Warzone vieta altri 50.000 cheat

Secondo lo sviluppatore Raven Software, più di 50.000 imbroglioni sono stati banditi in due ondate separate Call of Duty: War Zone la settimana scorsa.

Un breve aggiornamento del problema degli imbrogli di Warzone è stato pubblicato su Twitter, con Raven Software che afferma che questo ultimo round di divieti ha preso di mira principalmente i giocatori che in precedenza erano stati sorpresi a barare. Activision e Raven Software sono ora fuori produzione Più di mezzo milione di brambani Dal lancio del gioco Battle Royale gratuito nel marzo 2020.

a febbraio, Activision spiegato Ha “tolleranza zero per i cheat in Call of Duty e Call of Duty: Warzone” e continuerà ad allocare risorse 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per identificare e combattere i cheat, inclusi goalbot, wallhack, trainer, hack di statistiche, hack di texture, hack di classifica, iniettori , editor esadecimali e qualsiasi software di terze parti utilizzato per manipolare i dati o la memoria di gioco”

Un altro aggiornamento ha rivelato il rilascio di Activision Blocco del dispositivo contro la reiterazione del crimine.

Warzone ha sempre lottato con gli hacker e, sebbene quest’ultimo round di permaban sia un passo nella giusta direzione, gran parte della comunità di Warzone non è ancora felice. parecchi risposte Su tweet Raven Software chiede allo sviluppatore di fare di più contro gli imbroglioni.

Pensi che Activision e Raven Software stiano facendo abbastanza per combattere il problema della pirateria di Warzone? Dacci i tuoi pensieri nei commenti qui sotto.

READ  The Nintendo Switch sold more than any other console combined last year in the UK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *