a mano. Sei dei nove erano ebrei e quattro erano lavoratori della resistenza. Uno dei nove era Frida Bellenfant, direttore d’orchestra e violoncellista, un’operaia della resistenza ebrea. Fu l’unica delle nove a sopravvivere alla guerra, dopo essere fuggita in Svizzera.

Le possibilità di sopravvivenza degli ebrei olandesi erano inferiori a quelle dei vicini Belgio e Francia. Tre quarti della popolazione ebraica dei Paesi Bassi furono assassinati. Circa 102.000 sono stati uccisi nei campi di sterminio e 2.000 si sono suicidati o sono morti cercando di fuggire.

Gli attivisti locali credono che le vittime gay siano state trascurate. “Pensavamo che fosse molto triste che queste persone, che spesso non avevano figli, partner o parenti a cui chiedere ostacolo Per loro sono semplicemente scomparsi. “Volevamo dare loro un nome”, ha detto Philip Tejsma, portavoce della società olandese COC, che ha organizzato i memoriali sul molo.

COC Netherlands è il gruppo per i diritti LGBTQ+, fondato nel 1946 da ex militanti della resistenza, che affermarono che “non sarebbero mai più stati perseguitati”.

Guarda i primi quattro Ostacoli È stato un “momento totalmente emozionante”, ha detto Tijsma martedì. “Perché sei di fronte alle case in cui hanno vissuto fino al giorno prima di essere portati ad Auschwitz o Sobibor per essere distrutti o fucilati… ostacolo; Rende la storia molto vicina, la rende quasi tangibile, ed è lì che hanno camminato, proprio su questo marciapiede”.

READ  Esaminando il DNA di Cristoforo Colombo per rivelare le origini dell'esploratore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *