Zelensky afferma che l’Ucraina è pronta a discutere l’adozione di uno status neutrale nell’accordo di pace russo

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si rivolge ai partecipanti al Forum di Doha tramite collegamento video, mentre l’attacco russo all’Ucraina continua, a Kiev, Ucraina, 26 marzo 2022. Servizio stampa presidenziale ucraino / Inserito tramite Reuters

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Leopoli, Ucraina (27 marzo) (Reuters) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto che l’Ucraina è pronta a discutere l’adozione di uno status neutrale nel quadro di un accordo di pace con la Russia, ma tale accordo deve essere garantito da terzi e soggetto a referendum . Nei commenti trasmessi domenica.

Zelensky stava parlando con i giornalisti russi in una videochiamata di 90 minuti, un’intervista in cui le autorità di Mosca avevano preventivamente avvertito i media russi di non riferire. Zelensky parlava sempre russo, come aveva fatto nei suoi discorsi precedenti quando si rivolgeva a un pubblico russo.

L’invasione russa ha causato la distruzione delle città di lingua russa in Ucraina, ha detto Zelensky, e ha affermato che il danno è stato peggiore delle guerre russe in Cecenia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Garanzie di sicurezza, neutralità e status non nucleare del nostro stato. Siamo pronti per questo. Questo è il punto più importante”, ha detto Zelensky. Per saperne di più

Zelensky ha affermato che l’Ucraina ha rifiutato di discutere alcune delle altre richieste della Russia, come il disarmo del paese.

Parlando più di un mese dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, Zelensky ha affermato che non sarebbe stato possibile raggiungere un accordo di pace senza un cessate il fuoco e il ritiro delle truppe.

READ  Aggiornamento delle notizie in tempo reale: Italia, Danimarca e Svezia espellono i diplomatici russi per problemi di sicurezza

Ha escluso di tentare di riconquistare tutto il territorio controllato dalla Russia con la forza, dicendo che ciò avrebbe portato a una terza guerra mondiale, e ha detto di voler raggiungere un “compromesso” sulla regione orientale del Donbass, che è stata controllata dalle forze sostenute dalla Russia da allora 2014.

La Russia dice che sta effettuando una “operazione militare speciale” in Ucraina con l’obiettivo di disarmare il suo vicino. L’Ucraina ei suoi alleati occidentali lo descrivono come un pretesto per un’invasione non provocata.

disastro umanitario

Zelensky si è concentrato sul destino della città portuale orientale di Mariupol, assediata da settimane. La città era una volta una città di 400.000 persone, ma fu sottoposta a lunghi bombardamenti russi.

“Tutti gli ingressi e le uscite alla città di Mariupol sono chiusi”, ha detto Zelensky. “Il porto è minato. Un disastro umanitario all’interno della città è inconfondibile, perché è impossibile arrivarci con cibo, medicine e acqua”, ha detto.

“Non so nemmeno con chi abbia affrontato l’esercito russo in questo modo”, ha detto, aggiungendo che rispetto alle guerre russe in Cecenia, l’entità della devastazione “non era paragonabile”.

La Russia ha negato di prendere di mira i civili in Ucraina. Russia e Ucraina si sono incolpate a vicenda per la mancata apertura dei corridoi umanitari.

Zelensky ha risposto alle accuse di Mosca secondo cui l’Ucraina aveva limitato i diritti dei russofoni, dicendo che è stata l’invasione russa a spazzare via le città di lingua russa “dalla faccia della terra”.

Ha anche respinto le accuse della Russia secondo cui l’Ucraina possiede armi nucleari o chimiche come uno “scherzo”.

Lo riferisce Pavel Pollyuk. Scritto da Mathias Williams, montaggio di William MacLean e Praveen Shar

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *