Una mutazione inquietante è stata osservata nella variante britannica e in alcuni campioni di virus negli Stati Uniti

Oltre alla sua apparizione nella versione britannica, è stato visto in Variabili Che si è rapidamente diffuso in Sud Africa e Brasile. Negli ultimi giorni è stato riconosciuto anche in un numero limitato di casi negli Stati Uniti. Due nuovi casi del tipo sono stati confermati in Sud Africa martedì fuori dalla capitale della nazione, nella contea di Montgomery.

La mutazione cambia la struttura proteica appuntita del virus, l’obiettivo dei vaccini e di molti anticorpi presenti in natura. La mutazione può aiutare il virus a eludere il rilevamento e rendere meno efficiente il sistema immunitario umano. In effetti, rende il virus più segreto ed è una delle principali preoccupazioni per gli sviluppatori di vaccini, che cercano di addestrare gli anticorpi per concentrarsi e distruggere gli invasori conosciuti.

Julian Tang, virologo clinico presso l’Università di Leicester, ha detto che l’emergere della mutazione E484K in alcune infezioni causate dalla variante britannica è stato “uno sviluppo preoccupante, anche se non del tutto inaspettato”.

Il segretario alla sanità britannico Matt Hancock ha dichiarato: “Dobbiamo affrontare questa alternativa molto duramente”. “La nostra missione dovrebbe essere quella di impedire che si diffonda tutti insieme”.

Tutti i virus sono mutati e SARS-CoV-2 Si sta sviluppando mentre si diffonde tra decine di milioni di persone in tutto il mondo ed è una ricetta per ulteriori mutazioni man mano che il virus si adatta alla razza umana.

La mutazione Eeek non è propriamente nuova: è comparsa in sequenze genetiche molte volte dall’inizio dell’epidemia e i virologi hanno da tempo riconosciuto che potrebbe essere un problema. Sembra che stia facendo poco da solo e solo di recente ha guadagnato un interesse diffuso, ha affermato Greg Armstrong, direttore del Programma di rilevamento molecolare avanzato dei centri, dopo che ha iniziato ad emergere insieme ad altre mutazioni in varianti a rapida diffusione in Sud Africa e Brasile. Per combattere e prevenire le malattie.

READ  SpaceX testa il lancio del Falcon 9 per la sesta volta in cinque settimane: Spaceflight Now

Un database pubblico analizzato dal Washington Post ha mostrato 213 sequenze genomiche contenenti la mutazione negli Stati Uniti, risalenti a un caso iniziale nello Utah il 15 marzo.

È apparso molte volte in diverse sottospecie, Ha detto Armstrong. “Di per sé, sembra andare e venire”.

Finora, ha detto, non c’erano “variabili locali disturbanti”. Il Centers for Disease Control and Prevention sta monitorando da vicino una variante in California responsabile di molti dei casi lì – che non contiene la mutazione “Eeek” – ma Armstrong ha detto che non c’è consenso sul fatto che sia davvero più trasmissibile.

Tuttavia, il CDC sta ancora intensificando gli sforzi di sorveglianza genomica e gli Stati Uniti non hanno ancora piena consapevolezza dei numerosi ceppi del coronavirus circolante. La previsione del CDC del mese scorso ha indicato che, sulla base dei dati del Regno Unito, la variabile scambiata potrebbe diventare dominante negli Stati Uniti a marzo, in quanto ha sovraperformato le altre.

Dipende se ciò porterà a un ulteriore aumento dei tassi di vaccinazione. Il modello dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha mostrato che il numero complessivo di casi potrebbe ancora diminuire – anche se solo gradualmente – se il paese vaccinasse 1 milione di persone al giorno mentre la variabile si diffonde

Gli scienziati indicano che ci sono molte cose che non sanno o comprendono su questi ceppi virali o sul motivo per cui SARS-C0V-2 ha cambiato forma, dopo un lungo periodo di relativa stabilità, negli ultimi mesi.

“Onestamente non abbiamo una buona risposta sul motivo per cui questo è accaduto improvvisamente”, ha detto Armstrong.

READ  Questi antichi americani imbalsamavano i pappagalli. Nessuno sa perché

I dati degli studi clinici annunciati la scorsa settimana hanno indicato che i vaccini erano meno efficaci nel prevenire l’infezione con varianti in Sud Africa caratterizzate dalla mutazione – Ma ha notevolmente ridotto la possibilità di contrarre malattie gravi o morire.

Uno studio ha anche trovato prove preliminari che i pazienti in Sud Africa che erano sopravvissuti a un precedente episodio con il più comune coronavirus sono stati infettati una seconda volta – nonostante non avessero avuto una malattia grave – dopo l’esposizione alla variante con la mutazione E484K. Un altro dato preoccupante è arrivato dal Brasile, dove i ricercatori temono che il sostituto possa aver riportato indietro persone che si erano riprese da una precedente epidemia del virus.

Armstrong e altri scienziati hanno affermato che la diffusione delle varianti del coronavirus non ha cambiato la nostra comprensione di come viene trasmesso il virus e non ha negato il desiderio di vaccinarsi. Gli esperti in malattie hanno sottolineato che i vaccini forniscono ancora protezione e sono essenziali per schiacciare l’epidemia.

“La cosa veramente importante è che, se si guarda a chi è andato in ospedale e chi è morto, i vaccini sono davvero efficaci”, ha detto Jeremy Le Pen, virologo della University of Massachusetts School of Medicine.

Dallo scorso giugno, i ricercatori di Regeneron, il produttore dell’anticorpo monoclonale, un trattamento per il Coronavirus, hanno riportato sulla rivista Science di aver identificato la mutazione E484K come un ostacolo al loro prodotto. L’azienda ha formulato un cocktail di anticorpi per superare la resistenza prodotta dalla mutazione.

La mutazione E484K è apparsa più volte nei ceppi di coronavirus in tutto il pianeta, ma ciò non si traduce sempre in una versione funzionalmente diversa del virus, qualcosa che merita il termine “variante” o “ceppo”.

READ  La sonda cinese su Marte Tianwen-1 offre il suo primo sguardo doloroso al pianeta

“Il problema delle varianti è che sono caratterizzate da molteplici mutazioni.” Non sappiamo veramente quale ruolo giocano la maggior parte di queste mutazioni “, ha detto William Hanag, epidemiologo presso la Harvard TH Chan School of Public Health.

Ha notato che le mutazioni che sopprimono l’immunità non la eliminano.

Ha detto: “Non è vero che l’immunità cade dall’abisso”. “Alcune persone saranno ancora protette in una certa misura”.

“Eeek” è stato al centro dell’attenzione nelle ultime settimane perché è presente in B.1.351 e P.1, varianti identificate per la prima volta rispettivamente in Sud Africa e Brasile. Il ceppo del Regno Unito, B.1.1.7, si è diffuso più ampiamente dell’altro ceppo, ma finora è stato considerato meno problematico perché non conteneva la mutazione E484K.

A partire da lunedì, il surrogato britannico era stato rilevato in 467 infezioni negli Stati Uniti, secondo i dati del Washington Post. Armstrong del CDC ha detto martedì che la mutazione E484K è assente in nessuno di questi casi. La malattia è ancora molto rara nel Regno Unito, con 11 infezioni lì, secondo A. Trasferimento Pubblicato da Public Health England.

Il rapporto ha anche fornito prove preliminari che l’alternativa potrebbe essere il 65% più letale.

L’emergere di varianti di coronavirus negli Stati Uniti significa che il Paese deve “aumentare l’urgenza” degli sforzi di prevenzione delle malattie, ha detto Jennifer Nozo, epidemiologa del Johns Hopkins Center for Health Security, in una e-mail: “Vaccini, allontanamento sociale, maschere , test e tracciamento dei contatti L’isolamento e la quarantena sono più importanti che mai per limitare la diffusione del virus “.

Booth ha riferito da Londra. Harry Stevens ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *