Una serie Netflix aiuta a curare le ferite degli ebrei turchi

La serie rivoluzionaria di Netflix tra gli ebrei turchi è stata un successo inaspettato lì, sfidando i tabù e catturando il pubblico con uno sguardo su una società a lungo trascurata.

Il successo globale delle serie televisive turche – spesso con romanzi che piacciono al governo – ha reso il Paese una superpotenza del piccolo schermo.

Ma “il club” e la sua sontuosa ricreazione a Istanbul negli anni ’50 è il primo, anche perché parte dei dialoghi era in ladino, la lingua degli ebrei di Istanbul derivata dallo spagnolo medievale.

Sebbene un tempo le minoranze prosperassero nella capitale cosmopolita dell’Impero Ottomano, da allora hanno subito persecuzioni e discriminazioni.

In generale, gli ebrei tenevano la testa bassa per proteggersi, aderendo all’usanza ebraica turca delle “kayades”, che in ladino significa “silenzio”.

Ma “The Club” – che ruota attorno a una discoteca nello storico quartiere europeo di Istanbul – mette fine a questo silenzio.

– Strage contro le minoranze –

Gli attacchi e le persecuzioni che hanno spinto molti ebrei, greci e armeni a lasciare la Turchia sono stati affrontati nel XX secolo, inclusa una tassa del 1942 sui non musulmani e un massacro contro i greci nel 1955 che ha scatenato violenze anche contro tutte le altre minoranze.

“Il silenzio non ci ha protetto dall’antisemitismo e non ha impedito l’immigrazione in altri paesi”, ha affermato Nessi Altaras, editore della rivista online Avlaremoz gestita da giovani ebrei turchi.

“Dobbiamo parlare, anche su questioni politiche che le generazioni precedenti volevano evitare”, ha detto all’AFP.

In Turchia rimasero meno di 15.000 ebrei, in calo rispetto ai 200.000 all’inizio del XX secolo.

READ  Il Concorso Cinema di Venezia premia il regista italiano Francesco Maselli

La maggior parte sono sefarditi, i cui antenati fuggirono nell’impero ottomano dopo la loro espulsione dalla Spagna nel 1492.

In un raro caso di imitazione artistica, “The Club” è stato presentato in anteprima su Netflix in Turchia in un momento in cui Ankara ha cercato di ricucire i legami con Israele.

Sebbene entrambi i paesi siano stati storicamente vicini, le relazioni sono state gravemente tese dal trattamento riservato da Israele ai palestinesi e il presidente turco ha criticato le sue affermazioni definendole antisemite.

In effetti, fino a tempi recenti, i quotidiani filogovernativi turchi pubblicavano regolarmente storie percepite come antisemite.

Ma il presidente israeliano Isaac Herzog ha fatto una storica visita in Turchia all’inizio di questo mese, dove ha tenuto colloqui con il suo omologo Recep Tayyip Erdogan.

Herzog ha anche visitato l’area di Istanbul dove si è tenuto il “club”.

– dibattito acceso –

Lo spettacolo, in particolare le scene dei massacri di Istiklal Street a Istanbul nel settembre 1955, quando una folla giustiziava minoranze e saccheggiava i loro negozi, suscitò un intenso dibattito nei media turchi e online sulla necessità di confrontarsi con la storia.

“Nessun altro programma televisivo ha mostrato gli eventi antisemiti in questo periodo in modo così splendido”, ha affermato Silvio Ovadia, presidente del Museo ebraico della Turchia.

“Non insegniamo questa parte della storia nelle scuole turche. Molti turchi l’hanno appresa grazie alla serie”, ha detto Altaras.

“La serie ci invita a mettere in discussione la narrativa ufficiale e a chiederci: ‘Cosa è successo agli ebrei della Turchia? “.

Altaras crede che la serie abbia influenzato la politica turca locale.

READ  Gli archeologi hanno scoperto i resti dei Neanderthal nelle grotte vicino a Roma

“Non è un caso che il leader del principale partito di opposizione abbia appena introdotto nella sua campagna la ‘guarigione del passato’, riferendosi agli attacchi alle minoranze”, ha affermato.

– ‘Siamo parte di questo paese’ –

Per Izzat Bana, musicista e consulente di serie, la serie ha realizzato il “miracolo” di ricreare il ghetto della sua infanzia.

Bana ha detto: “All’inizio ero preoccupato perché altri spettacoli caricavano gli ebrei. Ma la serie riflette personaggi reali, lontani dai cliché”.

Kelavuz ha affermato che, nonostante questi progressi sullo schermo, è necessario fare di più affinché gli ebrei turchi si sentano uguali.

“C’è una leggenda sugli ebrei che furono espulsi dalla Spagna nel XV secolo dall’impero ottomano”, ha detto.

“È usato per stigmatizzare chiunque richieda la parità di diritti come manifestazione di ingratitudine”, ha detto.

Anche se tutti sono considerati uguali davanti alla legge in Turchia, le minoranze non musulmane affrontano in realtà ostacoli significativi, dall’ottenere lavori governativi all’apertura o alla riparazione di chiese o sinagoghe.

È anche raro trovare una figura di minoranza di spicco nelle istituzioni governative o statali in cui dominano ancora i musulmani sunniti turchi.

Per Altaras, la serie che tornerà per la terza stagione, mostra alla comunità turca che gli ebrei fanno parte della “storia di questo paese”.

“Lo sapevamo già, ma è positivo che anche i turchi ne siano consapevoli”.

bg / fo / raz / fg / ach

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *