Come ha fatto questo teschio a finire da solo in una grotta in Italia? Finalmente abbiamo una risposta

Trovato nel 2015 – prova separata di un terrificante mistero iniziato migliaia di anni fa.

Questo antico puzzle è composto da un solo pezzo: un teschio umano solitario, scoperto da solo senza resti scheletrici intorno, si trova all’interno di una grotta a Bologna, in Italia, nel mezzo di una grotta. depressione Chiama la gente del posto Dolina dall’inferno (Fossa infernale).

Non è stato facile da trovare.

Il cranio ben nascosto, che ha perso l’osso mascellare inferiore, può essere raggiunto solo attraversando un difficile passaggio della caverna chiamato Ozioso dal male (Maze of Malice), quindi ascende una colonna verticale fino a un’altezza di 12 metri (39 piedi), mentre il cranio poggia su una sporgenza rocciosa.

A causa della difficoltà di raggiungere il punto, gli speleologi non sono stati in grado di recuperare il cranio fino al 2017, momento in cui i ricercatori hanno avuto l’opportunità di studiare questo misterioso esemplare antico.

Il singolo cranio in realtà si è rivelato antico, con la datazione al radiocarbonio che indicava che il cranio apparteneva a un individuo vissuto tra il 3630 e il 3380 a.C., collocandolo in un contesto archeologico primitivo. età della pietra (Alias ​​il periodo calcolitico) nella regione.

Altri resti umani neolitici sono stati trovati nell’area pubblica; Non nella fossa infernale, ma in un riparo roccioso a 600 metri (quasi 2.000 piedi) dalla grotta dove è stato trovato il teschio.

Quindi, il contesto più ampio ha senso. Ma in che modo esattamente questo singolo teschio si è allontanato dalle sue controparti dell’età della pietra, posizionato in alto sul bordo, ma sepolto all’interno dell’insidioso labirinto di una grotta e nascosto a 26 metri (85 piedi) sottoterra?

READ  SpaceX may attempt to catch a missile that is falling into a launch tower

Secondo l’antropologa Maria Giovanna Belcastro dell’Università di Bologna – la prima autrice di A. Nuova analisi L’insolito destino del cranio: una serie di fattori ha avuto un ruolo.

Il team di Belcastro ha studiato il cranio, che molto probabilmente dice proveniva da una giovane donna, di età compresa tra 24 e 35 anni.

Le prove di varie lesioni su entrambi i lati del cranio erano probabilmente causate dalla manipolazione umana del cranio al momento della morte della donna, suggeriscono i ricercatori, probabilmente riflettendo azioni rituali per rimuovere la carne dal cranio, come parte di un’usanza funebre.

Altre lesioni sul cranio, che alcuni credono abbia contratto prima della morte (prima della morte), potrebbero essere state causate da una ferita che ha ucciso la donna, e altri segni potrebbero essere la prova di qualche tipo di trattamento medico dato dal suo popolo.

Per quanto riguarda il modo in cui il cranio si è separato dal resto del suo scheletro, i ricercatori ipotizzano che il cranio possa essere stato rimosso intenzionalmente o accidentalmente dal resto del corpo, prima di essere ribaltato o spinto a terra dal flusso di acqua o fango, fino a quando non in qualche modo ha raggiunto il bordo del flusso dell’inferno, ed è caduto dentro La fine è dentro depressione.

Nel tempo, le infiltrazioni d’acqua nel torrente possono sciogliere i depositi di gesso all’interno della grotta, creando un pozzo verticale vicino al luogo di riposo sicuro del cranio.

“Il corridoio della grotta rivitalizzato iniziò ad evolversi verso il basso, con la formazione di un ruscello affondato sul lato e l’intaglio del labirinto sottostante,” Scrivi nel loro giornale.

READ  The Hubble Space Telescope captures an amazing view of the ethereal "lost galaxy"

“Questa nuova riattivazione è stata in grado di ancorare circa 12 metri di gesso e fissarlo al livello inferiore della base”.

I vari sedimenti presenti all’interno della cavità cranica forniscono un certo supporto a questo argomento, suggerendo che il materiale fosse bloccato all’interno del cranio durante il flusso di acqua o detriti, mentre il cranio compiva il suo viaggio potenzialmente caotico nella caverna. Altri segni di trauma al cranio indicano che ci sono molti dossi lungo il viaggio.

Questa interpretazione ipotetica non è necessariamente quello che è successo, ovviamente, ed è qualcosa che non possiamo sapere con certezza. Ma come sottolineano i ricercatori, di tutte le parti dello scheletro umano, la forma del cranio lo rende il più adatto per fare una fuga.

“Se lo scheletro fosse intatto al momento di questa sequenza di eventi, altri elementi strutturali, diversi per forma e dimensioni, potrebbero essere rimasti bloccati altrove e dispersi durante il trasporto”, Gli autori suggeriscono.

“Il cranio sarebbe rotolato più facilmente di altre parti strutturali in un flusso e un flusso di detriti … Durante la sua decomposizione e quelle fasi dinamiche, si sarebbe riempito di sedimenti. Quindi, avrebbe raggiunto la grotta e si sarebbe fermato sull’altopiano che è stato trovato. “

I risultati sono riportati in PLoS one.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *