Uno studio ha trovato centinaia di flotte pescherecce che hanno messo il “buio” sospettato di pesca illegale | pesca

Gigantesche flotte di pescherecci in acque remote, principalmente dalla Cina, stanno spegnendo i loro fari di localizzazione per evitare di essere scoperti mentre sono impegnate in un’operazione di pesca potenzialmente illegale di calamari e altre specie redditizie ai margini delle vaste zone di pesca argentine, secondo un nuovo studio Oceana, una ONG internazionale dedicata alla conservazione degli oceani.

Ogni anno, le navi si accalcano insieme lungo i confini della Zona Economica Esclusiva dell’Argentina (ZEE) per sfruttare le lucrose zone di pesca.

Osservando i segnali di localizzazione delle navi tra gennaio 2018 e aprile 2021, Oceana ha scoperto che più di 800 navi hanno condotto quasi 900.000 ore di pesca entro 20 miglia nautiche dal confine invisibile tra le acque nazionali argentine e l’alto mare.

“Durante questo periodo di tre anni e mezzo, ci sono stati più di 6.000 casi in cui questi pescherecci sono apparsi “oscuri” potenzialmente disabilitando i loro dispositivi di localizzazione elettronica, noti come Sistemi di identificazione automatica (AIS),” un rapporto pubblicato mercoledì intitolato, Ora mi vedi, ora no: le navi svaniscono lungo le acque dell’Argentina.

In tutto, queste navi sono state “nascoste” per più di 600.000 ore che Oceana sospetta abbiano attraversato il confine nelle acque territoriali argentine per pesca illegale.

“È molto sospetto che il loro AIS sia stato disattivato per una percentuale così ampia del tempo che trascorrono a pescare”, ha affermato Marla Valentine, ecologista di Oceana, una ONG internazionale dedicata alla conservazione degli oceani.

Miliardi di dollari in vita marina vengono rimossi dagli ecosistemi, come calamari, naselli e gamberetti, di cui si nutrono specie come il tonno. Questo può avere effetti duraturi sul ciclo riproduttivo, ha detto Valentine.

Circa il 66% delle navi “scure” erano انت jiggers calamari cinesiViene spedito con luci brillanti e ganci progettati per catturare i calamari.

Il rapporto afferma che i pescherecci spagnoli che trainano reti pesanti lungo il fondo del mare per catturare specie come il nasello argentino e il gambero rosso sono tre volte più “scuri” dei pescherecci cinesi.

La presenza di così tante navi al largo delle acque argentine ha causato numerosi incontri in alto mare con la Guardia costiera argentina. Nell’aprile 2020, quasi 100 seppie – la maggior parte battenti bandiera cinese – sono state catturate a pesca illegale durante incursioni notturne nelle acque argentine, il loro sistema AIS disattivato.

“Nel 2016, un peschereccio cinese è affondato dopo che si diceva avesse tentato di speronare una nave della guardia costiera, e nel 2018 quattro pescherecci cinesi si sono uniti per proteggere una quinta nave che la guardia costiera stava inseguendo”, afferma il rapporto.

“C’è una linea sottile tra ciò che è legale e sostenibile e responsabile e regolamentato”, ha detto Valentine. “Potrebbero essere solo un pollice al di fuori della zona di esclusione in Argentina e questo sarebbe considerato legale”.

L’Argentina aveva una delle più grandi attività di pesca di calamari al mondo, con un valore commerciale di quasi 4 miliardi di dollari nel 2016. Il rapporto afferma che il calamaro del paese è “di fondamentale importanza per l’economia globale, la sicurezza alimentare e la resilienza degli oceani”.

Anche Oceana lo scorso anno ha segnalato la pesca illegale da parte di enormi flotte cinesi lungo la costa del Pacifico del Sud America, colpendo Cile, Colombia, Ecuador e Perù. Vengono addebitate anche le navi di quel gruppo Disabilita i loro tracker pubblici, e partecipa a Pratiche di ricarica potenzialmente sospette, tutto ciò può facilitare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata.

READ  A paraplegic Hong Kong athlete in a wheelchair climbs a skyscraper

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *