Un critico dell’Autorità Palestinese è stato ucciso durante il suo arresto | Notizie dal Medio Oriente

Un critico esplicito dell’Autorità Palestinese che aveva intenzione di candidarsi alle elezioni parlamentari prima che fossero cancellate all’inizio di quest’anno è morto durante il suo arresto da parte delle forze dell’Autorità Palestinese giovedì.

Nizar Banat, 44 anni, è stato un critico vocale dell’Autorità Palestinese, che governa parti della Cisgiordania occupata da Israele, e ha invitato i paesi occidentali a tagliare gli aiuti a causa della sua crescente autorità e delle violazioni dei diritti umani.

Il Governatorato di Hebron ha dichiarato, in una breve dichiarazione, che “la salute di Banat” è peggiorata quando le forze palestinesi sono andate ad arrestarlo nelle prime ore di giovedì mattina. Ha detto che è stato portato in ospedale, dove è stato poi dichiarato morto.

Le circostanze esatte della sua morte rimangono poco chiare.

Secondo la sua famiglia, era ancora a letto quando una ventina di agenti dell’AP hanno fatto irruzione nella sua casa di Hebron e hanno iniziato a picchiarlo. I media locali li hanno citati dicendo che è stato trascinato via urlando.

All’inizio di maggio, uomini armati hanno sparato proiettili, granate stordenti e gas lacrimogeni nella sua casa vicino alla città di Hebron, in Cisgiordania, dove sua moglie era all’interno con i loro figli.

Ha incolpato l’attacco al movimento Fatah del presidente Mahmoud Abbas che domina le forze di sicurezza, dicendo che otterrebbe solo gas lacrimogeni e bombe sonore.

“Gli europei devono sapere che stanno finanziando indirettamente questa organizzazione”, ha detto Banat all’Associated Press a maggio in un’intervista in una casa in cui si nascondeva.

“Sparano in aria alle celebrazioni di Fatah, sparano in aria quando i leader di Fatah si combattono e sparano contro coloro che si oppongono a Fatah”.

READ  Muore Donald Rumsfeld: muore a 88 anni il capo della difesa di Bush che sovrintendeva alle invasioni di Afghanistan e Iraq

ondata di critiche

Ha anche accusato le figlie di importanti sostenitori di Fatah di aver lanciato una campagna di incitamento contro di lui sui social media, accusandolo di collaborare con Israele – una rivendicazione pericolosa nei territori palestinesi che equivale a tradimento. Ha negato l’accusa.

All’inizio di questa settimana, le forze di sicurezza palestinesi hanno arrestato un importante attivista e lo hanno detenuto durante la notte dopo aver lanciato un’ondata di critiche all’Autorità palestinese su Facebook. Issa Amro è uno schietto critico sia di Israele che dell’Autorità Palestinese, ed è stato arrestato da entrambe le parti in passato.

Un recente sondaggio ha mostrato il sostegno ad Abbas, che ha annullato le prime elezioni in 15 anni ad aprile, calando quando sembrava che il suo movimento diviso Fatah avrebbe subito un’altra umiliante sconfitta per Hamas, il gruppo al potere a Gaza.

Hamas ha espulso le forze fedeli ad Abbas quando ha preso il potere a Gaza nel 2007 dopo essere stato eletto democraticamente nel 2006, e il leader palestinese è stato per lo più messo da parte durante l’offensiva di 11 giorni di Israele su Gaza il mese scorso.

I paesi occidentali continuano a vedere Abbas come un partner chiave nel processo di pace a lungo moribondo e l’Unione Europea ha fornito centinaia di milioni di dollari in aiuti diretti all’Autorità Palestinese nel corso degli anni.

All’inizio di questa settimana, l’Unione Europea ha firmato un accordo per fornire 425 milioni di dollari in prestiti all’Autorità Palestinese e alle banche palestinesi per aiutarle ad affrontare la crisi economica esacerbata dalla pandemia di coronavirus.

READ  Brexit: The United Kingdom enters a "new chapter" outside the European Union as the transition period ends

“Forza eccessiva e spietata”

Nel frattempo, AI rapporto Giovedì è stato rilasciato che la polizia israeliana aveva commesso “una serie di violazioni contro i palestinesi in Israele e nella Gerusalemme est occupata”.

Ha accusato la polizia di attuare una repressione discriminatoria che include “arresti di massa radicali, uso illegale della forza contro manifestanti pacifici e sottoporre i detenuti a tortura e altri maltrattamenti”.

Il rapporto si basava sulle testimonianze di diversi testimoni e 45 video e altre forme di media digitali per documentare più di 20 casi di abusi da parte della polizia israeliana tra il 9 maggio e il 12 giugno.

L’organizzazione ha affermato che i suoi risultati hanno mostrato che la polizia israeliana non è riuscita a proteggere i cittadini palestinesi di Israele da attacchi deliberati da parte di gruppi nazionalisti ebrei armati.

Al 10 giugno, la polizia israeliana aveva arrestato più di 2.150 persone, il 90% delle quali erano cittadini palestinesi di Israele o residenti nella Gerusalemme Est occupata, secondo l’organizzazione palestinese per i diritti umani Musawah.

Alcuni dei casi documentati dal rapporto includono quello del diciassettenne Muhammad Mahmoud Kiwan, che è stato colpito alla testa vicino a Umm al-Fahm, nel nord di Israele, il 12 maggio ed è morto una settimana dopo.

Ha anche documentato il caso della quindicenne Jana Kiswani, che è stata colpita alla schiena quando è entrata nella sua casa a Sheikh Jarrah il 18 maggio.

Suo padre, Muhammad, ha detto ad Amnesty International che le sue vertebre erano rotte e che i medici non sapevano se avrebbe mai più camminato.

“Le prove raccolte da Amnesty International dipingono un quadro convincente della discriminazione e della brutale eccessiva forza praticata dalla polizia israeliana contro i palestinesi in Israele e nella Gerusalemme est occupata”, ha affermato Saleh Hegazy, vicedirettore per il Medio Oriente di Amnesty International.

READ  Madrid explosion: two dead and several wounded in an explosion in the Spanish capital

“Questa campagna discriminatoria è stata orchestrata come atto di vendetta e intimidazione per schiacciare le manifestazioni pro-palestinesi e mettere a tacere coloro che si pronunciano per condannare la discriminazione istituzionalizzata di Israele e l’oppressione sistematica dei palestinesi”.

Amnesty International ha chiesto alla Commissione d’inchiesta del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite di indagare sugli abusi commessi dalla polizia israeliana contro i palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *