Un insetto del Triassico perfettamente conservato è stato trovato per la prima volta in una cacca di dinosauro

Nel tardo Triassico, in quella che oggi è la Polonia, con il naso lungo dinosauro Mangia una porzione abbondante di alghe verdi e poi fai la cacca.

È stato un giorno come un altro per l’animale, ma per noi, dopo quasi 230 milioni di anni, quegli escrementi così fossilizzati hanno rivelato un’intera famiglia di coleotteri non digeriti.

Gli insetti sono i primi ad essere descritti da escrementi fossilizzati e sono diversi da tutto ciò che abbiamo scoperto prima nell’ambra. Non solo questi insetti erano antichi, le loro zampe e le loro antenne erano così intatte, che i ricercatori sono stati in grado di ricostruire accuratamente la loro forma 3D. Sono state nominate nuove specie Triamexa Coprolytica.

“Sono rimasto davvero stupito di vedere come si sono conservati i coleotteri, quando li ho modellati sullo schermo sembrava che stessero guardando direttamente te”, dice Il paleontologo Martin Kvarnstrom dell’Università di Uppsala in Svezia.

Ricostruzione digitale 3D di Triamexa Coprolytica. (Qvarnström et al., Curr Bio, 2021)

Si ritiene che il Triassico sia un periodo cruciale per l’evoluzione degli insetti, in particolare per i coleotteri, la specie di organismo più diversificata oggi sulla Terra.

Sfortunatamente, molti fossili di coleotteri di questo periodo ci danno solo un’impronta della specie, non una visione tridimensionale. I depositi di ambra sono l’eccezione, tuttavia, questi di solito non hanno più di 140 milioni di anni.

Gli scarafaggi nella cacca di dinosauro hanno quasi il doppio dell’età.

Dopo un’attenta analisi, i ricercatori hanno inserito la nuova specie di coleottero nella sua famiglia, Triamyxidae. A causa di alcune somiglianze, sospettano che gli insetti siano un ramo estinto di un piccolo sottordine di coleotteri, noto come Mixofaga, che ha una scarsa documentazione fossile.

READ  Queste formiche rimpiccioliscono il loro cervello per avere la possibilità di diventare una regina

Oggi, i moderni coleotteri Myxovagan prosperano in gran numero su stuoie di alghe verdi, di solito vicino all’acqua. La scoperta indica che i loro antichi parenti potrebbero essere stati abbondanti in ambienti acquatici simili.

Si ritiene che lo stesso escremento fossilizzato, noto come coprolite, provenga da un dinosauro lungo due metri, chiamato Celsaurus opulensis, che si nutre principalmente di piante ma sembra anche essere un predatore.

Il numero di coleotteri nei loro escrementi lo indica certamente.

pollice multimediale 1Coleotteri in una cacca di dinosauro fossilizzata. (Qvarnström et al., Curr Bio, 2021)

Poiché questi insetti sono così piccoli e numerosi, gli scienziati ritengono che fossero molto probabilmente un contorno del pasto principale.

Se un dinosauro masticava alghe verdi vicino alla riva, ad esempio, qualsiasi coleottero che ha mangiato lungo la strada sarebbe una sorpresa croccante e, se digerito, sarebbe nutriente per il pasto.

A causa dei loro corpi forti e piccoli, i ricercatori ritengono che i coleotteri avrebbero avuto maggiori possibilità di sopravvivere alla digestione dei dinosauri rispetto ad altri insetti. Tutto ciò che ha un corpo morbido può essere facilmente frantumato.

“sebbene celsauro Sembra che abbia ingoiato molte persone da T. coprolitica, è probabile che il coleottero sia troppo piccolo per essere l’unica preda bersaglio”. spiegare Gfrnstrom.

“Mentre quello, Triamexa Probabilmente condivideva il suo habitat con coleotteri più grandi, che sono rappresentati da resti disintegrati di coproliti, e altre prede, che non sono mai finite in una forma riconoscibile. Quindi sembra probabile che celsauro Era una carnivora e quella parte della sua dieta consisteva di insetti”.

Nuova specie di coleottero per 1rappresentazione artistica di Celsaurus opulensis. (Małgorzata Czaja)

Questa scoperta ha fatto credere agli scienziati che i coproliti potrebbero fornire un’eccellente finestra sull’evoluzione precoce degli insetti. Le feci fossilizzate possono essere difficili da vedere per l’occhio umano, ma utilizzando le scansioni di tomografia computerizzata (TC), i ricercatori possono individuare ogni minimo dettaglio sul T. coprolitica.

“In questo aspetto, la nostra scoperta è molto promettente, in pratica dice alle persone: ‘Ehi, controlla più coproliti con microCT, ci sono buone possibilità di trovare insetti e se li trovi, possono essere conservati molto bene, ‘” dice L’entomologo Martin Vekachik della National Sun Yat-sen University di Taiwan.

READ  Un'immagine dalla Stazione Spaziale Internazionale che mostra la velocità con cui si muove la stazione spaziale

Ci volle fino al primo periodo del Cretaceo perché la resina degli alberi fosse abbastanza abbondante da catturare i primi insetti in azione e pietrificarli. Durante il Triassico, c’era pochissima resina degli alberi intorno, il che significa che non abbiamo depositi di ambra che ci dicono come erano gli insetti in quel momento.

Vekachik pensa che la cacca di dinosauro sia la nostra occasione per saperne di più.

“Forse, quando verranno analizzati più coproliti, scopriremo che alcuni gruppi di rettili hanno prodotto coproliti davvero inutili, mentre altri contengono coproliti pieni di insetti ben conservati che possiamo studiare”, dice.

“Dobbiamo semplicemente iniziare a guardare all’interno dei coproliti per avere almeno un’idea”.

Lo studio è stato pubblicato su biologia attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *