Una classica storia dell’orrore di Netflix non è proprio quello che sembra

Netflix è stato molto di tendenza ultimamente con la sua gamma di film horror internazionali, ma i suoi nuovi spettacoli Storia dell’orrore classica Sembra che stia cercando di essere una delle sue più ambiziose finora.

Come genere letterario, l’horror può essere abbastanza autocosciente, attingendo alle metafore spesso usate (andiamo alla spaventosa casa abbandonata!) in maniera autoreferenziale. Potrebbe trasformarsi in satira o in un’intelligente analisi dell’horror in generale, a seconda dell’atmosfera che il film attende.

Storia dell’orrore classica Sembra destinato a essere l’ultimo. La piattaforma di trasmissione lo ha descritto come “mezza estate Incontra Il massacro della motosega nel texas‘, il film italiano prende una varietà di tropi horror immediatamente riconoscibili e li riassembla in un film che, nonostante il titolo, non sembra essere niente di ordinario.

Il film inizia con un gruppo di persone bloccate dopo che il loro camper si è rotto durante un viaggio nel sud Italia (finora, piuttosto tipico). Cercando di capire dove andare dopo, si perdono e si imbattono in una capanna dall’aspetto inquietante nel bosco, quando qualcuno scherza: “Perché nessuno l’ha ancora detto? Questo è un classico film horror”.

Da lì, il trailer attraversa scene che sembrano essere state rimosse da famosi film dell’orrore – dispositivi di tortura che sembrano qualcosa trovato in Opinione, un raduno simile al culto mezza estate, maschere di legno simili al malvagio Venerdì 13 Jason Voorhees (si può andare avanti…) – dove i personaggi si rendono conto che non tutto è come sembra.

Il riassunto ufficiale recita: “Carrello. Incidente d’auto. Casa abbandonata. Musica per bambini in sottofondo. Pensi di averlo visto prima? Guarda di nuovo. “

READ  Kourtney Kardashian e Travis Barker condividono baci italiani in fuga

Il trailer non rivela molto della trama attuale, ma promette piuttosto che l’iper-universo del film non è quello che sembra in superficie. “Ti sembra di averlo già visto”, disse con una calligrafia insanguinata. “Dai un’occhiata più da vicino.”

Il film è diretto da Roberto Di Vio e Paolo Stripoli e vede la partecipazione di Matilda Lutz, Will Merrick, Yulia Sobol, Justin Korovkin e altri. Sarà disponibile per lo streaming su Netflix a partire dal 14 luglio.

Puoi guardare il trailer cruento qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *