Turisti statunitensi condannati all’ergastolo per aver ucciso un poliziotto

Mercoledì un tribunale italiano ha condannato all’ergastolo due turisti statunitensi in relazione all’omicidio del 2019 di un poliziotto nei pressi di un hotel a Roma.

Finnegan Lee Elder, allora 19enne, ha ammesso di aver accoltellato Mario Cercello Rega nelle prime ore del 26 luglio 2019, mentre il suo amico Gabriel Christian Nadel-Horth, allora 18enne, stava litigando con un altro agente di polizia.

Tuttavia, la coppia afferma di aver agito per legittima difesa perché i due poliziotti, che all’epoca non erano in uniforme, pensavano di essere delinquenti per poterli prendere dopo un tentativo di acquistare droga.

Il tribunale ha rigettato la loro testimonianza e ha emesso la sentenza più severa possibile in Italia. Secondo il diritto penale italiano, i trasgressori che scontano l’ergastolo possono beneficiare della libertà condizionale dopo 21 anni se hanno una buona condotta.

Gli avvocati della difesa hanno annunciato che avrebbero presentato ricorso immediatamente.

Due americani della California sono stati giudicati colpevoli di estorsione, aggressione, aggressione a un pubblico ufficiale e trasporto di un coltello in stile aggressivo senza una ragione apparente.

La coppia è stata rapidamente espulsa dopo essere stata condannata. La vedova di Cercello Rega, che era in aula con in mano una foto del marito morto, aveva il cuore spezzato dopo l’annuncio del verdetto.

The Elder e Nadal-Horth sono venuti a Roma per le vacanze e hanno cercato di acquistare droga dai commercianti locali in un punto turistico. Hanno detto alla corte di essere stati ingannati, ma sono stati in grado di strappare una borsa a un intermediario quando ha cercato di scappare.

Hanno quindi deciso di incontrare di nuovo i concessionari per riavere i loro soldi in cambio della bici, ma invece si sono presentati con due poliziotti. The Elder ha testimoniato che la coppia li aveva aggrediti, costringendo lui e Natale-Horth a difendersi.

READ  L'Italia ha un nuovo modo per combattere gli straordinari

Il secondo poliziotto Andrea Varriel ha negato, dicendo che si erano chiaramente identificati. A seguito del verdetto ha abbracciato la vedova del compagno assassinato.

scusate

La polizia dice che il 35enne Chercello Rega era disarmato all’epoca ed è stato pugnalato 11 volte da una lama da 18 cm (7 pollici) che aveva portato con sé dagli Stati Uniti.

La morte del appena sposato Cercello Rega ha scosso l’Italia, e ci fu una iniziale incredulità che due giovani americani potessero essere responsabili di tali violenze.

I media italiani hanno riferito che lo spacciatore è una persona informata. L’anziano, comparso in tribunale lo scorso settembre, si è scusato per quello che aveva fatto.

Nadal-Horth inizialmente ha detto alla polizia di non essere coinvolto nell’omicidio e di non sapere che il suo amico stesse urlando. Tuttavia, le sue impronte digitali sono state trovate su un pannello sul soffitto di una stanza d’albergo dove era nascosta la lama.

Secondo la legge italiana, chiunque sia indirettamente coinvolto in un omicidio può essere accusato di omicidio.

“Questa è una sentenza tecnicamente e legalmente viziata che non può essere confermata in appello, ma è stata uno shock per noi”, ha detto Francesco Betrelli, avvocato che ha difeso Nadal-Hogort.

Entrambi gli americani hanno diritto a due ricorsi prima che la loro sentenza diventi definitiva.

I nostri standard: Principi della Thomson Reuters Foundation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *