Una misteriosa malattia del cervello si diffonde in Canada

Foto via Immagine via Pixabay / Futurism

La provincia canadese del New Brunswick sta monitorando 48 casi di una misteriosa nuova malattia del cervello che ha sconcertato i neurobiologi. BBC Rapporti.

I pazienti, di età compresa tra i 18 e gli 85 anni, hanno iniziato a manifestare una varietà di sintomi tra cui aggressività, ansia, depressione, dolori muscolari e spasmi. Alcuni pazienti hanno sviluppato insonnia, linguaggio scadente e persino rapida perdita di peso e atrofia muscolare.

Molti pazienti hanno anche sperimentato allucinazioni, inclusa la fugace “illusione di capgrass”, un disturbo psicologico in cui il paziente inizia a credere che un amico intimo o un familiare sia stato sostituito da una frode.

Roger Ellis, un uomo sulla sessantina nato e cresciuto nella penisola di Acadian nel New Brunswick, la regione in cui si sono verificati molti dei 48 casi, ha mostrato molti di questi sintomi.

“Soffriva di delusioni, allucinazioni, perdita di peso, aggressività e linguaggio frequente”, ha detto Steve, il figlio di Ellis. BBC. “Ad un certo punto non riusciva nemmeno a camminare. Così, entro tre mesi, siamo stati portati in ospedale dicendoci che pensavano che stesse morendo, ma nessuno sapeva perché”.

Inizialmente, i medici di Ellis sospettavano che si trattasse di un caso di malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD), una malattia cerebrale degenerativa fatale e rara. Ma i test di Ellis sono risultati negativi, insieme a innumerevoli altri.

“La nostra prima idea comune è che vi sia una componente tossica acquisita nell’ambiente di questo paziente che innesca i cambiamenti degenerativi”, ha detto a una stazione televisiva britannica il medico di Ellis, Aller Marrero.

I medici inoltre non escludono un collegamento all’esposizione a “tossine eccitanti” come l’acido domoico, che ha causato diversi incidenti di intossicazione alimentare nel 1987 nella vicina provincia dell’Isola del Principe Edoardo.

READ  Here's how to spot the rare conjunction of Jupiter, Mars and Saturn in tonight's sky

Ma rimangono molte più domande che risposte.

“Dobbiamo tornare ai primi principi e tornare al punto di partenza”, ha detto Neil Cashman, neurologo presso l’Università della British Columbia. BBC. “In questa fase, nulla può essere sostanzialmente escluso”.

Come lettore di Futurismo, ti invitiamo a partecipare Comunità di singolarità globale, Forum della società madre per discutere di scienza e tecnologia future con persone che la pensano allo stesso modo provenienti da tutto il mondo. Iscriversi è gratuito, Apri un account adesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *