Vaccino governativo, cosa c’è qui per raggiungere l’autosufficienza – Corriere.it

Due date nel calendario sono cerchiate in rosso Campagna di vaccini contro il fagiolo dall’occhio. Primo, ovviamente, il 29 gennaio. La società farmaceutica europea EMA dovrebbe riesaminare la domanda di AstraZeneca per l’approvazione alla commercializzazione del vaccino nel corso della giornata. Il semaforo verde potrebbe accendersi tra poche ore, forse lo stesso giorno. La seconda data cerchiata in rosso, in realtà un’altra ballerina, The 26 marzo. Un altro vaccino prodotto da Johnson & Johnson quel giorno potrebbe essere testato per l’EMA e dato il via libera. La domanda per l’EMA non è stata ancora presentata. Ma la richiesta deve essere presentata entro la fine di questo mese e, se non ci sono implicazioni, l’approvazione potrebbe arrivare proprio il 26 marzo. Per queste due date, e queste due approvazioni, insomma, le convinzioni dell’Italia pendono su questi due vaccini. Non solo chi ha accelerato la campagna vaccinale (se continua a questo ritmo, siamo i numeri uno in Europa, tieni presente che ci vorranno molti anni), ma passa ad altre categorie rispetto a quelle in cima alla lista. Medici, infermieri – comprese le persone che lavorano in ospedali di varie abilità – appartamenti sanitari, da oltre 80 anni.

Quella scuola

L’Italia ha registrato una dose di 40 milioni di vaccino AstraZeneca attraverso l’approvvigionamento centralizzato dall’Unione Europea. Se il 29 gennaio c’è già il via libera dall’EMA – visto che AstraZeneca è già stato approvato in sette paesi a partire dalla Gran Bretagna il 30 dicembre – la prima dose potrebbe arrivare a febbraio. Pertanto, il governo può aspettarsi che il personale scolastico venga vaccinato secondo altri criteri, in particolare creando un canale appropriato all’età.

READ  Uno o due per il test team Repsol Honda in Italia....


Emarginato

L’Italia ha registrato una dose di 25 milioni di vaccino Johnson & Johnson. C’è però una differenza. Questo tipo di vaccino richiede un’iniezione, non un richiamo. Questo prodotto verrà utilizzato per vaccinare gli emarginati come i senzatetto. Sebbene spesso sommerse, le eruzioni sono un tipo di evento frequente. Il fatto che non sia richiesto un doppio incontro rende questo tipo di vaccino molto adatto a questo tipo di vaccino. Ma la dotazione di 25 milioni di dosi compensa l’intera campagna di vaccinazione.

Più di 80 pappagalli

Il vaccino Moderna, con le prime dosi arrivate ieri, sarà utilizzato dagli operatori sanitari e dagli ultracinquantenni e dai deboli. I primi 47.000 livelli – pochi, ma presto ne seguiranno altri – saranno distribuiti alle singole regioni in base alla loro popolazione di oltre 80 anni. Ma con una piccola revisione per premiare chi si è spinto fino a gestire il volume finora distribuito. Questo non è un giudizio sulla performance, almeno non riconosciuto. Ma la mancanza di materiali è un modo per evitare che la campagna venga fermata in alcune parti del Paese.

Priorità

Ci sono molte altre categorie per arrivare all’inizio dell’elenco. Quale alla fine avrà la precedenza? Ieri la Commissione Vaccini del Ministero della Salute ha segnalato tre tipologie di pazienti vulnerabili: quelli con oncologia, ematologia e dialisi. Richieste aggiuntive per altre categorie devono essere sempre inviate alla Commissione ministeriale. Questi criteri dovrebbero porre fine all’evento DIY e i livelli rimanenti vengono riciclati con la famiglia e gli amici. Il caso Modena, noto anche come scandalo Scorpeta, è iniziato la scorsa settimana ed è indagato. Tuttavia, le 100.000 persone che sono state vaccinate e che sono malsane finora non devono essere un segnale di violazione delle regole, tutte le persone che lavorano nelle strutture sanitarie, compresi gli amministratori, le pulizie e il personale della ristorazione.

READ  Cooperazione USA-Italia per aiutare gli espulsi dall'Afghanistan
Infermieri

È difficile chiedere la nomina di 3.000 medici e 12.000 infermieri per la campagna. Ci sono 14.800 domande da parte dei medici, quindi nessun problema. Gli infermieri non hanno raggiunto i 4mila. Meno di un terzo di quanto necessario. Solo gli infermieri freelance possono partecipare alla chiamata in quanto i dipendenti sono esclusi da qualsiasi professione. Ci sono circa 60.000 infermieri freelance e 31.000 che non svolgono altro tipo di attività. Ma la vaccinazione non è una priorità per loro. Forse la paura dell’infezione li tiene lontani. La preferenza nella vaccinazione può essere estesa anche a loro. A breve termine, il buco può essere chiuso nominando più medici e meno infermieri.

13 gennaio 2021 (modifica il 13 gennaio 2021 | 07:34)

© Revisionato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *