Armani si riprende dalla pandemia con vendite in aumento del 34% nel primo semestre

Il logo dell’azienda di moda italiana Giorgio Armani appare in un negozio a Zurigo, Svizzera, 8 luglio 2021. REUTERS/Arnd Wiegmann/File Photo

MILANO (25 luglio) (Reuters) – Le vendite di Giorgio Armani sono balzate del 34% nella prima metà del 2021, grazie agli affari in Cina e negli Stati Uniti che hanno aiutato la ripresa del gruppo di moda italiano, anche se si dice che potrebbe essere il prossimo anno prima… Ti riprendi completamente. epidemia.

“L’obiettivo è tornare ai livelli pre-pandemia entro il 2022… più di 2 miliardi di euro di ricavi consolidati diretti”, ha dichiarato domenica il presidente e amministratore delegato Giorgio Armani in un comunicato che annunciava i risultati del 2020 e la direzione gennaio-giugno.

Il gruppo del lusso ha affermato che le vendite nette consolidate sono diminuite del 25% lo scorso anno a 1,6 miliardi di euro (1,9 miliardi di dollari), con la maggior parte del calo che si è verificato nella prima metà del 2020.

Le vendite di beni di lusso in tutto il mondo sono diminuite drasticamente lo scorso anno per la prima volta da anni, poiché la pandemia ha costretto la chiusura dei negozi e il turismo internazionale si è praticamente fermato. Leggi di più

“Il calo delle entrate nel 2020 dovrebbe essere letto non solo come conseguenza della pandemia… ma anche in linea con il principio strategico di Giorgio Armani ‘meno è meglio'”, ha affermato Giuseppe Marsucci, vicedirettore generale di Armani.

Il gruppo milanese non ha menzionato il valore delle vendite totali per il periodo gennaio-giugno, ma ha affermato che l’andamento positivo delle vendite finora quest’anno ha indicato uno scenario di redditività molto migliore per il 2021.

READ  Buy Box made in Italy sito e-commerce Xtrawine

Nell’ultimo anno il gruppo ha generato un utile netto consolidato di 90 milioni di euro, mentre ha generato una perdita operativa (EBIT) di 29 milioni di euro.

Domenica ha anche affermato che la sua posizione finanziaria è migliorata in modo significativo nel primo semestre con disponibilità liquide nette di 1.088 miliardi di euro “garantendo stabilità e crescita delle risorse finanziarie del gruppo nel medio-lungo termine”.

Le speculazioni sui piani di successione di Armani sono emerse di recente, soprattutto dopo che lo stilista 87enne ha affermato che potrebbe prendere in considerazione la possibilità di collaborare con un’altra azienda italiana. Leggi di più

Fonti hanno detto a Reuters all’inizio di questo mese che John Elkann, un discendente della famiglia italiana Agnelli, aveva esplorato la possibilità dell’associazione come parte dei piani per costruire un conglomerato di lusso. Leggi di più

(1 dollaro = 0,8495 euro)

(Segnalazione di Stephen Jewkes e Claudia Christoferi) Montaggio di Susan Fenton

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *