United Rugby Championship: il boss Annai spera di ottenere il merito nella qualificazione alla Coppa dei Campioni

Il CEO dello United Rugby Championship (URC) Martin Anaye spera che il torneo gradualmente rinnovato abbraccerà tutti i meriti delle sedi della Heineken Champions Cup.

Pro14 verrà rinominato quando le quattro squadre sudafricane si uniranno alla competizione per formare un campionato a 16 squadre.

Le prime otto squadre raggiungeranno gli spareggi ma non si qualificheranno automaticamente per la competizione elite in Europa.

Dipenderà in parte dalla geografia.

Gli Sharks, Stormers, Lions e Bulls giocheranno al fianco delle attuali squadre di Irlanda, Italia, Scozia e Galles, con le squadre sudafricane che potranno partecipare ai Campionati Europei per la prima volta per la stagione 2022-23.

I primi otto si qualificheranno per la Coppa dei Campioni e gli altri giocheranno nella Challenge Cup.

All’interno delle 16 squadre, ci saranno quattro gironi regionali con il quartetto di squadre irlandesi, gallesi e sudafricane combinate insieme e le squadre scozzesi e italiane dall’altra parte.

Tutti i punti guadagnati durante la stagione URC concorreranno alla classifica in quattro gruppi regionali e la squadra con il punteggio più alto in ciascuno dei quattro gruppi guadagnerà un posto nella Coppa dei Campioni per la stagione successiva.

I restanti quattro posti assegnati andranno alle quattro squadre di campionato con il punteggio più alto che non si sono già qualificate nei rispettivi gironi.

Annai ammette che l’obiettivo a lungo termine delle prime otto qualificazioni per il Campionato Europeo Elite rimane uno, ma la geografia fornirà un fattore all’inizio.

“Hanno messo in atto un meccanismo per la squadra di punta all’interno dello scudo regionale per ottenere un posto in Coppa dei Campioni”, ha detto Anayi.

“Pensiamo ancora che ci siano meriti e rischi in questo. Siamo stati molto forti nel fatto che i primi otto andranno ai playoff, indipendentemente dalla regione di provenienza.

“La Champions Cup e la Challenge Cup sono un po’ una bestia diversa perché è una competizione di coppa, e tradizionalmente vuoi vedere una rappresentanza più ampia di diverse regioni per dare loro quel sapore.

“Le squadre francesi e inglesi sono desiderose di giocare contro squadre del gruppo più numeroso possibile.

“Stiamo pensando a un periodo di transizione, qualche anno, e poi potremo passare al merito.

“Non devi essere sempre perfetto prima, ma daremo una buona occasione per vedere se possiamo ottenere il merito e le qualifiche lavorando insieme”.

READ  Novak Djokovic in un'emozionante battaglia per raggiungere le semifinali dell'Open d'Italia | Tennis | sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *