Trump fa causa alla Commissione del 6 gennaio e agli Archivi nazionali

L’ex presidente Donald Trump ha citato in giudizio un comitato ristretto della Camera che indagava sulle rivolte del Campidoglio il 6 gennaio dopo aver citato in giudizio molti dei suoi ex migliori consiglieri e richiesto documenti della Casa Bianca dagli Archivi nazionali.

Trump chiede a un tribunale federale di Washington, D.C., di impedire ai National Archives di consegnare una serie di informazioni sul funzionamento interno della Casa Bianca come parte delle sue indagini sui disordini del 6 gennaio.

La causa di Trump, depositata lunedì presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti, includeva i nomi degli imputati come il comitato stesso e il suo presidente, il rappresentante Benny Thompson, nonché l’archivista David Ferrero.

Il documento afferma che la Commissione “ha deciso di molestare il presidente Trump e i membri anziani della sua amministrazione (tra gli altri) inviando una richiesta illegale, infondata e diffusa di documenti all’archivista degli Stati Uniti”. ”

In un linguaggio striminzito, critica le richieste della commissione in quanto troppo vaghe e critica il presidente Biden per aver accettato di consentire la consegna dei documenti interni della Casa Bianca.

Trump ha scritto che “questa richiesta ‘completa’ autodefinita ha una portata praticamente illimitata e cerca efficacemente ogni record e comunicazione presidenziale che potrebbe riguardare in larga misura gli eventi del 6 gennaio 2021”.

L’ex presidente Donald Trump ha citato in giudizio la commissione e gli archivi del 6 gennaio per un’indagine che ha definito “illegale” e “infondata” in un file.

La sua causa riflette il suo status durante le precedenti indagini del Congresso quando era in carica e ha ordinato agli alti funzionari di non partecipare.

Il suo status legale ora è un po’ diverso. Il presidente Joe Biden e la sua amministrazione hanno affermato che non rivendicheranno il privilegio esecutivo e in dichiarazioni pubbliche hanno ripetutamente parlato dell’importanza dell’indagine del 6 gennaio.

La scorsa settimana ha visto scadenze per gli ex aiutanti di primo piano per testimoniare sotto una citazione in giudizio. L’avvocato di Trump ha detto ai funzionari che intendeva confermare il franchising.

READ  Nancy Pelosi invita gli Stati Uniti a boicottare le Olimpiadi invernali di Pechino | Notizie dagli Stati Uniti

I legislatori minacciano di incriminare i testimoni, tra cui l’ex capo stratega della Casa Bianca Steve Bannon, se non si presentano o non forniscono documenti.

L'attacco del 6 gennaio al presidente del comitato ristretto della Camera, Benny Thompson, è stato nominato nella causa

L’attacco del 6 gennaio al presidente del comitato ristretto della Camera, Benny Thompson, è stato nominato nella causa

Il comitato dovrebbe votare martedì sull'opportunità di disprezzare l'ex capo stratega della Casa Bianca Stephen Bannon dopo che si è rifiutato di rispettare un mandato di comparizione, citando l'intenzione di Trump di rivendicare il diritto di voto.

Il comitato dovrebbe votare martedì sull’opportunità di disprezzare l’ex capo stratega della Casa Bianca Stephen Bannon dopo che si è rifiutato di rispettare un mandato di comparizione, citando l’intenzione di Trump di rivendicare il diritto di voto.

Una folla di sostenitori del presidente degli Stati Uniti Donald Trump combatte con membri delle forze dell'ordine alla porta che hanno aperto mentre assaltano il Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, Stati Uniti, 6 gennaio 2021

Una folla di sostenitori del presidente degli Stati Uniti Donald Trump combatte con membri delle forze dell’ordine alla porta che hanno aperto mentre assaltano il Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, Stati Uniti, 6 gennaio 2021

La registrazione attacca anche il presidente Biden, dicendo che “rifiuta” di esercitare il privilegio sulle richieste di documenti – a seguito delle ampie richieste del comitato di documenti relativi agli eventi alla Casa Bianca il 6 gennaio, così come nei giorni che hanno preceduto le rivolte, che quando il Congresso si è riunito per contare i voti elettorali che hanno reso Biden presidente.

L’applicazione cerca anche record che non hanno alcun collegamento ragionevole con gli eventi di quel giorno. In uno stratagemma politico per assecondare i suoi alleati partigiani, il presidente Biden ha rifiutato di rivendicare un privilegio esecutivo su diversi documenti chiaramente contrassegnati richiesti dal comitato’, secondo il deposito. La richiesta della commissione non è altro che una spedizione di pesca illegale e dannosa che Biden ha pubblicamente approvato ed è progettata per indagare in modo incostituzionale sul presidente Trump e sulla sua amministrazione. Le nostre leggi non consentono un’azione così sconsiderata ed eclatante contro un ex presidente e i suoi stretti consiglieri.

La commissione sta cercando informazioni dagli archivi degli eventi del 6 gennaio e ha convocato ex alti funzionari tra cui l'ex capo di stato maggiore Mark Meadows a comparire.

La commissione sta cercando informazioni dagli archivi degli eventi del 6 gennaio e ha convocato ex alti funzionari tra cui l’ex capo di stato maggiore Mark Meadows a comparire.

La registrazione ha fatto esplodere una richiesta di informazioni su tutte le dichiarazioni di Trump il 6 gennaio – tra i resoconti della stampa di discussioni interne mentre i consiglieri lo imploravano di dire ai suoi sostenitori di tornare a casa dopo la violazione del Campidoglio.

Le dichiarazioni pubbliche rilasciate sono una cosa, ma l’idea che il Congresso abbia in qualche modo il diritto di richiedere e rivedere qualsiasi conversazione privata, nota o bozza di dichiarazione pubblica considerata dal Presidente degli Stati Uniti e dai suoi stretti consiglieri, senza restrizioni (tra altre cose) il soggetto, distruggerebbe il tessuto stesso della separazione costituzionale dei poteri e dell’invasione delle prerogative essenziali volte a preservare l’indipendenza e il funzionamento del ramo esecutivo”, secondo la causa di Trump.

La causa cerca di individuare una serie di richieste di documenti, inclusa una richiesta per gli orari e il luogo in cui si trovano i consulenti senior il 6 gennaio.

La causa è stata intentata dall’avvocato della Virginia Jesse R. Benal, la cui biografia dice che è un avvocato esperto che nel suo tempo libero si diverte a fare immersioni con gli squali.

In precedenza aveva intentato una causa in Nevada chiedendo a un giudice di ribaltare i risultati e rendere Trump il vincitore. “Donald Trump ha vinto … dopo che ho fatto dichiarazioni su frodi e irregolarità che si sono verificate”, ha detto ai giornalisti giorni dopo le elezioni.

READ  Afghanistan: Boris Johnson e Dominic Raab continuano a lottare per una risposta internazionale alla crisi | notizie di politica

Allo stesso modo, la causa fa esplodere le richieste di informazioni del comitato che esplorano una serie di movimenti individuali nelle ultime settimane dell’amministrazione Trump, inclusa l’installazione di lealisti Trump sulla base della “rappresentazione”.

Secondo la lettera, il comitato ha anche chiesto informazioni sui cambiamenti di personale nei dipartimenti della difesa e della giustizia, dell’FBI, della CIA e del Dipartimento della sicurezza interna, nonostante il fatto che tutti i membri di questi dipartimenti e agenzie lavorino a piacere del presidente , e qualsiasi cambiamento di personale in questi dipartimenti è ad assoluta discrezione dell’autorità esecutiva e del suo rappresentante.

Citazioni breviStati Uniti contro Nixon, in un caso in cui il presidente Richard Nixon ha cercato di trattenere i nastri del Watergate, nonché il più recente Trump contro Mazars Usa, in una battaglia sulle dichiarazioni dei redditi di Trump è arrivata alla Corte Suprema.

La causa attacca la rinuncia al privilegio esecutivo dell’amministrazione Biden come “una manovra politica miope progettata per mantenere il sostegno dei suoi oppositori politici e non basata su alcun principio legale riconoscibile”.

La causa chiede alla corte di “invalidare” la richiesta del comitato ristretto della Camera e di emettere un’ingiunzione che impedisca agli Archivi nazionali di consegnare i documenti.

La causa è costellata di attacchi alla commissione stessa che non accetta la legittimità della sua indagine. Lo descrive come un “tentativo fuorviante di intimidire e molestare il presidente Trump e i suoi sostenitori con il pretesto di un’indagine sugli eventi del 6 gennaio 2021”.

Il rappresentante del membro del comitato Zoe Lofgren della California ha strappato la tuta.

Ha descritto Trump come una persona a cui piace molto fare causa. È stato coinvolto in piccole cause per tutta la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *