UFC 263: Marvin Vittori lo ha sminuito prima della lotta per il titolo con Israel Adesanya

Marvin Vittori era 2-1 quando ha affrontato Israel Adesanya nell’aprile 2018. Le cose non sono andate per il verso di Vittore che ha perso per decisione divisa.

Da quel momento Vittori non fu sconfitto, vincendo cinque incontri di fila. Questa serie gli è valsa un’opportunità irripetibile sabato sera all’evento principale di UFC 263, dove incontra di nuovo Adesanya. Ma questo round è per il campionato dei pesi medi.

Prima di entrare nell’ottagono con “The Last Style Bender”, Vettori discute ciò che i giudici hanno detto che non vedeva da poco più di tre anni, perché ritiene che Adesanya sia sopravvalutata e se sta ottenendo il giusto rispetto per UFC 263.

(Nota dell’editore: questa intervista è stata modificata per lunghezza e chiarezza.)

stordito: Quanto sei eccitato mentre ci avviciniamo sempre di più alla lotta?

Marvin Fituri: Sono così emozionato. Sono ancora davvero al centro, ma non vedo l’ora, amico. Questa è l’opportunità di una vita. Sono passati dodici anni da questo momento ed è meglio essere sicuri che ne trarrò il massimo vantaggio e diventerò il primo campione italiano UFC.

stordito: Davvero non si vedono molti eventi MMA in Italia. Non vedi molti pugili italiani raggiungere il tuo livello. Cosa significa per te essere il primo campione italiano dell’Ultimate Fighting Championship?

MV: Tutto, amico. Significherà tutto. Voglio solo dimostrare alla gente [and] Tutti in Italia anche se le probabilità sono contro di voi, possiamo farcela. Fai quello che dovresti fare ogni giorno, impara da esso e continua a imparare con una mente aperta. Le cose accadranno giorno dopo giorno. Quei giorni si accumulano, continui a migliorare e continui ad andare avanti. Questo è tutto ciò che conta, un giorno sarai dove vuoi essere e poi fisserai nuovi obiettivi ecc.

READ  Ronaldo torna in Portogallo mentre la Juventus lotta per mantenere l'élite europea

stordito: Perché secondo te non vediamo molti italiani negli sport da combattimento?

MV: Non lo so. Molti italiani stanno diventando più morbidi a dire il vero. L’Italia è diventata morbida per un motivo. È un percorso difficile da seguire. Non c’è nessuno che ti spinga ad amare il Regno Unito o l’America dove combattere è una cosa. Il mio compito sarà mostrare alle persone che questo è il miglior sport di sempre e che le persone dovrebbero praticarlo

stordito: A pesi medi, ho avuto la lotta più dura per Israel Adesanya. Cosa ne pensi dell’opinione dei giudici mentre combattono la precedente per Adesanya?

MV: Registra i trucchi. Hanno registrato la sua mossa, i calci alle gambe e alcuni pugni più di me che ero al centro del ring, e io ero l’aggressore per la maggior parte del tempo, cercando di spingere il ritmo della lotta. Anche i colpi importanti sono stati davvero ravvicinati con la differenza che io lo spingevo contro la gabbia, cercando di liberarla.

stordito: Qual era il tuo cervello che motivava la corsa che stai facendo ora?

MV: Sapevo dove appartenevo. Sapevo che sarei stato il migliore. Questa è la mia guida. Sapevo anche che, indipendentemente dal fatto che fosse un campione o meno, l’avrei affrontato di nuovo. Non era questo il motivo principale, ma il mio motivo principale era diventare il migliore al mondo. Ovviamente voglio regolare i conti e dimostrare di essere il migliore al mondo, colpirlo e colpirlo ancora.

stordito: Hai visto il suo incontro con Jan Blachovich a marzo?

MV: Sì.

stordito: Cosa ne pensi di quella lotta e le prestazioni di Adesanya?

READ  L'italiano Petiol vince la 18a tappa del Giro d'Italia

MV: Era solo la conferma di molte cose che sapevo. Jean ha fatto molte cose buone. Stava vedendo un sacco di cose che ha sempre cercato di fare. Ha chiaramente vinto la battaglia ai miei occhi. Loro (UFC) hanno cercato di rendere Israele più grande di quello che è. Hanno provato a costruire questa immagine dove sembra che sia più alta di quanto non sia in realtà. Lo hanno messo in una lista come 6-4. Hanno costruito questa sua foto. Fondamentalmente è rumore. Non ho mai creduto a questo clamore. Non crederò nemmeno al mio clamore, credo nel duro lavoro. Questo è. Credo in quello che faccio ogni giorno in allenamento. Penso che nessuno stia facendo rumore. Jean andò a colpirlo. È tipo, ‘Vuoi venire qui, io sono l’eroe qui. Vieni qui papà, ti faccio vedere come si fa. Ed è quello che ha fatto. Stava solo confermando molte cose che già sapevo. Sabato sarà lo stesso.

stordito: Pensi che sia sopravvalutato?

MV: Si certo.

stordito: perché?

MV: (ride) È buono, ma non è buono come i media e la loro rappresentazione dell’UFC. Alla fine della giornata, non mi interessa davvero perché non sto cercando di combattere. Devo combattere. Non mi interessa davvero. L’importante per me è lottare e avere l’opportunità di dimostrare di essere il migliore. Questo è tutto ciò che mi interessa.

stordito: Sembra che il percorso sarà l’UFC che vuole ottenere prima Israele e Robert Whitaker. Poi Robert non era pronto a combattere e poi ti hanno offerto l’opportunità. Pensi che tutti non apprezzino nulla perché si aspettavano che Robert gli avessi persino dato il combattimento più duro nel 185?

READ  L'organizzatore della gara conferma che la Formula 1 non ospiterà il Gran Premio di Roma

MV: Alla fine della giornata, non mi interessa cosa pensa la gente. Ero pronto quando Robert non lo era.

stordito: Cosa significa vincere per te a livello personale per diventare il campione dei pesi medi UFC?

MV: Dimostra solo che posso fare qualsiasi cosa mi prefiggo di fare più di ogni altra cosa, essere il migliore in qualcosa e dimostrare al mondo che sono il migliore.

stordito: Come si vince il titolo dei pesi medi a UFC 263?

MV: Lo vedo frustrato lì mentre approfitto di alcuni degli errori che fa. Alla fine l’ho finito e ho chiarito che ero il miglior peso medio del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *