Zarif accusa Israele per l’incidente di Natanz e giura vendetta | Notizie sull’energia nucleare

A differenza dell’attacco dello scorso anno a Natanz, l’Iran ha scelto di non esimersi dal dare direttamente la colpa a Israele e dedicare i suoi sforzi per interrompere i colloqui sul nucleare a Vienna.

Teheran, Iran – Il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif ha promesso vendetta contro Israele per un attacco ai principali impianti nucleari iraniani a Natanz, ma ha detto che non interromperà i colloqui ad alto livello per ripristinare l’accordo nucleare del paese con le potenze mondiali.

Lunedì, in un’intervista esclusiva con i legislatori, Zarif ha indicato che alti funzionari israeliani avevano apertamente affermato che avrebbero cercato di bloccare gli sforzi multilaterali per ripristinare il piano d’azione globale congiunto, che avrebbe portato alla revoca delle sanzioni statunitensi contro l’Iran.

Ora pensano che raggiungeranno il loro obiettivo. “Ma i sionisti otterranno la loro risposta in ulteriori sviluppi nucleari”, ha detto l’agenzia di stampa della Repubblica islamica dell’Iran citando il diplomatico.

Ha promesso di “vendicarsi” su Israele e ha detto che l’Iran non cadrà nella sua trappola rifiutandosi di impegnarsi in colloqui che potrebbero portare alla revoca unilaterale delle sanzioni statunitensi.

Ha anche promesso di costruire Natanz più forte di prima, utilizzando centrifughe più avanzate.

Ha detto: “Se credono che le nostre mani nei negoziati si siano indebolite, allora questo atto codardo rafforzerà di fatto la nostra posizione nei colloqui”.

“Le altre parti nei colloqui dovrebbero sapere che se incontrano impianti di arricchimento che utilizzano macchine di prima generazione, Natanz può ora essere riempita con centrifughe sofisticate che hanno la capacità di arricchirsi più volte”.

L’arricchimento e l’arricchimento della centrifuga e le linee di assemblaggio delle centrifughe a Natanz a Isfahan, le principali strutture del paese, sono state colpite domenica da un blackout diffuso che l’Iran ha descritto come un atto di “terrorismo nucleare”.

READ  Mahmoud Hussein: L'Egitto rilascerà il giornalista di Al-Jazeera dopo quattro anni, il suo avvocato | notizie dal mondo

Israele non ha accettato formalmente la responsabilità dell’attacco, ma non ha imposto alcuna restrizione alla censura sulla sua ampia copertura da parte dei media locali, alcuni dei quali hanno esplicitamente affermato che l’agenzia di spionaggio israeliana Mossad è responsabile.

Venerdì, i colloqui sul nucleare di Vienna hanno concluso una settimana di apertura “costruttiva”, con le delegazioni di Iran, Cina, Francia, Germania, Russia e Regno Unito programmate per il ritorno mercoledì.

I rappresentanti degli Stati Uniti non hanno partecipato formalmente ai colloqui poiché l’Iran afferma che non si impegnerà direttamente con loro fino a quando tutte le sanzioni imposte dall’ex presidente Donald Trump non saranno revocate. Tuttavia, i rappresentanti europei stanno trasmettendo loro i messaggi.

Fenomeno di infiltrazione

Lunedì, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Saeed Khatibzadeh ha affermato che le centrifughe rimosse a seguito dell’attacco provenivano dalla prima generazione di macchine IR1, che ora saranno sostituite da versioni più avanzate.

L’attacco è avvenuto il giorno dopo che l’Iran ha iniziato a fornire gas a una varietà di macchine più avanzate a livello nazionale, comprese dozzine di centrifughe IR6, IR6 e IR4, e sono iniziati anche i test meccanici dell’IR9.

Il blackout ha portato anche a un altro incidente in cui Behrouz Kamalondi, portavoce dell’Organizzazione per l’energia atomica iraniana, si è rotto una caviglia ed è stato colpito alla testa mentre ispezionava i danni nel sito di Natanz. Non sono stati rilasciati dettagli su come è avvenuto l’incidente.

Inoltre fa luce ancora una volta sui difetti dell’Iran nella protezione delle sue risorse nucleari.

In un tweet di domenica, il segretario dell’Iranian Expediency Council ha indicato che è scoppiato anche un incendio come parte dell’attacco.

READ  La Merkel avverte che l'Europa è "sul ghiaccio sottile" in mezzo al boom del cambio delta

“Il ripetersi di un incendio negli impianti nucleari di Natanz, a meno di un anno dalla precedente esplosione, potrebbe essere un segno della gravità del fenomeno delle infiltrazioni?” Ha chiesto Mohsen Rezaei, ex comandante in capo del Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica.

Nel giugno 2020, Natanz è stata colpita da un’esplosione che ha causato un grande incendio, anch’esso sospettato di essere orchestrato da Israele.

L’Iran ha affermato che “il sabotaggio è certo” in quell’esplosione, ma non ha rilasciato ulteriori informazioni per motivi di sicurezza.

Iran e Israele sono stati intrappolati per più di un decennio in una guerra ombra in tutta la regione che di recente si è diffusa sempre più allo scoperto.

Esempi recenti sono arrivati ​​sotto forma di una serie di attacchi contro navi iraniane e israeliane, e lo sfacciato assassinio di scienziati nucleari e militari iraniani, Mohsen Fakhrizadeh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *