Turchia: la polizia indaga su false voci online sulla morte di Erdogan | Recep Tayyip Erdogan

Trenta persone stanno affrontando un’azione legale dopo che la polizia turca ha aperto un’indagine sulla diffusione di voci sui social media sul presidente Recep Tayyip Erdogan È morto.

Una dichiarazione della polizia mercoledì ha affermato che gli utenti di Twitter che hanno pubblicato con l’hashtag di tendenza “olmush” – quasi “si dice che siano morti” – sono stati indagati per aver condiviso “disinformazione e contenuti fraudolenti”.

Separatamente, gli avvocati personali di Erdogan hanno presentato una denuncia alla Procura di Ankara, chiedendo che gli utenti di Twitter coinvolti siano indagati per “insulti” al presidente, che possono portare a una pena detentiva fino a quattro anni.

La salute di Erdogan è oggetto di speculazioni intermittenti dal 2011, quando uno dei suoi medici è stato costretto a registrarsi per negare al leader turco di avere il cancro. Erdogan, che ora ha 67 anni, è stato sottoposto a una grave operazione di bypass gastrico nel 2012.

L’ultima ondata di indiscrezioni sembra provenire da filmati del vertice del G-20 della scorsa settimana a Roma, in cui il presidente sembrava avere difficoltà a camminare. La decisione dell’ultimo minuto del leader turco di non partecipare ai colloqui Cop26 a Glasgow, a causa di una lite sui protocolli di sicurezza, ha scatenato la sua assenza dalla cerimonia di mercoledì in occasione del 19° anniversario dell’ascesa al potere del suo partito.

È apparso anche malato, a volte gemendo, in un video per Bayram a luglio.

Il direttore delle comunicazioni di Erdogan, Fahrettin Altun, e diversi politici del Partito Giustizia e Sviluppo al governo hanno negato le accuse secondo cui il presidente è malato, twittando video e foto del presidente nei suoi recenti impegni.

READ  Un critico dell'Autorità Palestinese è stato ucciso durante il suo arresto | Notizie dal Medio Oriente

Il leader è arrivato da Istanbul ad Ankara. È in buona salute. “Coloro che cercano di morderlo perderanno i denti”, ha detto in un tweet su Twitter il vice leader del partito, Ahmed Hamdi Jamli.

Il mese scorso, l’account Twitter ufficiale di Erdogan ha pubblicato un video del leader turco che giocava a basket con i suoi aiutanti dopo che i politici dell’opposizione hanno iniziato a chiedersi se fosse fisicamente e mentalmente adatto per il lavoro.

“Ho passato la mia vita politica combattendo contro Erdogan… La mia unica speranza è che Erdogan sia in forma e in salute” [next] Aykut Erdogando, vice leader del Partito popolare repubblicano all’opposizione, ha twittato.

La Turchia dovrebbe tenere le elezioni generali prima del giugno 2023. E mentre i gruppi per i diritti umani affermano che le istituzioni del paese sono state armate contro gli oppositori di Erdogan durante i suoi quasi 20 anni di mandato, l’economia vacillante del paese ha spinto il sostegno al suo partito ai minimi storici.

La “diffamazione” pubblica della Repubblica turca e del capo di stato turco è illegale in Turchia dal 1926, ma il numero di denunce penali presentate è aumentato drammaticamente dopo che Erdogan, l’ex primo ministro, è diventato presidente nel 2014.

Secondo i dati del Dipartimento di Giustizia, negli ultimi sette anni sono state avviate più di 160.000 indagini e quasi 13.000 persone sono state condannate per “insulto” al presidente.

Anche questa settimana, i media turchi hanno riferito che una giornalista è stata condannata a due anni di carcere per aver insultato il presidente pubblicando una poesia ottomana di 300 anni su Facebook, e una donna di 96 anni di Şanlıurfa sarà perseguita per i suoi commenti . In un video pubblicato sui social media, ha “utilizzato osservazioni che potrebbero offendere l’onore e il rispetto del presidente”.

In una sentenza emessa il mese scorso, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che il suo diritto alla libertà di espressione è stato violato da un uomo che era stato arrestato per i post di Facebook critici nei confronti di Erdogan. Il tribunale ha invitato la Turchia a cambiare la legge ea risarcire gli accusati, ma mentre le sentenze dell’organo di Strasburgo sono vincolanti, Ankara spesso le ignora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *