Un film documentario in uscita sull’arte e la cultura dei due paesi – Cinema Express

Cosa collega quanto segue? Processo di stampa di modelli senza sostanze chimiche per scarti del Kashmir, creazioni di pashmina, creazioni di cartapesta nel Bengala e vivaci manufatti a Villa Banza, un palazzo storico a Varese, Italia. Un documentario in uscita che esplora l’arte contemporanea in India e in Italia per comprendere i segni e i simboli circostanti nella storia e nella cultura.

Questo numero d’arte è diretto da Myna Mukherjee di EnGendered, un’organizzazione artistica con sede a New York / Delhi. È entusiasta di essere coinvolta nell’organizzazione di un progetto di documentario che ha riunito registi indiani e italiani. Il film di 120 minuti è girato in tutta l’India, tra cui Kashmir, Rann of Kutch, Kolkata, Bengaluru, Kochi e Spiti. Girato in collaborazione con David Quadrio dall’Italia, è diretto dai pluripremiati registi Onier (India) e Alessandra Galetta (Italia).

“Tutto ciò che ci circonda oggi, comprese le nostre identità, è modellato e manipolato da segni, parole, immagini e dal nostro linguaggio visivo. Lo studio servirà come un interessante riferimento digitale per esplorazioni interculturali, realizzazione di mostre, generazione di conoscenza e intrattenimento Saranno prese in considerazione sia le origini che l’uscita. Dal punto di vista accademico ed educativo, e allo stesso tempo fornisce informazioni sulle pratiche artistiche contemporanee di artisti diversi “, afferma Mukherjee.

Il team ha filmato alla Nrityagram School of Dance di Bengaluru a marzo e girerà anche a Shantiniketan nel Bengala occidentale e alla MS University di Baroda. Ma perché le scuole d’arte? “Stiamo anche osservando come le arti del nostro patrimonio vengono ora trasformate in arte contemporanea e tradizioni viventi, e queste università sono ottimi posti per studiare”, spiega Mukherjee.

È rimasta sbalordita dall’idea di portare artisti italiani e indiani quando ha sponsorizzato un progetto durante l’India Art Gallery due anni fa dove avevano tre artisti indiani e tre italiani. “Ho sentito la loro risonanza collettiva e ho deciso di riunirli in un progetto come questo”. Crede che il film, non la galleria d’arte, sia più facile da decifrare la segnaletica e il suo ruolo nell’arte attuale.

Dove è stato sparato
Kashmir, Rann of Kutch, Kolkata, Bengaluru, Kochi, Spiti, Contemporary Dolomites, Arte Silla, Il Busto Danza Vertical, Villa Banza, Casa Molino Museum

L’idea è di sentire gli artisti parlare una lingua che gli spettatori cresciuti in culture diverse possano capire. Il film sarà proiettato ad Artissima, la più importante galleria d’arte contemporanea italiana a Torino, nel novembre 2021, nell’ambito dell’India Hub, che sarà uno dei primi tour di arte indiana in assoluto nella più importante mostra d’arte in Italia insieme al Gallery Museum, aggiunge, dicendo di più sui pezzi italiani una volta che le riprese inizieranno entro la fine dell’anno.

READ  Il dipartimento universitario è pronto per un weekend di successo per la festa della mamma

“Stiamo esaminando diversi modi di percepire l’architettura, i modelli ei simboli utilizzati nell’arte del patrimonio. Quale geometria determina la tessitura degli artigiani gujarati? In che modo i produttori di tappeti disegnano i paesaggi intorno a loro? Il film artistico toccherà anche dipinti a tempera in Ajanta ed Ellora e l’arte della terracotta nel Bengala. “

Mukherjee rivela un fatto divertente: ci sono 22 processi in cui la tecnica Agrachig crea colori utilizzando prodotti naturali dalla curcuma al ferro. L’arte occidentale riflette molta astrazione, ma nell’arte indiana contemporanea la pietra non è solo una pietra, è un’eco di Shiva Ling. Stiamo cercando di catturare rapidamente questo realismo artistico in India e, naturalmente, in Italia. ” Dammi il cinque per questi progetti ibridi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *