Cipro si appella al Consiglio di sicurezza dell’Onu sulla riapertura di Varosha | Notizie su Recep Tayyip Erdogan

Cipro ha fatto appello al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per il trasferimento di parte di una città costiera abbandonata sull’isola divisa del Mediterraneo al controllo turco-cipriota.

L’autoproclamata Repubblica turca di Cipro del Nord, sostenuta dalla Turchia, ha annunciato martedì che una piccola parte di Varosha sarebbe passata sotto il controllo civile e sarebbe stata aperta a un potenziale reinsediamento.

Il leader turco-cipriota Ersin Tatar ha affermato che la sua amministrazione revocherà lo status militare di circa il 3,5% della città e consentirà ai beneficiari di fare domanda per una commissione incaricata di fornire un risarcimento o restituire proprietà.

La mossa è arrivata quando la TRNC ha celebrato il 47esimo anniversario dell’invasione turca che ha diviso l’isola in due.

Varosha, che è stato un distretto militare turco dall’invasione del 1974, è ampiamente visto come una merce di scambio per Ankara in qualsiasi futuro accordo di pace.

I recenti sviluppi riguardanti la regione hanno suscitato una reazione rabbiosa da parte del governo greco-cipriota riconosciuto a livello internazionale, nonché il coro di disapprovazione dell’Unione europea, di cui Cipro è membro, e di altre potenze occidentali.

Mercoledì, il ministro degli Esteri cipriota Nikos Christodoulides ha descritto la decisione come una “chiara violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”.

“Questo… avrà un impatto negativo sugli sforzi in corso per riprendere i colloqui”, ha detto Christodoulides dopo aver incontrato il suo omologo greco Nikos Dendias.

I turco-ciprioti fanno pressione sul piano dei due Stati

Si stima che circa 17.000 abitanti greco-ciprioti di Varosha siano fuggiti dall’avanzata delle forze turche nell’agosto 1974.

READ  L'ex presidente dell'UE Donald Tusk eletto leader del partito di opposizione in Polonia | Polonia

Da allora è rimasto vuoto, con una serie spaventosa di hotel e residenze a molti piani abbandonati racchiusi tra filo spinato e cartelli di divieto di accesso.

Le risoluzioni delle Nazioni Unite hanno chiesto che l’area sia consegnata all’amministrazione delle Nazioni Unite.

La riassegnazione dell’area alle autorità civili turco-cipriote mette effettivamente in discussione l’assunto ampiamente diffuso secondo cui Varosha sarebbe tra le potenziali aree che sarebbero restituite al controllo greco-cipriota in caso di un accordo di pace a Cipro.

Finora gli sforzi per la pace sono ripetutamente falliti.

Tatar e il suo alleato, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, hanno affermato che ora funzionerà solo un accordo tra due Stati.

“Ora, l’unica richiesta dei turco-ciprioti nei negoziati internazionali è il riconoscimento dello status di stato sovrano”, ha detto Erdogan mercoledì, un giorno dopo aver concluso una visita ufficiale di due giorni a Cipro.

“Tutte le offerte diverse da questa sono scadute.”

Colloqui di pace in stallo

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite avrebbe dovuto discutere la questione di Cipro mercoledì pomeriggio, in una riunione precedentemente programmata sulla missione “buoni uffici” dell’isola.

Finora, i falliti colloqui di pace di Cipro si sono concentrati sull’unificazione dell’isola sotto un ombrello federale.

Secondo i termini del Piano di riunificazione delle Nazioni Unite del 2004, Varosha era una delle aree da ripopolare sotto l’amministrazione greco-cipriota.

I greco-ciprioti hanno respinto il piano, che includeva i dettagli della riunificazione nell’ambito di un complesso accordo di condivisione del potere, in un referendum.

I greco-ciprioti respingono l’accordo dei due Stati che concede lo status di sovrano allo stato separatista turco-cipriota, riconosciuto solo da Ankara.

READ  Un diplomatico filippino oscilla a causa delle incursioni della Cina | Notizie dal Mar Cinese Meridionale

Mercoledì, gli Stati Uniti hanno respinto la proposta di due stati di Erdogan e hanno esortato a proseguire gli sforzi per un’isola unita con due regioni.

“Crediamo che solo un processo guidato da Cipro – bidirezionale e due regioni – porterà pace e stabilità a Cipro”, ha dichiarato Victoria Nuland, sottosegretario di Stato per gli affari politici, in un’audizione al Senato.

L’Unione Europea ha anche escluso un accordo tra due Stati.

Ad aprile, le Nazioni Unite Impossibile colmare le differenze sulla ripresa dei colloqui di pace, falliti nel 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *