Turchia: il giornalista ‘non sfuggirà alla punizione’ per aver insultato Erdogan | tacchino

Presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, che ha promesso che il noto giornalista televisivo non l’avrebbe “fatta franca” dopo essere stato arrestato con l’accusa di averlo insultato.

La polizia ha arrestato un amico di montoni Sabato a casa sua alle 2 di notte, poche ore dopo aver mandato in onda i commenti e poi postarli su Twitter ai suoi 900.000 follower.

Il presunto insulto, ad esempio, è stato tradotto come: “Quando il toro viene a palazzo, non diventa un re. Ma il palazzo si trasforma in un fienile”.

È stata ufficialmente arrestata dopo essere apparsa in tribunale.

“Questo crimine non rimarrà impunito”, ha detto Erdogan in un’intervista trasmessa dal canale televisivo privato NTV.

“È nostro dovere proteggere il rispetto per il mio lavoro e la presidenza”, ha affermato. “Non ha nulla a che fare con la libertà di espressione”.

Ha criticato la proposta dell’opposizione del Partito popolare repubblicano di abolire il reato di oltraggio al Presidente della Repubblica, che prevede una pena detentiva da uno a quattro anni.

Il Sindacato dei giornalisti turchi ha descritto l’arresto di Kabas come un “serio attacco alla libertà di espressione”.

I gruppi per i diritti li accusano regolarmente tacchino per minare la libertà dei media arrestando i giornalisti e chiudendo i media critici, in particolare da quando Erdogan è sopravvissuto a un fallito colpo di stato nel luglio 2016.

Reporter senza frontiere ha classificato la Turchia al 153° posto su 180 nel suo indice della libertà di stampa del 2021.

READ  L'avvocato di Joel Greenberg sta sollevando imminenti notizie "imperdibili" su Matt Gates

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *