Vigile: l’ascesa delle pattuglie distrettuali a Pechino | Cina

TI marhaba sono spesso visti indossare un bracciale rosso durante le pattuglie nei quartieri residenziali del distretto di Chaoyang, il più grande distretto di Pechino, che ospita quasi 3,5 milioni di persone. In un soleggiato pomeriggio di fine autunno, saranno seduti al sole con un gruppo di pensionati a chiacchierare. Ma quando una persona interessata partecipa, la sua attenzione si rivolge rapidamente a lui.

Nei media cinesi e nelle dichiarazioni ufficiali della polizia, questi vigilanti di quartiere sono chiamati “fan di Chaoyang”. la settimana scorsa, Global Times di proprietà statale Ha fatto un ulteriore passo avanti, citando i netizen che affermano che il misterioso gruppo “potrebbe corrispondere a quattro famose intelligenze”. [agencies]e la CIA, l’MI6, il KGB e il Mossad.” Alcuni l’hanno definita scherzosamente “la quinta agenzia di intelligence più grande del mondo”.

Da anni i volontari della capitale cinese sono entrati a far parte del suo tessuto sociale quotidiano. Aiutano a gestire i loro quartieri raccogliendo spazzatura e guidando i perduti. Inoltre osservano, ascoltano e seguono ogni indizio che potrebbe portare a un potenziale caso legale. L’ascesa delle masse Chaoyang esemplifica la straordinaria capacità del Partito Comunista al potere di mobilitare le forze popolari per mantenere in funzione il vasto Paese, ma anche per tenere sotto controllo la sua popolazione.

La scorsa settimana, quando il “Piano Prince” Li Yunde è stato arrestato con l’accusa di aver assunto una prostituta, la polizia di Pechino ha accreditato la “folla” a Chaoyang per il loro arresto. I netizen sono rimasti ancora una volta affascinati dal ruolo di questi vigili cittadini nell’abbattere un’altra famosa personalità. Presto sono scoppiate discussioni su di loro sui social media.

READ  "Lascia l'Etiopia ora": i britannici hanno avvertito di non partire prima che sia troppo tardi

Finora, hashtag: #Chi sono esattamente i fan di Chaoyang? È stato visto almeno 310 milioni di volte sul sito di social network cinese Weibo. “Bravo, fan di Zhaoyang, siete eroi non celebrati!” Un recensore ha scritto. “Come facevano le persone a sapere che era una puttana e la sua cliente? Perché i coniugi, gli amici, non dovrebbero essere comunicatori?”, ha dubitato un altro.

Per gli antichi pechinesi, il nome delle masse Chaoyang non è sconosciuto, ha detto Ka-Ming Wu, un antropologo dell’Università cinese di Hong Kong che studia l’ascesa di questi volontari, anche se non sono l’unica forza che gestisce i quartieri della città. “Spesso sono pensionati e femmine. Molti possono chiamarli agenti di governo di base nello stato di partito, ma le nonne stesse parlano del loro servizio in termini di contributo e onore”.

L’iperattività di questi osservatori di quartiere è principalmente il risultato dell’espansione degli appalti pubblici di servizi sociali sponsorizzati dallo stato da privati ​​o enti, ha affermato Ling Li, esperto di politica e diritto cinese presso l’Università di Vienna.

“Anche se questi servizi possono essere acquistati anche per fornire assistenza sociale, sono principalmente utilizzati per aiutare a mantenere la stabilità sociale: ad esempio, raccolta di informazioni, sorveglianza del quartiere, sorveglianza post-carcere e altre attività di prevenzione della criminalità”, mi ha detto Lee.

Secondo i media stataliOltre 850.000 di questi volontari sono stati registrati in tutta Pechino nell’estate del 2017. In varie regioni, hanno anche assegnato dei nomi. Ad esempio, nel distretto di Xicheng, la parte occidentale di Pechino con quasi 1,3 milioni di persone, si chiamano “Westside Mamas”. E a Tongzhou, a est, sono chiamati “la gente comune di Tongzhou”.

Ma i fan di Chaoyang sono i più famosi. Tanto che nel 2017 la polizia di Pechino ha sviluppato un’applicazione mobile con lo stesso nome, fornendo ai cittadini uno strumento per fornire informazioni. A quel tempo, i funzionari del distretto di Chaoyang hanno affermato di aver già registrato circa 130 mila nomi – 277 persone per chilometro quadrato. In media, archiviano quasi 20.000 denunce ogni mese, di peccati che vanno dal terrorismo all’abuso di droga e al furto.

All’inizio di quest’anno, un ufficiale di polizia della comunità di Pechino ha detto giornale cinese che se gli osservatori di quartiere in cerca di prostituzione trovano una ragazza che va sempre a casa con i tacchi alti e le gonne corte in 02:00 – 03:00 Con diversi ragazzi, “Allora è il momento per noi di intervenire e controllare esattamente cosa stai facendo.”

Secondo lo stesso giornale, i volontari di Chaoyang vengono pagati 300-500 yuan (35-60 sterline) al mese. In caso di incidenti che si verificano nell’adempimento del proprio dovere, i volontari ricevono fino a 1,2 milioni di yuan (136.000 sterline) in compensazione assicurativa più un sussidio aggiuntivo.

Negli ultimi anni, agli osservatori di quartiere sono spesso attribuiti artisti e celebrità di rilievo. Tra questi c’è Jesse, il figlio dell’attore di Hollywood Jackie Chan, che è stato arrestato con l’accusa di droga nel 2014. Anche i fan di Chaoyang sono stati elogiati per aver tenuto d’occhio gli agenti stranieri, con notizie che risalgono al 1974 che descrivono in dettaglio come hanno aiutato la polizia a catturare spie. Sovietico.

Wu ha affermato che non tutti i volontari sono contenti della connessione con lo spionaggio o delle accuse di ricompense finanziarie. “Lo stato voleva creare l’impressione che ci fossero nemici interni di genere, classe e razza e sottolineare la sicurezza della vita urbana, ma la maggior parte dei volontari con cui ho parlato erano lì solo per ammazzare il tempo e mantenere la comunità pulita e gentile .”

Tuttavia, le autorità hanno iniziato a promuoverli e a rilasciarli serie di disegni nel 2015. Nel 2017, il presidente cinese Xi Jinping ne ha parlato con affetto durante un tour a Pechino. “Dove ci sono più bracciali rossi, c’è più sicurezza e tranquillità”, ha detto.

“[The Chaoyang masses] Tre armi magiche chia qi dao, il resoconto Wechat del People’s Daily ufficiale, la scorsa settimana dopo l’arresto del pianista Lee. “Vengono in gran numero, sono difficili da individuare e sono bravi a pensare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *