Viktor Bryukhanov, capo della centrale di Chernobyl che fu mandato in un campo di lavoro per il suo ruolo nell’incidente nucleare del 1986 – necrologio

Viktor Bryukhanov, morto all’età di 85 anni, ha costruito e gestito la centrale nucleare di Chernobyl nell’Ucraina sovietica fino all’aprile 1986, quando una devastante esplosione ha diffuso materiale radioattivo in gran parte dell’emisfero settentrionale.

Bryukhanov è stato un capro espiatorio per il disastro ed è stato condannato a 10 anni in una colonia criminale a Donetsk. Ma la storia di insabbiamenti, incompetenza intrinseca e offuscamento ha messo in luce i difetti del comunismo come mai prima d’ora. Mikhail Gorbaciov, l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica, una volta disse che Chernobyl era “forse la vera causa” del crollo del paese.

Bryukhanov è stato interpretato da Con O’Neill nell’acclamata miniserie HBO 2019 Chernobyl, che ha colpito le conseguenze del disastro e la cattiva gestione degli sforzi di risposta.

Uno dei quattro figli di un addetto alle pulizie e di un vetro, Viktor Petrovich Bryukhanov è nato il 1 dicembre 1935 a Tashkent, nell’Uzbekistan sovietico, e si è trasferito in Ucraina nel 1966 dopo essersi laureato in ingegneria elettrica presso l’Istituto Politecnico di Tashkent e aver lavorato in una centrale termica in Uzbekistan. Nello stesso anno si iscrisse al Partito Comunista dell’Unione Sovietica.

Nel 1970, era salito alla posizione di vice ingegnere capo della centrale termica Slavyanskaya. Nello stesso anno è stato incaricato di costruire un’enorme centrale nucleare e una nuova città per ospitare i suoi lavoratori in un’area a circa 81 miglia a nord di Kiev.

È iniziato con grande orgoglio e nel giro di 14 anni la centrale nucleare VI Lenin di Chernobyl, con quattro reattori nucleari RBMK (un sistema operativo rifiutato dall’Occidente a causa delle preoccupazioni per i difetti di progettazione), era in funzione, alimentando 30 milioni di case e imprese.

READ  L'Ucraina esorta la NATO ad accelerare l'adesione con il raduno delle truppe russe | notizie dal mondo

Nel frattempo, Bryukhanov ha sottolineato che le strade di Pripyat, il nuovo abbagliante “Atomgrad” che ha costruito per servire la fabbrica, erano decorate con 30.000 cespugli di rose baltiche. Nel 1986 aveva una popolazione di 50.000 abitanti e vantava buone scuole, impianti sportivi e, per gli standard sovietici, supermercati ben forniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *