Un gruppo di consumatori critica il forum alimentare dell’UE come “fiera italiana” – POLITICO

Un’importante piattaforma di dibattito a Bruxelles dove eurodeputati e lobbisti del settore discutono sulla politica alimentare dell’UE accusata di essere un motore degli interessi italiani.

La controversia sullo European Food Forum arriva mentre Bruxelles stabilisce nuove regole su come le informazioni nutrizionali vengono presentate sulle etichette degli alimenti. L’Italia si oppone fermamente alle spie rosse nello schema Nutri-Score francese sugli imballaggi alimentari, poiché afferma che queste etichette penalizzano i cibi grassi come l’olio d’oliva e il parmigiano.

In un dibattito sempre più aspro sull’argomento, l’Organizzazione europea dei consumatori (BEUC) ha dichiarato che cesserà la sua adesione al forum, istituito nel 2019. In qualità di difensore dei diritti dei consumatori, BEUC L’Unione Europea vuole scegliere Nutri-Score, una mossa a cui i politici in Italia resistono strenuamente, sostenendo che l’Unione Europea dovrebbe scegliere un modo diverso di organizzare i cibi.

NutriScore È già l’etichetta più popolare del blocco, essendo stato adottato da Francia, Germania e Spagna, tra gli altri paesi. Ma il sospetto si sta diffondendo rapidamente mentre i politici subiscono pressioni per difendere le loro specialità nazionali. Il mese scorso, il ministro dell’Agricoltura francese Julien Denormandy ha chiesto una revisione della metodologia Nutri-Score dopo aver ottenuto guadagni dai produttori di formaggio Roquefort.

A Bruxelles, il litigio sull’etichettatura ha suscitato polemiche al Forum alimentare europeo, dove giganti del settore come Mars, Kellogg e Coca-Cola discutono delle ultime mosse politiche dell’UE con i deputati e alcuni gruppi della società civile come il BEUC. “Questo sta davvero diventando sempre più uno spettacolo IT”, ha scritto il direttore generale del BEUC Monique Goines dell’EFF, in un’e-mail interna vista da POLITICO e inviata il 14 ottobre.

READ  La finale della Rainbow Cup non è una vacanza in Italia per i Bulls

“Penso che dobbiamo uscire. Questo piccolo scherzo è continuato abbastanza. Goins ha detto ai colleghi, osservando che la piattaforma accoglie più eurodeputati italiani.

Un eurodeputato, Marco Drusto, del gruppo di destra Identità e Democrazia, ha scritto a Politico: “La scelta di parole estremamente sfortunata della signora Goins (che descrive l’EFF come uno spettacolo italiano) non riflette la realtà ed è profondamente offensiva per entrambi i membri dell’EFF. e parlamentari italiani”.

Camille Perrin, chief food policy officer del BEUC, ha confermato che il BEUC non rinnoverà l’adesione all’EFF nel 2022.

L’imminente partenza del BEUC infligge un nuovo colpo alla credibilità dell’EFF, che si configura come un luogo di dibattito neutrale che rifugge le posizioni politiche. Tuttavia, poiché opera al di fuori dei confini del Parlamento europeo, gli attivisti per la trasparenza hanno sollevato preoccupazioni circa l’EFF un anno fa, avvertendo che il forum avrebbe offerto alle grandi aziende ampie opportunità di esercitare pressioni sui deputati e influenzare in modo significativo l’emergente agenda dei sistemi alimentari sostenibili dell’UE a porte chiuse . Da allora, l’EFF ha invitato i giornalisti ai suoi eventi.

Secondo l’e-mail trapelata, il motivo immediato della decisione del BEUC di andarsene sembra essere la preparazione di una tavola rotonda intitolata “Il viaggio verso il fronte europeo armonizzato dell’etichettatura degli imballaggi”.

Perrin ha affermato che l’EFF si sta concentrando molto sulla questione. “La proliferazione di eventi, molti sullo stesso argomento, ad esempio le etichette nutrizionali, ci rende il compito difficile date le nostre risorse limitate”.

L’EFF ha organizzato eventi relativi alle questioni relative all’etichettatura, da quello esplicito sulle etichette nutrizionali dello scorso dicembre a quello più recente sugli “imballaggi sostenibili” il 27 ottobre, in cui era presente un relatore del BEUC.

READ  Il Papa porta speranza ai poveri con una visita all'omonima casa di Assisi

Perrin ha anche affermato che “l’equilibrio” tra i deputati è stato “un po’ perso nel tempo”.

Sette dei 34 membri del Forum sono italiani, tra cui il Direttore Generale Luisella Ciani e la lobby degli agricoltori italiani Confagricoltura, che è una rarità tra i 26 membri delle imprese dell’EFF perché la maggior parte di loro sono organismi a livello UE.

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche è un altro membro, e i suoi ricercatori pubblicato confronto opera sulle opzioni dell’etichetta alimentare. Afferma che ci sono sia pro che contro per Nutri-Score e il marchio Nutrinform pagato dall’Italia e conclude che Nutri-Score “può essere un buon punto di partenza, ma necessita di una revisione”.

“È dispiaciuto che il BEUC abbia lasciato il forum e … spera che ritornino nel gruppo”, ha detto un portavoce del parlamento italiano Brando Benifi, fondatore dell’EFF del gruppo Socialisti e Democratici. “La nostra posizione su Nutri-Score è chiara”, ha aggiunto.

L’eurodeputata polacca Róża Thun und Hohenstein, che presiede l’EFF, ha osservato che il BEUC è d’accordo con la decisione di organizzare due eventi sull’etichettatura e Goyens si è seduto nel comitato direttivo della piattaforma, che concorda sul suo programma di eventi. “Siamo orgogliosi di avere una comunità in crescita di eurodeputati guidata da un team forte ed equilibrato di 34 eurodeputati in tutti e sette i gruppi politici e provenienti da 14 Stati membri”, ha scritto Thun.

È un peccato che il BEUC si sia dimesso, ha detto Salvatore de Meo, eurodeputato italiano del Partito popolare europeo di centrodestra.

“Ho riscontrato che tutte le discussioni EFF a cui ho partecipato sono sempre state molto equilibrate, considerando la presenza dei relatori e gli argomenti discussi, nonché le opinioni espresse”, ha affermato.

READ  "Zhang Jindong sta per diventare ministro dell'Economia, può cambiare tutto"

Questo articolo fa parte di PoliticoServizio di polizze assicurative Premium: Pro Agroalimentare. Dalla sicurezza alimentare alle malattie degli animali, ai pesticidi e altro ancora, i nostri giornalisti dedicati ti tengono aggiornato sugli argomenti che guidano l’agenda della politica agricola. e-mail [email protected] per una prova gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *