Una linea dalla Spagna allo spazio profondo

Agenzia della NASA Deep Space Network (DSN) è una tastiera planetaria gigante che aiuta dozzine di veicoli spaziali distanti a comunicare con team di ingegneri e scienziati sulla Terra.

Una rete di antenne e parabole trasmette messaggi da attività come Voyager 1 E il Osservatorio del clima nello spazio profondo (DSCOVR). Voyager 1 è stato lanciato nel 1977 e sta ancora inviando segnali dallo spazio interstellare, a circa 22 miliardi di chilometri (14 miliardi di miglia) di distanza. DSCOVR prende Immagini del disco completo Dalla Terra di 1,6 milioni di km (un milione di miglia).

Il 17 marzo 2021, il Prof. Fotografia operativa a terra (OLI) è Landsat 8 Ho ottenuto questa foto a colori naturali di un call center a Robledo de Chavela, a circa 50 chilometri (30 miglia) a ovest di Madrid, in Spagna. Il complesso contiene diverse grandi antenne radio con antenne paraboliche che appaiono come cerchi bianchi nell’immagine del Landsat. La posizione è stata scelta perché era a uguale distanza dalle stazioni DSN Goldstone, California E Canberra, Australia. La posizione strategica consente la comunicazione continua con la navicella spaziale mentre la Terra è in rotazione.

La NASA ha istituito per la prima volta la struttura DSN in Spagna nel 1964, quando iniziò Gemelli E Mercurio Programmi. La struttura di Madrid, come le altre due strutture DSN, ha almeno sei antenne.

L’antenna più potente della struttura di Madrid è Stazione spaziale profonda 63. Ha un diametro di 70 metri (230 piedi) e riceve segnali da missioni fino allo spazio interstellare. Nel gennaio 2021, gli ingegneri hanno completato un’installazione Stazione spaziale profonda 56, Antenna multiuso da 34 m (112 piedi) in grado di comunicare a più frequenze e con più veicoli spaziali. Le antenne presenti sono limitate nelle bande di frequenza che possono ricevere e trasmettere e spesso le limitano a comunicare solo con un veicolo spaziale specifico.

READ  La strana oscillazione dei muoni subatomici potrebbe infrangere le leggi della fisica

Oltre a tracciare e comunicare con veicoli spaziali distanti, gli scienziati utilizzano i dati del DSN per studiare la forma della Terra e il suo campo gravitazionale, un campo noto come Interferometria molto lunga (VLBI) Per tenere traccia di piccoli cambiamenti nella crosta terrestre, come il movimento delle placche tettoniche.

Immagine della NASA Earth Observatory di Lauren Dauphin, utilizzando i dati Landsat da Indagine geologica degli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *