Una legge fondamentale degli Stati Uniti per “fermare la repressione degli elettori” supera il primo ostacolo alla Camera dei Rappresentanti Diritti di voto americani

I Democratici alla Camera hanno approvato una legislazione radicale sul voto e sull’etica contro l’opposizione unanime repubblicana e sono avanzati al Senato in quella che sarà la più grande riforma della legge elettorale statunitense in almeno una generazione.

La risoluzione della Camera n. 1, che riguarda quasi ogni aspetto del processo elettorale, è passata 220-210. Limiterà la manipolazione partigiana dei distretti congressuali, rimuoverà gli ostacoli al voto e porterà trasparenza al sistema opaco di finanziamento delle campagne che consente ai ricchi donatori di finanziare questioni politiche in modo anonimo.

Il disegno di legge rappresenta un potente contrappeso alle restrizioni ai diritti di voto che promuovono il ruolo del paese controllato dai repubblicani in tutto il paese sulla scia delle ripetute false affermazioni di Donald Trump sulle elezioni del 2020 rubate. Tuttavia, deve affrontare un destino incerto nel Senato controllato dai democratici, poiché ha poche possibilità senza cambiare le regole procedurali che ora consentono ai repubblicani di bloccarlo.

La posta in gioco nel risultato è enorme, poiché si avvicina all’idea di base che un individuo equivale a un voto e porta con sé il potenziale per plasmare i risultati delle elezioni per gli anni a venire. Fornisce anche una prova di quanto seriamente il presidente Joe Biden e il suo partito siano nella lotta per le proprie priorità, così come per quelle dei loro elettori.

Nikima Williams, il nuovo membro del Congresso che rappresenta la contea della Georgia scomparsa, John Lewis, un campione del diritto di voto scomparso da anni, ha detto che questo disegno di legge “metterà fine alla repressione degli elettori che vediamo essere in discussione”. “Questo disegno di legge è un” buon problema “che ha combattuto per tutta la vita.

READ  The permafrost of Siberia produces well-preserved woolly rhinoceros from the Ice Age | Fossils

Tuttavia, per i repubblicani, concederebbe una licenza per interferenze federali indesiderate con il potere statale per condurre le proprie elezioni – in definitiva avvantaggiando i democratici aumentando l’affluenza alle urne, in particolare tra le minoranze.

Il leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy della Camera dei rappresentanti ha dichiarato martedì: “I democratici vogliono usare la loro maggioranza ristretta per non approvare progetti di legge per ottenere la fiducia degli elettori, ma per garantire che non si perdano più seggi alle prossime elezioni”.

La misura è stata una priorità per i Democratici da quando hanno vinto la maggioranza alla Camera nel 2018. Ma è diventata più urgente. Sulla scia delle false affermazioni di Trump, Che ha istigato la micidiale assalto di gennaio del Campidoglio degli Stati Uniti.

I tribunali e persino l’ultimo procuratore generale di Trump, William Barr, hanno ritenuto infondate le sue affermazioni sulle elezioni. Ma a causa di queste bugie, i legislatori negli Stati Uniti hanno introdotto più di 200 leggi in 43 stati che limiterebbero l’accesso alle urne, secondo un conteggio mantenuto dal Brennan Center for Justice della New York University.

In Iowa, il legislatore ha votato per ridurre le assenze anticipate e il voto di persona, impedendo ai funzionari elettorali locali di creare siti aggiuntivi per facilitare il voto anticipato. In Georgia, la Camera dei Rappresentanti ha votato lunedì sulla legislazione che richiede l’identificazione per votare per posta, il che consentirebbe anche alle contee di annullare il voto di persona in anticipo domenica, quando molti elettori neri hanno votato dopo la chiesa.

Martedì, la Corte Suprema è apparsa pronta a sostenere le restrizioni al voto dell’Arizona, il che potrebbe rendere difficile contestare le future leggi sulle elezioni statali.

READ  French cocks are now attacking with the law behind them

Quando è stato chiesto perché i sostenitori cercano di sostenere le leggi dell’Arizona che limitano chi può esprimere voti per assente e consentire il voto se sono espressi nel distretto sbagliato, l’avvocato repubblicano dello stato ha detto: “Un difetto competitivo rispetto ai Democratici”, ha detto l’avvocato Michael Carvin. “La politica è un gioco a somma zero”.

Risorse umane 1 richiede agli stati di registrare automaticamente gli elettori idonei, nonché di presentare la registrazione lo stesso giorno. Limiterà la capacità degli stati di eliminare gli elettori registrati dalle loro liste e ripristinare i diritti di voto agli ex criminali. Tra dozzine di altre disposizioni, richiederà anche agli Stati di introdurre 15 giorni di votazione anticipata e consentire il voto per assente senza scuse.

Sul punto di ridisegnare i confini dei distretti congressuali una volta ogni decennio, e di solito è un’intensa questione di parte, il disegno di legge richiede che i comitati apartitici si occupino del processo piuttosto che le legislazioni statali.

Il più grande ostacolo al disegno di legge attende il Senato, che è diviso 50-50 tra repubblicani e democratici.

In alcune leggi, bastano solo 51 voti per passare, con il vicepresidente Kamala Harris come spartiacque. Su un disegno di legge profondamente controverso come questo, avrebbero bisogno di 60 voti secondo le regole del Senato per superare i blocchi repubblicani – un numero che è improbabile che raggiungano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *