Un archeologo egiziano esplode davanti a uno ‘spettacolo davvero sorprendente’ all’interno del ‘Labirinto del Tesoro’ | mondo | notizia

KV17, situata nella Valle dei Re in Egitto, è la tomba del faraone Seti I della XIX dinastia. Fu scoperto per la prima volta da Giovanni Battista Belzoni il 16 ottobre 1817, ma è stato chiuso all’inizio degli anni ’60 a causa di gravi danni alla struttura. Tuttavia, all’egittologa Joanne Fletcher è stato concesso un accesso speciale durante il film Odyssey Valley of the Kings: The Egyptian Golden Age.

Dopo la sua morte senza eredi, Tutankhamon succedette a una serie di governanti militari: la XIX dinastia.

“Senza un’origine reale diretta, la nuova dinastia aveva bisogno di riconnettersi con l’illustre passato dell’Egitto, quindi ha riportato le credenze tradizionali nel Rinascimento guidata da uno dei suoi governanti più influenti – Seti I.

“La sua tomba nella Valle dei Re è la più grande tomba del faraone mai creata qui.

“Ho ottenuto un permesso speciale per esplorare questo labirinto di tesori.”

Dirigendosi all’interno della tomba, il professor Fletcher è rimasto sbalordito dal suo straordinario contenuto.

Ha aggiunto: “Ci invita negli inferi e ci attira solo nell’oscurità: è davvero un cimitero davvero profondo.

“I corridoi e le stanze sono lunghi 174 metri, tutti intagliati a mano e coperti dal pavimento al soffitto in alcune viste davvero sorprendenti.

“Che stanza meravigliosa, completamente piena di stelline dorate e scintillanti.

“Ma le pareti della tomba di Seti portano un messaggio chiaro, che indica il ritorno degli dei tradizionali in Egitto in piena forza”.

Per saperne di più: Hacking Egitto: una caratteristica “trascurata” nella maschera di Tutankhamon ha rivelato un antico “segreto”

Ha decorazioni ben tenute in tutte tranne due delle 11 stanze e stanze laterali.

READ  Makura, the only white kiwi bird born in captivity, is dying in New Zealand

Una delle stanze sul retro è decorata con l’apertura della bocca, che indica che gli organi della mummia per mangiare e bere funzionano correttamente.

Credere nella necessità di queste funzioni nell’aldilà, questo era un rituale molto importante.

Un lungo tunnel conduce anche più in profondità nel fianco della montagna da sotto il sito in cui si trovava il sarcofago nella camera funeraria.

Alcuni credono che questo abbia portato a una “camera funeraria segreta”, ma recenti scavi hanno dimostrato che questa teoria è sbagliata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *