Universo, abbiamo un problema: la NASA indaga sull’interruzione del telescopio spaziale Hubble

Il computer a bordo del telescopio spaziale Hubble che ha plasmato la nostra comprensione dell’universo per più di 30 anni ha smesso di funzionare. (NASA)

ATLANTA (CNN) – L’universo, abbiamo un problema: il computer che trasporta il carico utile a bordo del telescopio spaziale Hubble che ha plasmato la nostra comprensione dell’universo per più di 30 anni ha smesso di funzionare.

Dopo un malfunzionamento del 13 giugno, il computer del carico utile di Hubble ha smesso di ricevere il segnale “rimani vivo” che è “una stretta di mano standard tra il carico utile e i computer principali della navicella per indicare che tutto va bene”, secondo Comunicato stampa della NASA.

Dopo che il computer principale di tutti gli strumenti scientifici è passato automaticamente alla modalità provvisoria, il personale del centro di controllo presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, ha riavviato il computer del carico utile ma si è spento rapidamente il 14 giugno. La NASA ha riportato in buona salute.

Il payload computer – Standard Spacecraft Computer System 1 della NASA, o NSSC-1, costruito negli anni ’80 – fa parte dell’unità di comando ed elaborazione dati dello Science Instrument Solo Sul telescopio spaziale Hubble che trasmette i comandi agli strumenti scientifici Hubble e coordina i dati da inviare sulla Terra. L’attuale unità è una sostituzione installata dagli astronauti sulla missione dello shuttle STS-125 nel maggio 2009 dopo che l’unità originale fallì nel 2008, ritardando la missione di servizio finale su Hubble mentre la NASA costruiva la sostituzione.

Lo scopo del payload computer è controllare e coordinare gli strumenti scientifici sul telescopio e monitorarne la salute e la sicurezza, secondo la NASA. Anche i programmi per computer analizzano ed elaborano i dati raccolti. Un computer è fondamentale, ma esiste un altro computer a cui il team operativo può passare in caso di problemi.

Sulla base dei primi dati, il team operativo di Hubble inizialmente credeva che il modulo di memoria danneggiato avesse spento il computer. Dopo un riavvio fallito e il tentativo di passare a un modulo di memoria di backup, il team ha cercato di ottenere maggiori informazioni durante il tentativo di riavviare i moduli di memoria online, anche questo non è riuscito.

Dopo diversi test sui moduli di memoria del computer, gli investigatori hanno scoperto che un diverso componente hardware del computer potrebbe causare gli errori di memoria: il team operativo ha iniziato a esplorare se il problema risiedesse nell’interfaccia standard o nell’hardware STINT, che facilita la messaggistica tra la CPU di un computer e altre parti – o l’unità CPM stessa.

I membri del team operativo stanno anche progettando i test che eseguiranno presto per identificare potenziali problemi e una potenziale soluzione, che, per riferimento futuro, sarà utile per vedere quale hardware funziona ancora correttamente quando nient’altro.

La NASA ha dichiarato che se il problema non viene risolto, il team operativo di Hubble sarà pronto per passare ai dispositivi STINT e CPM nel computer del carico utile di backup.

Se i membri del team operativo utilizzano il piano B, avranno bisogno di diversi giorni per verificare le prestazioni del computer di backup e per riprendere le normali operazioni di cui è solitamente responsabile il computer del carico utile principale. La NASA ha dichiarato che il backup non è stato utilizzato dalla sua installazione nel 2009, ma che è stato “rigorosamente testato a terra prima dell’installazione sulla navicella spaziale”.

È stato lanciato a bordo della navetta spaziale Discovery nel 1990, e Telescopio Spaziale Hubble La NASA riferisce di aver condiviso le sue osservazioni di stelle, galassie e altri oggetti astronomici che “hanno catturato l’immaginazione di tutto il mondo e hanno approfondito la nostra conoscenza dell’universo”.

Ciò include il suo ruolo nel restringere l’età dell’universo da 10 miliardi a 20 miliardi di anni a circa 13,8 miliardi di anni, un numero ora utilizzato per comprendere l’evoluzione temporale di stelle, galassie e altro ancora.

The-CNN-Wire™ e © 2021 Cable News Network, Inc. , una società della Time Warner. Tutti i diritti riservati.

Storie correlate

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  Stazione spaziale per sorvolare Tampa durante il Super Bowl LV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *