Walter Ricciardi sul virus variant inglese, Sky Digi24: ‘In Italia da novembre’

“Questa variazione potrebbe essere già arrivata in Europa e in Italia negli ultimi mesi, ma non lo sappiamo. Considerando l’afflusso di viaggiatori dalla Gran Bretagna ai primi di novembre”, ha sottolineato il consulente scientifico del ministero della Salute in visita. Ciao “.” “La sorveglianza non funziona in Italia”, ha aggiunto

L’aumento del numero dei casi in Italia può essere collegato alla variante inglese del Govt? “È possibile, ma non lo sappiamo ancora, perché dobbiamo scoprire se è così. Da Londra, nel sud del Regno Unito, questa variante si è già diffusa non solo in Europa e probabilmente in Europa. Credo che potrebbe essere arrivato in Italia all’inizio di novembre”. Nel sud, si è diffuso nel Kent in Scozia, probabilmente da Londra, uno dei più grandi aeroporti internazionali del mondo “. , AggiornamentiSpeciale). Ci vorrà molto tempo per ridurre il numero di casi nel nostro paese “, ha aggiunto.” In effetti, quello che è successo qui, come in altri paesi, è che la curva dell’epidemia è aumentata molto. Secondo Ricciardi “Questa è una guerra lunga, e non dobbiamo illuderci che finisca presto, ma l’importante è che finirà tra una settimana o dieci giorni se agiremo in modo responsabile controllando il nostro morale e aderendo a comportamenti prudenti”. No, ci vorrà molto tempo, non so se sarà uno o due mesi, ma ci vorrà molto tempo “. È opportuno aspettare un po ‘prima “. Per quanto riguarda la riapertura delle scuole, ha detto, “le scuole sono colpite dal ciclo esterno del virus: se è grave, è necessario attendere un po ‘prima di riaprire”.

READ  Manifestazioni contro l'assedio americano di Cuba in Italia - Brenza Latin

“Gli inglesi hanno avvertito il mondo un po ‘troppo tardi”

Guarda anche


Covid, Conseguenze della variazione inglese: Long Truck Lines a Dover

“Gli inglesi – ha spiegato Ricciardi – hanno fatto una cosa molto importante, hanno finanziato la Federazione dei migliori centri di sequenziamento genetico virale e hanno elencato centinaia di casi. Avremmo dovuto essere più attenti. “La” chiave “per la vaccinazione è ancora al lavoro”, ha affermato. “Le mutazioni nei virus continuano a verificarsi, ma in realtà raramente cambiano completamente questo blocco. Al momento, questo blocco non è stato modificato dai dati forniti dai colleghi inglesi. Quindi questa chiave del vaccino è ancora in grado di tenerci aperti e protetti. È una questione di cautela e incoraggiamento a proteggere e agire il prima possibile “.

“La sorveglianza non funziona in Italia”

Approfondimento


Governo e scuola, riaprono a gennaio ei nodi sono ancora irrisolti

“La sorveglianza in Italia non ha funzionato – ha detto il consulente scientifico. La linea del ministro Speranza era molto rigida. Non eravamo abbastanza preparati nelle comunità per monitorare. Non abbiamo rafforzato quella macchina diagnostica e di sorveglianza che ha permesso a Paesi come Australia e Nuova Zelanda di festeggiare il Natale in generale”. Continua Ricciardi – Se non risolvi il problema di salute non risolverai il problema economico. Le misure attuali sono efficaci in linea di principio e se si prevede di ridurre questa epidemia, il problema è il tempo. È un’illusione nei giorni, ma se pensi di equipaggiarti per durare per settimane, hai la possibilità di avere successo. ” Se continua così, ci saranno 40.000 morti a febbraio “, ha detto, riferendosi alla seconda ondata di morti.

READ  Tornerai a scuola il 7 gennaio? L'accordo indica le regioni qui

“La campagna sui vaccini inizia a gennaio”

leggi di più


Covit-19, vaccino Pfizer-Bioentech approvato da EMA e Commissione Europea

“La vera campagna di vaccinazione parte a gennaio e si manifesta soprattutto nei centri sanitari – ha spiegato Ricciardi. L’idea del Vaccine Day in Europa è bellissima, segno che se lavoriamo insieme possiamo uscire tutti dall’epidemia”. “Usciremo entro la fine dell’anno. A poco a poco arriverà la dose del vaccino, verranno vaccinati prima gli operatori sanitari, poi i pazienti RSA, i pazienti di età superiore agli ottant’anni, i pazienti di età inferiore agli ottanta e poi l’intera popolazione ”, ha concluso.

Data ultima modifica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *