Un uomo iraniano è stato decapitato da suo fratello e dai cugini perché gay

La sessualità di Ali Reza è emersa quando ha chiesto l’esenzione dal servizio militare obbligatorio in Iran

Presumibilmente, la sua famiglia ha decapitato un uomo in Iran per essere gay, pochi giorni prima di lasciare il paese.

Si dice che Ali Reda, 20 anni, sia stato ucciso da suo fratello e da due loro cugini dopo aver appreso della sessualità di Ali Reda.

Tragicamente, stava progettando di lasciare l’Iran e andare a vivere con il suo partner, Agil Abiyat, in Turchia, ma è stato ucciso pochi giorni prima di arrivarci.

E Ali Reda aveva chiesto l’esenzione dal servizio militare obbligatorio rivelando il suo orientamento sessuale, secondo quanto riferito. 6 Rang, Rete iraniana di lesbiche e transgender.

Ma non c’era quando la sua carta di esenzione è arrivata a casa sua ad Ahvaz e suo fratello l’ha ricevuta, solo per scoprire che Ali Reza era gay.

Poco dopo le 19:00 di martedì, il fratello di Alireza ha detto che dovevano recarsi al villaggio di Borumi per vedere il padre.

Ali Reda salì in macchina, ignaro che sua sorella fosse consapevole della sua sessualità.

Ma una volta arrivati, due dei suoi cugini si sono uniti al fratello e avrebbero contribuito a decapitare Ali Reza.

Secondo quanto riferito, hanno lasciato il corpo del giovane sotto alcune palme e poi hanno chiamato sua madre per dirle: “Lo abbiamo ucciso”, ha detto Abyat. Iran Wire.

Alireza sperava di lasciare l’Iran e andare a vivere in Turchia con la sua compagna
Il fratello di Ali Reda ha scoperto di essere gay quando la sua carta di esenzione militare è arrivata a casa sua

Abyat ha detto che la madre di Ali Reda è rimasta così scioccata da quello che è successo a suo figlio che ha dovuto portarla in ospedale.

I tre sospetti sono stati arrestati e rischiano di essere processati per omicidio premeditato.

Abyat ha detto: Niente è più difficile che aspettarsi di vedere qualcuno che ami in pochi giorni e sentire improvvisamente che è morto.

Non c’è niente di più difficile che non essere in grado di vedere o sentire la sua voce per sempre. Questo è un dolore terribile che rimarrà nel mio cuore fino alla fine dei tempi.

I difensori dei diritti umani hanno da tempo parlato della discriminazione e del pericolo che le persone LGBT devono affrontare in Iran.

L’omosessualità è punibile con la morte in Iran e molti omosessuali vengono uccisi in “delitti d’onore” commessi dalle loro famiglie.

In media, sei iraniani gay su 10 sono stati aggrediti dai loro parenti e quasi il 50% di loro è stato aggredito sessualmente in pubblico, secondo il Rapporto 2020 di 6Rang.

L’avvocato per i diritti umani Jisoo Nia ha twittato: “RIP Ali Reza. È stato brutalmente assassinato e la sua famiglia lo ha eliminato a causa del suo orientamento sessuale. Gli atteggiamenti culturali nella società nei confronti dell’omosessualità sono un problema di vita o di morte.

“Ciò che aggrava il problema è quando le leggi dello stato non forniscono alcuna protezione”.

“Dobbiamo continuare a lottare per porre fine alla criminalizzazione, alla stigmatizzazione, alla polizia e agli abusi che le persone LGBT devono sopportare solo a causa della loro esistenza”, ha detto l’autore Senthorne Raj, scrivendo sulla legge LGBTQ +.

Contatta il nostro team di notizie inviandoci un’e-mail a webnews@metro.co.uk.

Per altre storie come questa, Dai un’occhiata alla nostra pagina delle notizie.

READ  Il Pakistan attende notizie di aver perso il campione nazionale di arrampicata sul K2 | Pakistan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *