Wargaming chiude gli studi in Bielorussia e Russia

Wargaming, gli sviluppatori di World Of Tanks e le sue varie filiali, stanno chiudendo i loro studi in Russia e Bielorussia. Stanno trasferendo la gestione dei loro giochi live in quelle regioni a Lesta Games, che in precedenza era di proprietà di Wargaming ma ora “non è più affiliata” con la società. I giochi saranno ancora disponibili per giocare in quelle regioni.

“Nelle ultime settimane, Wargaming ha condotto una revisione strategica delle operazioni commerciali in tutto il mondo. La società ha deciso che non possiederà né gestirà alcuna attività commerciale in Russia e Bielorussia e lascerà entrambi i paesi”, ha affermato la società in affermazione.

“A partire dal 31 marzo, la società ha trasferito la sua attività di giochi live in Russia e Bielorussia alla gestione locale di Lesta Studio, che non è più affiliata a Wargaming. La società non trarrà vantaggio da questa operazione né oggi né in futuro. Contrariamente a quanto ci aspettiamo che abbiano subito pesanti perdite come diretta conseguenza di questa decisione”.

Tutti i giochi di Wargaming rimarranno in vita in Russia e Bielorussia, inclusi World Of Tanks, World Of Warplanes e World Of Warships.

Wargaming è stata originariamente fondata in Bielorussia, un paese governato da un governo autoritario che ha una scarsa reputazione in materia di diritti umani. Sebbene l’azienda abbia da tempo trasferito la sua sede a Cipro, da allora ha mantenuto un grande studio a Minsk. Ora hanno iniziato il “processo” di chiusura di questo studio. “Forniremo il maggior numero possibile di indennità di fine rapporto e supporto ai nostri dipendenti interessati dal cambiamento”, afferma la dichiarazione.

La società possiede anche studi in Ucraina, Francia, Inghilterra, America, tra gli altri.

READ  Instagram è inattivo? Gli utenti si lamentano che l'app non viene aggiornata e sta riscontrando problemi tecnici

A febbraio, Wargaming ha rotto con il direttore creativo Sergei Burkatovsky dopo aver espresso sostegno all’invasione russa dell’Ucraina. La società ha affermato in una dichiarazione che la sua opinione “categoricamente non corrisponde alla posizione dell’azienda. Tutti i nostri dipendenti sono ora concentrati sull’aiutare più di 550 colleghi di Kiev e le loro famiglie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *