Vittori racconta cosa significa diventare il primo campione italiano

Prima della sua rivincita con Israel Adesanya, Marvin Vittori si rende conto di possedere la classe di peso italiana mentre combatte per il titolo dei pesi medi.

Marvin Vittori ha incontrato l’ultima volta Adesanya all’interno dell’UFC Octagon nel 2018 dove subirà una controversa perdita nella decisione divisa. All’inizio, all’inizio dei combattimenti, il forte colpo di Adesanya superò il “Sogno italiano”. Poi, quando la lotta è entrata nei round successivi, Vittori è andato forte, specialmente nel terzo round, quando l’italiano ha messo in atto un piano di gioco di wrestling che ha messo l’ormai campione Adesanya sul tappeto per 3 minuti e 18 secondi.

Il campione dei pesi medi Adesanya cercherà di consolidare il suo posto come il numero 1 dei pesi medi al mondo dopo aver perso il suo primo combattimento MMA professionale nel tentativo fallito di vincere un secondo titolo nella categoria dei pesi più pesanti.

La coppia mediocre si affronterà ora all’UFC 263 questo sabato e la lotta sta diventando personale. Tuttavia, per Marvin Vittori, è più di una lotta, ma un’opportunità per rappresentare il suo paese l’Italia. In una recente intervista, Vittori ha parlato di cosa significa per lui portare un titolo in patria.

Tutto, amico, significherebbe tutto, disse Vittore. dazn. “Voglio solo dimostrare alla gente [and] Tutti in Italia anche se le probabilità sono contro di voi, possiamo farcela. Fai quello che dovresti fare ogni giorno, impara da esso e continua a imparare con una mente aperta. Le cose accadranno giorno dopo giorno. Quei giorni si accumulano, continui a migliorare e continui ad andare avanti. Questo è tutto ciò che conta e un giorno sarai dove vuoi essere e poi fisserai nuovi obiettivi e così via”.

READ  Tadej Bojjar: Sto vivendo il mio sogno e sto facendo ciò che amo

Vettori sul perché non ci sono più italiani in MMA

Sul tema della scarsità di italiani nello sport, il concorrente dei pesi medi ammette di non essere sicuro del motivo per cui non ci sono più italiani che competono nello sport delle MMA. Anzi, insiste, forse la nazione italiana è diventata morbida.

“Non lo so. Molti italiani stanno diventando più morbidi per essere onesti. L’Italia è diventata più morbida per qualche motivo. È una strada difficile da seguire. Nessuno ti spingerà come il Regno Unito o l’America dove combattere è una cosa. Il mio compito sarà mostrare alle persone che questo è il miglior sport del pianeta, lanciarlo e dovrebbe essere praticato dalle persone”. ha dichiarato Vittorio.

Alla fine, stasera starà a Vittori mettere l’Italia nella mappa delle MMA.

Quale combattimento non vedi l’ora di giocare a UFC 263?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *