Ultima guerra in Ucraina: il petrolio Usa scende sotto i 100 dollari al barile

La produzione economica dell’Ucraina è destinata a ridursi di almeno il 10% quest’anno, secondo il Fondo monetario internazionale, poiché l’invasione russa ha provocato una devastazione diffusa.

In un rapporto aggiornato dello staff, completato il 7 marzo e pubblicato lunedì, il Fondo monetario internazionale ha avvertito che l’Ucraina subirà una “profonda recessione” quest’anno, poiché le previsioni di crescita si deteriorano di un minimo di 13,5 punti percentuali rispetto alle stime prebelliche e al PIL diminuisce il 10 percento reale.

Il fondo prevede che l’impatto economico della guerra sarà “candido e grave”, con un consumo limitato ai “bisogni di base” a causa della crescente popolazione di rifugiati, dei detriti diffusi delle infrastrutture chiave e di altre interruzioni dell’approvvigionamento. L’inflazione, già a un ritmo annuo del 10 per cento a gennaio, dovrebbe peggiorare.

Prima degli attacchi russi, l’Ucraina aveva bisogno di finanziamenti finanziari per circa 19,5 miliardi di dollari ed era fortemente dipendente da fonti nazionali. Il FMI ora prevede che il disavanzo aumenterà a circa il 3% del PIL una volta preso in considerazione il sostegno ufficiale, incluso il fondo. 1,4 miliardi di dollari in “finanziamenti rapidi” Approvato la scorsa settimana: il paese avrà un disavanzo fiscale di 7,4 miliardi di dollari.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato che l’emissione di più titoli di guerra (che l’Ucraina ha già utilizzato per finanziare le sue forze armate) e la “mobilitazione su larga scala” di nuovi finanziamenti da entità multilaterali, a condizioni agevolate, sarebbero necessari per colmare il divario. Le stime di finanziamento sono “minime”.

Le nuove proiezioni presuppongono in linea di massima una “rapida risoluzione” del conflitto con un “sostanziale” sostegno economico fornito dal settore ufficiale, e sono pertanto soggette a “enorme incertezza”.

READ  Globe lancia il servizio di roaming 5G in Italia e in altre località del Nord America

“Un aumento della perdita di capitale fisico e la migrazione di massa porteranno a una contrazione più pronunciata della produzione, un crollo dei flussi commerciali, un’ulteriore erosione della capacità di riscossione delle tasse e un ulteriore deterioramento della situazione finanziaria ed esterna”, il relazione dichiarata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *