Uno stato di panico in Libano con la diffusione di sciami di locuste del deserto nei terreni agricoli

Beirut: l’arrivo degli sciami di locuste in Libano ha causato il panico tra gli agricoltori del paese.

Video diffusi di insetti che volano sui terreni agricoli nelle città di Arsal e Ras Baalbek nella Bekaa, con l’hashtag #locust diffuso venerdì in Libano, mentre le persone commentavano sarcasticamente la recente crisi che ha colpito il paese assediato.

L’esercito libanese ha detto che gli elicotteri hanno iniziato a spruzzare pesticidi su Baalbek e Ras Baalbek per “combattere e sradicare” le locuste del deserto.

Il sindaco di Arsal Basil Al-Hujairi ha raccontato di aver visto “milioni” di locuste volare e attaccare ciliegi e raccolti.

Ha detto ad Arab News: “Le locuste hanno invaso un terzo della regione di Arsal”. “Con la nostra fretta di conoscere l’entità del disastro, gli sciami di locuste erano già passati per la città, il che significa che nelle prime ore di venerdì le locuste sono riuscite a percorrere 15 chilometri dirigendosi dalle regioni aride verso Arsal. Se questi sciami si moltiplicano, possono coprire il sole “.

Il sindaco di Arsal ha detto che più di due milioni di ciliegi, meli e albicocchi erano presenti nei lati sud ed est della città, e le locuste sono ancora presenti nella parte settentrionale della città.

“Spero che il vento non li porti in altre direzioni”, ha aggiunto.

Gli sciami sono arrivati ​​in Libano dopo l’invasione di Siria, Iraq e Giordania.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ha affermato che l’emergere di locuste del deserto in Siria e Giordania è stato un evento “insolito e raro” innescato da diversi giorni di forti venti meridionali e alte temperature che hanno portato popolazioni adulte in queste aree.

READ  Portali per Fedrigoni Security Business

Ha aggiunto che sebbene gli sciami non rappresentino una “invasione su larga scala” e possano essere controllati, teme che alcuni insetti adulti possano deporre le uova e riprodursi.

I Ministeri dell’Agricoltura e della Difesa si sono mobilitati per affrontare il problema perché il Libano è membro del Comitato FAO per combattere le locuste del deserto nella regione centrale.

Il ministro dell’agricoltura Abbas Mortada ha ispezionato Arsal e ha detto che le squadre del ministero hanno assistito a “ondate di locuste” e sono state in grado di determinare la loro distanza approssimativa.

Ma abbiamo ancora preoccupazioni che queste locuste possano riprodursi e invadere campi e fattorie. La gente fotografa sciami di locuste, ma sono ancora relativamente lontani “.

Il sindaco di Ras Baalbek, Munim Muhanna, ha parlato di “numero enorme” di locuste nelle zone aride della città ed ha espresso il suo timore che questi sciami raggiungano le aree popolate.

Una persona ha detto sui social media: “Le locuste non troveranno nulla in Libano perché i politici divorano tutto”, mentre un’altra ha detto: “I politici libanesi sono più pericolosi di questi sciami”.

Un altro ha commentato: “La locusta è la ciliegina sulla torta, che si aggiunge al collasso economico in Libano, all’impasse politico e alla carestia”.

La crisi libanese ci ha riportato all’inizio del ventesimo secolo, quando gli sciami hanno spogliato il paese di quasi tutta la sua vegetazione.

A quel tempo, il Libano stava già soffrendo di difficoltà economiche e un doppio assedio da parte sia dell’Impero Ottomano che delle forze alleate, che portò a una carestia che provocò la morte di oltre un terzo della popolazione.

READ  This unknown tax credit could get you up to $ 2000 in free money

Nel 2013, gli storici e ricercatori Dr. Christian Tautel e padre Pierre Whitock hanno pubblicato un libro che raccoglie documenti francesi inediti di sacerdoti gesuiti durante la carestia intitolato “Il popolo libanese nei grandi guai della guerra del 1914-1918”.

Secondo il libro, “la carestia iniziò con uno sciame affamato di locuste che divorava ogni cosa, come i libanesi chiamarono il 1915” l’anno delle locuste “, che era impossibile da controllare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *