Uno studente americano dice di essere stato “aggredito” dall’agente di polizia che ha accoltellato in un tribunale italiano | Italia

Uno studente americano accusato di aver ucciso un poliziotto italiano ha detto al tribunale di non sapere se il suo aggressore notturno fosse un agente di polizia e che pensava fosse uno spacciatore di droga.

Il 21enne Finnagen Elder, che ha letto un rapporto di un’ora in un tribunale di Roma, ha detto di voler raccontare la sua versione dell’incidente del luglio 2019 che ha portato alla morte dell’agente di polizia Mario Serciello Rega durante un’esplosione di droga in italiano . Capitale.

L’anziano e il suo amico Gabriel Nadel-Horth, 19 anni, sono stati entrambi accusati di omicidio e potrebbero rischiare l’ergastolo se condannati.

“Dopo aver ascoltato tutte queste domande, mi sono reso conto che era difficile fidarsi di qualcuno nella mia posizione”, ha detto l’anziano alla corte, leggendo gli appunti. “Ma quello che ti dico oggi è vero. A quel tempo ho detto la verità.”

I pubblici ministeri dicono che Cerciello e il suo complice sono stati uccisi in un attacco non provocato dopo essersi avvicinati a due amici che erano in vacanza in borghese.

The Elder ha ammesso di aver pugnalato Cercello più volte con un coltello da battaglia di otto pollici, ma ha detto che lui e Nadal-Horth sono stati accoltellati da uomini che pensavano fossero spacciatori di droga.

“Quando quelle persone si sono avvicinate, ci hanno attaccato immediatamente come se volessero derubarci o ferirci senza dire una parola, senza mostrare alcun segno o qualsiasi altro oggetto”, ha detto lunedì. “Non hanno nemmeno detto” police “, che è come la parola inglese” police “.”

“Pensavo di essere stato attaccato da un delinquente”, ha detto dopo essere fuggito dalla scena.

READ  Piada mette alla prova il cibo di strada italiano a Cincinnati, Florence hot chicken mac & cheese

Nadal-Horth, che ha litigato con il compagno di Chercello, è comparso in tribunale lunedì. Affronta le accuse di “omicidio volontario” come l’anziano. Ha testimoniato che non ha mai mostrato i distintivi e che non sapeva che quegli ufficiali erano ufficiali.

La caotica rete di eventi ha portato a una discussione a mezzanotte quando i giovani americani hanno incontrato uno sconosciuto e hanno promesso di presentarlo a uno spacciatore.

Dopo che il commerciante li ha derubati del denaro, l’Anziano afferra lo zaino dell’intermediario, quindi Nadel-Horth organizza un incontro per scambiare la borsa con il denaro rubato.

Il commerciante era in realtà un informatore, che ha denunciato il furto della borsa alla polizia, dopodiché Cercello e il suo compagno Andrea Varriel si sono presentati al punto di trasferimento designato.

L’anziano ha detto lunedì che crede che il mediatore ei suoi alleati siano “pericolosi”.

“Quando siamo usciti dalla stanza, ho stupidamente messo il coltello che avevo portato dagli Stati Uniti nella tasca del sudore”, ha detto, aggiungendo che non sapeva se Nadel-Horth lo avesse visto farlo.

Verriel ha testimoniato che due ufficiali si sono avvicinati ai giovani per strada dal fronte e hanno mostrato loro i loro distintivi, anche se Cercello non è mai stato trovato.

L’Anziano ha descritto gli uomini che in un primo momento pensavano di essere dei passanti come “shock e terrore” quando sono stati improvvisamente in cima.

“Potevo sentire la pressione delle sue mani prima sul petto e poi sul collo. Stava cercando di strangolarmi o soffocarmi quando avevo problemi a liberarmi”, ha detto. “Sono andato nel panico, credendo che volesse uccidermi.”

L’anziano ha detto di aver sofferto di “sentimenti persistenti di ansia, attacchi di panico, depressione e tristezza” dopo l’attacco.

READ  Silk-FAW costruirà un impianto di auto sportive nella 'Motor Valley' italiana

“Non appena sono stato arrestato, ho raccontato il lato della storia, anche prima di parlare con un avvocato”, ha detto. “Dimostra che ho sempre detto la verità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *