Watford torna da Ashley Young in dubbio dopo lo show dell’Inter

La proposta di ritorno di Ashley Young a Watford è in sospeso con il nuovo presidente dell’Inter Simone Inzaghi desideroso di mantenere i servizi di terzino sinistro per un’altra stagione.

Prima dell’arrivo di Inzaghi, l’Inter era felice di consentire al difensore di tornare in Inghilterra, con le discussioni su un ritorno a Vicarage Road che si sono intensificate alla fine del mese scorso.

Tuttavia, fonti in Italia hanno chiarito che il nuovo allenatore, insediato il 3 giugno, da allora ha dichiarato di voler mantenere Young al vertice della sua difesa del titolo di Serie A nella stagione 2021/22.

Secondo quanto riportato sia dal Mail che dall’Athletic, a Young è stato offerto un nuovo contratto con l’Inter, che da allora è stato confermato, dando al difensore qualcosa su cui riflettere.

Si è capito che un accordo era vicino tra Watford e il prossimo 36enne, quando sembrava che un prolungamento della sua permanenza a San Siro non fosse imminente, con i media italiani che a un certo punto affermavano che era vicino . Con “90 per cento” completo.

Fonti del club sono state molto meno certe sulla possibilità di un imminente ritorno, sostenendo che c’è ancora molto tempo per Young per accadere di nuovo.

Quella cautela sembra esserci stata, con il potenziale per una nuova stagione in Italia ora più di prima.

In precedenza, Young aveva detto che sarebbe stato interessato a tornare a Watford, sostenendo che a un certo punto sarebbe “a piedi dall’Italia” se ciò significasse che potrebbe unirsi agli Hornets, ma ha anche detto che un nuovo accordo con l’Inter sarebbe difficile da rifiutare.

READ  Simeon 'Simi Nwankwo: ha segnato in Italia, ma la Nigeria viene ignorata

Parlando a Sky Sport poco più di un mese fa, ha dichiarato: “Non ho mai detto che non sarei tornato. È il club in cui ho iniziato all’età di 10 anni.

Sarà una decisione difficile.

Ci sono state conversazioni [with Inter]. All’Inter mi sono divertito moltissimo, se c’è qualcosa da fare sono sicuro che l’affare si può definire.

“E’ una partita di attesa perché tutti sono in pandemia, non sappiamo dove sono le finanze. Mi sento bene e rilassato, mi sto godendo il calcio, abbiamo appena vinto il campionato”.

“Ci possono essere molti fattori coinvolti nella decisione. Farò in modo che sia la decisione giusta per me e la mia famiglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *