Ue approva 191,5 miliardi di euro di recovery fund per l’Italia

Roma (AFP) – La commissione esecutiva dell’Unione europea ha approvato martedì formalmente 191,5 miliardi di euro (228,5 miliardi di dollari) in fondi per la ripresa dalla pandemia per l’Italia, la terza più grande economia del blocco di 27 nazioni.

Il premier Mario Draghi ha affermato che i fondi renderanno l’Italia “più equa, più competitiva e più sostenibile nella sua crescita”. Ha parlato in una conferenza stampa congiunta a Roma con il presidente della Commissione in visita Ursula von der Leyen.

Il Paese più colpito dell’Unione Europea in termini economici e in termini di decessi per epidemie, l’Italia riceve la maggior parte dei fondi per la ripresa dall’Unione Europea, che si compone di 68,9 miliardi di euro di sovvenzioni e 122,6 miliardi di prestiti.

L’approvazione della Commissione è un passo importante verso la distribuzione dei fondi per il vasto piano di riforme e investimenti dell’Italia. Von der Leyen ha affermato che i primi soldi potrebbero essere rilasciati entro quattro settimane, dopo che il Consiglio europeo ha approvato il piano.

Più di un terzo di tutti i finanziamenti italiani è dedicato a progetti a sostegno degli obiettivi climatici e un quarto agli investimenti digitali.

Von der Leyen ha affermato che le riforme chiave includono piani per ridurre la durata dei processi civili e penali, modernizzare la pubblica amministrazione e riformare il diritto della concorrenza.

“Questo è solo l’inizio”, ha detto Draghi. “La sfida ora è mettere in atto il piano, dobbiamo assicurarci che i soldi siano spesi, ma soprattutto siano ben spesi”.

Citando esempi precedenti in cui l’Italia ha speso solo una piccola parte dei soldi stanziati dall’Unione Europea, ha detto che se i fondi fossero usati in modo efficiente, alcuni programmi potrebbero diventare permanenti.

READ  Napa celebra una nuova città gemella: Montalcino, Italia | notizie locali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *