Una migliore qualità dell’aria è associata a un minor rischio di demenza nelle donne anziane

Un numero crescente di prove negli ultimi anni ha dimostrato che l’inquinamento atmosferico esiste Un fattore di rischio significativo per la demenza nella vecchiaia. Non dovrebbe essere un grande shock. “Quando le persone sensibili inalano aria inquinata dall’esterno, particelle molto piccole possono penetrare nei polmoni ed entrare nel sistema circolatorio”, ha detto a The Daily Beast Jiu Quan Chen, neuroscienziato della University of Southern California. “Queste risposte “tossiche” possono causare la fuoriuscita della barriera emato-encefalica e causare danni al cervello”. Non è molto diverso da come altri fattori di rischio come il fumo influiscano negativamente sulla salute umana, Questo lo rende più incline a condizioni degenerative come la demenza.

La grande domanda che gli scienziati si sono posti negli ultimi anni è stata se l’effetto dell’inquinamento atmosferico sul rischio di demenza sia permanente o se sia qualcosa che può essere invertito. Nuovi risultati pubblicati in Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze Portare la buona notizia: una migliore qualità dell’aria per diversi anni è associata a un minor rischio di demenza nelle donne anziane.

I risultati rafforzano il sospetto che gli inquinanti esterni possano contribuire ad accelerare l’invecchiamento cerebrale (che significa effettivamente demenza). Ma, cosa ancora più importante, mostra anche che questo invecchiamento può essere rallentato se si riduce l’esposizione a tali inquinanti.

Guidato da Chen e altri della University of Southern California, un gruppo di ricercatori ha valutato la salute fisica e cognitiva annuale di 2.239 donne statunitensi di età compresa tra 74 e 92 anni, dal 2008 al 2018 (Chen e colleghi si sono concentrati sulle donne perché sono sproporzionatamente colpite dalla degenerazione malattie nervose come l’Alzheimer, che può portare alla demenza). Queste donne erano geograficamente sparse in tutto il paese e tutte erano libere da demenza almeno dal 2008 al 2012. I ricercatori hanno confrontato queste valutazioni con le concentrazioni medie annuali di inquinamento esterno dal 1998 al 2012 per determinare i luoghi in cui la qualità dell’aria tendeva alla salute. livelli. Lo studio si è concentrato sulle misurazioni del particolato fine e del biossido di azoto, due inquinanti molto comuni nei gas di scarico del traffico.

READ  Pioggia di meteoriti Geminidi: cosa ne sai?

Durante quei 10 anni, a 398 donne è stata diagnosticata la demenza. Ma i ricercatori hanno scoperto che i luoghi con il maggior miglioramento della qualità dell’aria hanno mostrato una minore incidenza di diagnosi di demenza tra le donne che hanno partecipato allo studio. Sebbene la riduzione del rischio vari a seconda di altri fattori, Chen ha spiegato che la riduzione dell’esposizione all’inquinamento atmosferico di quasi il 15% al ​​di sotto dell’attuale limite standard dell’EPA ha comportato una riduzione del 20% del rischio di demenza.

Inoltre, il legame tra la riduzione del rischio di demenza e il miglioramento della qualità dell’aria non differiva in modo significativo per età, istruzione, geografia o fattori di rischio cardiovascolare, suggerendo che l’inquinamento atmosferico svolge effettivamente un ruolo maggiore nella demenza di quanto si pensasse in precedenza.

Lo studio è tutt’altro che perfetto. I risultati probabilmente si tradurranno in uomini più anziani, ma non possiamo ancora esserne certi senza dati reali per confermarlo. Inoltre, alcune donne potrebbero essere state esposte a livelli di inquinamento atmosferico molto diversi nella loro vita quotidiana rispetto a quanto indica la qualità generale dell’aria nell’ambiente circostante. Altri fattori, come gli spazi verdi, possono aver influito sulla qualità dell’aria a livello locale.

Ma ci sono poche ragioni per dubitare del risultato complessivo: non c’è separazione tra salute umana e salute ambientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *