Gli agenti di polizia del Campidoglio fanno causa a Donald Trump e ai suoi alleati per i disordini

Sette agenti di polizia del Campidoglio hanno citato in giudizio Donald Trump e quasi 20 membri di gruppi di estrema destra e organizzazioni politiche, accusandoli di aver complottato per interrompere le elezioni del 2020 fino alle rivolte del Campidoglio del 6 gennaio.

I gruppi menzionati nella causa includono bande violente di destra come i Proud Boys e Oath Keepers, così come gli alleati e gli aiutanti di Trump come il consigliere conservatore Roger Stone.

Trump affronta cause simili, anche se questo è il primo ad affermare di aver lavorato direttamente con gli altri gruppi e organizzazioni citati nella difesa.

Cinque dei sette ufficiali del Campidoglio dietro la causa sono neri e nel fascicolo erano incluse le descrizioni degli abusi – che spesso includevano insulti razziali – che hanno ricevuto il giorno dell’attacco.

I resoconti degli ufficiali includevano storie di percosse, percosse, lapidazioni e cecità temporanea.

secondo New York TimesLa causa sostiene che Trump e gli altri imputati abbiano violato il Ku Klux Klan Act del 1871, che proibiva alle persone di intraprendere atti violenti nel tentativo di interferire con il processo democratico.

I pubblici ministeri accusano anche la difesa di aver commesso “atti terroristici con motivazioni tendenziose”.

L’FBI ha recentemente affermato che ci sono poche prove che suggeriscano che i disordini al Campidoglio siano stati un attacco coordinato. Tuttavia, tale valutazione si applica ai singoli rivoltosi, non necessariamente al signor Trump e ad altri funzionari della Casa Bianca.

Mercoledì, il comitato ristretto della Camera per indagare sui disordini del Campidoglio ha presentato una richiesta di documentazione estesa su Trump e molti dei suoi alleati nel tentativo di capire esattamente dove si trovassero e cosa stessero facendo prima e durante l’attacco.

READ  Repubblica Democratica del Congo: Migliaia di persone fuggono dalle loro case a causa degli avvertimenti di una seconda eruzione vulcanica mentre le famiglie lottano per trovare cibo e acqua | notizie dal mondo

La risposta di Trump agli ultimi due casi che miravano a collegarlo agli attacchi del 6 gennaio – uno portato dalla National Association for the Advancement of Colored People e l’altro dal deputato democratico Eric Swalwell – è stata quella di cercare di far cadere le accuse. Giustifica le sue richieste rivendicando l’immunità dal contenzioso civile da quando era presidente il 6 gennaio.

La nuova causa tenterà di estendere l’accusa di cospirazione oltre il 6 gennaio collegando l’inizio del falso resoconto di Trump sulla frode elettorale – intorno a maggio 2020 – alle rivolte che seguiranno mesi dopo.

La presentazione spera anche di collegare Trump con la banda radicale dei Proud Boys, a cui ha detto di “farsi indietro e alzarsi” durante un dibattito presidenziale a settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *