Vinnie Szabo ha lanciato il crowdfunding antidoping all’interno del team dopo che due corridori sono risultati positivi

Vini Zabù ha lanciato una campagna di crowdfunding per pagare un migliore controllo antidoping all’interno della squadra, seguendo due pro del doping.

Il team italiano ProTeam è stato sospeso dalla gara dopo che due dei loro corridori sono risultati positivi entro 12 mesi.

Vienni Szabo sarà assente dal Giro d’Italia dopo i delinquenti antidoping e ora chiede ai fan di donare soldi in modo che possano migliorare i controlli antidoping all’interno della squadra.

Il team ha detto:Abbiamo deciso di non partecipare al Giro d’Italia anche se ne avessimo il diritto, che è un atto coraggioso e amore per il ciclismo, e un enorme sacrificio per una squadra ..

Stiamo parlando con loro, veri appassionati di ciclismo, di chi si è emozionato quando Giovanni Visconti ha vinto due campionati nazionali consecutivi, di chi non ha dimenticato lo spettacolare attacco che ha permesso a Oscar Gatto di vincere a Tropea al Giro d’Italia davanti a Alberto Contador, quelli che cantavano per Pepo Pozzato In Rund van Flanden quando solo Tom Bonin può sconfiggerlo.

“Viviamo per quel tipo di emozione ed è per questo che vogliamo aumentare il nostro monitoraggio dei nostri atleti per garantire che questi episodi non si ripetano perché danneggiano il nostro bellissimo sport e l’intera squadra”,

finora Vini Zabù ha raccolto 35 sterline con una donazione di quattro persone. Il team non ha fornito dettagli su ciò che includeranno le nuove misure antidoping, ma ha detto:Abbiamo deciso di aprire il crowdfunding perché rifiutiamo il doping e vogliamo combatterlo instaurando un progetto che è riuscito all’estero ma non è stato realizzato in Italia “.

L’UCI, l’organo di governo internazionale del ciclismo, ha annunciato lunedì 19 aprile che la squadra sarà bandita dalle gare per 20 giorni per violazione delle norme antidoping.

Vini Zabù si è ritirato da poco Il giro In Italia Esaminano uno dei loro passeggeri, Matteo de Bonis, che è risultato positivo all’EPO all’inizio di quest’anno.

La positività di De Bonis è stata la seconda violazione doping della squadra in 12 mesi, dopo la violazione degli steroidi da parte di Matteo Spreafico durante il Giro d’Italia 2020 dello scorso ottobre, che secondo le regole UCI ha portato al divieto per l’intera squadra.

Il primo abuso di steroidi positivo da parte di Fenny Szabo è avvenuto il 22 ottobre dello scorso anno, quando il concorrente italiano Spreafico è stato informato di un risultato negativo del test per lo steroide vietato Enobosarm (Ostarine) durante i test al Giro d’Italia.

A seguire De Bonis, 25 anni, risultato positivo all’EPO in un test fuori concorso in Italia nel febbraio di quest’anno.

Dopo l’annuncio del test positivo di De Bonis, la polizia italiana ha effettuato irruzioni contro il team manager Angelo Sitraca, il direttore sportivo Luca Cinto de Bonis, insieme ad altri 22 membri della squadra.

Disse più tardi Citracca Notizie di ciclismo Che non sono state trovate sostanze vietate durante le ispezioni e che la squadra ha collaborato pienamente con la polizia e l’UCI.

Poi Vienny Szabo si è ritirata dal Giro d’Italia.

La squadra è stata invitata al Giro 2021 sulla base di una tessera universitaria degli organizzatori, decisione criticata dal capo della squadra avversaria, Gianni Savio.

>>> Dylan Gronwigen dice che non si lascerà alle spalle l’incidente del tour in Polonia

READ  Harkley di Aviano nel New Mexico è impegnato nella borsa di studio sulla strada giusta - Sport of Europe

Da allora, la squadra Androni Giocattoli-Sidermec di Savio, inizialmente squalificata dal Giro, è stata invitata alla gara per prendere il suo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *