Un villaggio di montagna italiano medievale rinasce mentre il fascino della città svanisce

ROCA CALACIO, 22 marzo (Reuters) – Al sorgere del sole su Castel Rocca Calacio, un piccolo paese di montagna alto nell’Appennino centrale, risuona come un silenzioso tuono rosso.

Una di queste albe colpì Franco Cagnoli con una vocazione quasi spirituale che lo spinse in una missione personale per far rivivere il borgo medievale che era stato abbandonato nel 1957.

Il luogo un tempo spettrale è uno dei tanti piccoli luoghi in Italia che stanno godendo di una freschezza, alimentata da prezzi economici, opportunità di lavoro intelligente e il desiderio di uno stile di vita più tranquillo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Per dirla in termini romantici”, ha detto Cagnoli, “c’è una storia d’amore tra me e Roca Calaccio”. Situato.

Lo spostamento di villaggi o frazioni rurali in Italia è iniziato con l’immigrazione all’inizio del XX secolo e ha subito un’accelerazione dopo la seconda guerra mondiale, quando il boom economico del paese ha attirato le persone verso lavori urbani.

A 1.400 metri sul livello del mare, il castello, la cui fondazione risale a circa 1.000 anni fa, è uno dei più alti d’Europa. Il borgo medioevale sottostante ospita due famiglie ed altre hanno acquistato immobili da ristrutturare sia come prima residenza che come seconda casa.

Cagnoli, 39 anni, vide per la prima volta il castello all’età di 16 anni e risiedeva nel capoluogo di regione L’Aquila. Era in viaggio per ritrovare se stesso.

“Sono arrivato qui in moto quando l’alba ha illuminato il castello – racconta – La luce era letteralmente accecata e da quel giorno qualcosa dentro di me è cambiato”. “Pensavo fosse il posto più bello della terra. Ho sentito delle carte speciali.”

READ  Today, the Dow Jones rises on stimulus. Intel faces shake; Ali Baba expand its recovery | Daily Business Investor

La sua relazione con Roca Calacio non è mai stata interrotta. Nel 2012 si è trasferito a Kalashio, un villaggio di circa 80 abitanti, a tre chilometri dal pendio selvaggio.

Ora è custode di un castello e capo di una cooperativa i cui 26 membri guidano i visitatori.

Residente a Rocca Calaccio, Valeria Bivani, ha lasciato Roma nel 1996 e ora gestisce un’attività online vendendo prodotti in lana che realizza su un telaio in legno vecchio stile.

“Le persone della generazione precedente non apprezzavano o pensavano di non apprezzare la terra in cui vivevano”, ha detto Bevani.

“Gli adolescenti di oggi, come i miei figli, sono orgogliosi della loro terra e sarebbero felici se potessero restare qui”.

Il castello, dove è stato girato il film del 1985 “Ladyhawke” con Michelle Pfeiffer, è nato come torre in una serie di fortificazioni difensive medievali per dominare le valli che si estendono nell’entroterra dell’Adriatico.

Il futuro di Rocca Calaccio ha ricevuto una spinta questo mese quando il Ministero della Cultura italiano l’ha inserita tra i 21 luoghi che riceverebbero ciascuno 20 milioni di euro (22 milioni di dollari) per restaurare le rovine e costruire strutture per i visitatori.

Le iniziative di reinsediamento di borghi abbandonati o scarsamente popolati in Italia hanno coinvolto i consigli comunali che regalano o vendono case per una miseria in cambio dell’impegno a restaurarle.

(1 dollaro = 0,9087 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Filippo Polilla segnalato da Roma; Scritto da Philip Pullella e curato da Ed Osmond

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *